• +Telefono : 081 5704220 - Mobile : 3938628808
  • ares@infoares.it

“S” come Sport… “S” come Sicurezza

“S” come Sport… “S” come Sicurezza

No Comment

Parte il 1 luglio 2017 il decreto che obbliga la presenza di defibrillatori nelle attività sportive non agonistiche.

Di Serena Giorgio

Tra speranze sopite, lunghe attese e rinvii, il momento fatidico è lietamente giunto. Il 1° luglio 2017 entra, finalmente, in vigore l’obbligo per tutte le società sportive dilettantistiche di possedere all’interno del proprio impianto un defibrillatore e la presenza di un addetto, adeguatamente formato, per l’utilizzazione dello stesso nei casi di emergenza.

“Oggi teniamo fede alla nostra parola” ed è così che il ministro dello Sport Luca Lotti commenta il traguardo appena raggiunto.

Molte volte, purtroppo, la cronaca ha dovuto riportare infelici casi di giovani sportivi scomparsi; troppo spesso, disgraziatamente, si è ritenuta aggravante la mancanza della strumentazione che, invece, avrebbe potuto salvarli.

Tragedie evitabili, dunque, quelle condannate dalla cronaca; drammi scongiurati quelli previsti dal decreto, finalmente, adottato dal ministro della Salute con il ministro dello Sport. “Ci siamo detti che avremmo dovuto fare di tutto perché non accadesse di nuovo.

Abbiamo mantenuto quella promessa” le ultime battute registrate su di un post Facebook a cura di Luca Lotti dimostrano, dunque, la soddisfazione e la necessità di un provvedimento a lungo agognato.

La presenza di un defibrillatore semiautomatico e la presenza di una persona debitamente preparata al suo utilizzo consentirà, dunque, il sereno svolgimento di attività per un mondo sportivo assolutamente da tutelare.

Da sempre, al mondo dello sport appartiene il significativo e positivo ruolo di messaggero di grandi e pacifici principi; è risultato doveroso, pertanto, tutelare tali obiettivi garantendo un ambiente sereno e sicuro in cui poter svolgere la propria attività e perseguire i propri valori.

Non a caso, per le società sportive professionistiche un tale obbligo era già stato adottato, decreto 24 del 2013, all’appello mancavano solamente le società dilettantistiche i cui obblighi erano stati già più volte prorogati dai decreti dell’11 gennaio 2016 e del 19 luglio dello stesso anno.

Sospesi fino alla data del 30 giugno 2017; questi obblighi vedranno, finalmente, concretezza il 1 luglio 2017 a partire dal quale sarà attiva a tutti gli effetti l’osservanza delle disposizioni inerenti la dotazione del defibrillatore, di altri dispositivi salvavita e di personale addetto al loro impiego.

Le attività sportive, così come le gare, saranno, dunque, supervisionate e tutelate dal decreto e dalla conseguente osservanza dei suoi principi. Tutte le società sportive e le associazioni saranno, infatti, obbligate e tenute ad accertarsi della presenza degli strumenti salvavita, della loro regolare manutenzione, nonché della persona incaricata alla loro gestione ed utilizzo, prima dell’inizio delle gare; la mancata osservanza di tale regola decreterà l’interruzione ad effetto immediato dell’attività sportiva prevista.

Ad essere escluse da tale provvedimento risultano, tuttavia, solamente le attività sportive da svolgersi al di fuori delle strutture ed alcune attività ritenute a ridotto impegno cardiocircolatorio dal Coni. Manca poco, dunque, all’effettivo concretizzarsi di un provvedimento che permetterà al mondo dello sport di godere a pieno titolo del proprio essere e dei suoi relativi benefici.

Per informazioni sui nostri corsi contattaci al numero : 0815704220 - 3938628808

I nostri uffici sono aperti dal lunedi al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.30 | Indirizzo : Viale Campi Flegrei 41, 80124 Napoli | Indirizzo Mail : info@infoares.it