• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Monthly Archives:Maggio 2017

Notizie utili per l’ammissione al Servizio Civile Nazionale – Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

Redazione No Comments

Rendo noto che con la pubblicazione Bando del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – Ufficio per il Servizio Civile Nazionale per la selezione di n. 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile in Italia e all’estero, è stato approvato il progetto di Servizio Civile seguente:

la cui realizzazione sarà effettuata presso la sede    L’Ares per il territorio .

Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini italiani;
  • cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea;
  • cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che:

  • abbiano già prestato servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, o che lo stiano prestando ai sensi della legge n. 64 del 2001, nonché coloro che alla data di pubblicazione del presente bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile nazionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani e per l’attuazione del progetto sperimentale europeo IVO4ALL;
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di servizio civile nazionale l’aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” o aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente originato da segnalazione dei volontari.

La domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, deve pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 14.00 del 26 giugno 2017. Le domande comunque pervenute oltre il termine stabilito, non saranno prese in considerazione.

La domanda, firmata dal richiedente, deve essere:

  • redatta secondo il modello riportato;
  • accompagnata da fotocopia di valido documento di identità personale;

Le domande possono essere presentate esclusivamente secondo le seguenti modalità:

  1. con Posta Elettronica Certificata (PEC) – art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009, n. 2 – di cui è titolare l’interessato, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf all’indirizzo pec infoares@arubapec.it a mezzo “raccomandata A/R” all’indirizzo di ciascuna sede progetto;
  2. consegnate a mano all’indirizzo di ciascuna sede progetto e secondo le modalità e tempi di ciascuna.
  3. Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale, da scegliere tra i progetti inseriti nel bando e tra quelli inseriti nei bandi regionali e delle Province autonome contestualmente pubblicati. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nei bandi innanzi citati, indipendentemente dalla circostanza che non si partecipi alle selezioni. La mancata indicazione della sede per la quale si intende concorrere non è motivo di esclusione. È cura dell’ente provvedere a far integrare la domanda con l’indicazione della sede, ove necessario.

La mancata sottoscrizione e/o la presentazione della domanda fuori termine è causa di esclusione dalla selezione, analogamente al mancato invio della fotocopia del documento di identità; è invece sanabile la presentazione di una fotocopia di un documento di identità scaduto

Per eventuali ulteriori chiarimenti inviare richiesta all’indirizzo mail.

Il Responsabile Nazionale del Servizio Civile

 

Modulistica Allegata da Scaricare : 

NOTIZIE UTILI 

DOMANDA DI AMMISSIONE – ALLEGATO 2

AVVISO DI CONSEGNA

PROGETTO

DICHIARAZIONE TITOLI – ALLEGATO 3

Corso di Coordinatore della Sicurezza in Fase di Progettazione ed Esecuzione di Lavori

Alessandro Maria Raffone No Comments

Al via il corso di formazione per Coordinatore della Sicurezza; un’occasione unica per consolidare le proprie conoscenze e diventare un esperto nel settore

Il corso di Coordinatore della Sicurezza intende formare una figura specializzata in grado di gestire e coordinare i lavori nei cantieri mobili o temporanei. Si rivolge, dunque, a tutti i tecnici del settore edile, che saranno formati per garantire la sicurezza e limitare i rischi sul lavoro. Tale figura professionale, come previsto dal Testo Unico per la Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008), può svolgere i seguenti ruoli: CSP e CSE.

Differenza tra CSP e CSE

Il CSP si occupa di redigere il “Piano di Sicurezza e Coordinamento”, ossia il documento che elenca rischi e misure di prevenzione per uno specifico cantiere e il “fascicolo”, ovvero il documento che classifica i rischi cui sono esposti i lavoratori. Il CSE, invece, verifica che venga attuato il suddetto piano da parte dell’impresa e la corretta applicazione delle procedure di lavoro.

  • CSP: è denominato, in fase di progettazione, Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione o coordinatore per la progettazione;
  • CSE: è denominato, in fase di esecuzione, Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione o coordinatore per l’esecuzione.

 

Specifiche sul corso

Il corso sarà svolto da docenti altamente specializzati, laureati in Ingegneria, che tracceranno un percorso di studi completo e pertinente, in modo da favorire la crescita formativa e professionale dei futuri Coordinatori della Sicurezza. Le lezioni saranno erogate frontalmente, con l’ausilio di simulazioni, lavori di gruppo e visite tecniche in cantiere. È prevista una suddivisione delle tematiche in 4 moduli di apprendimento, ciascuno dei quali verterà su un programma ben specifico, finalizzato ad acquisire tutte le nozioni necessarie al consolidamento delle competenze. Le lezioni sono previste dal 15/11/2019 al 21/12/2019.

I moduli saranno così organizzati:

Modulo 1: Giuridico/Normativo

Modulo 2: Tecnico

Modulo 3: Metodologico/Organizzativo

Modulo 4: Pratico

L’ARES – Associazione Ricerca e Sviluppo, ente di formazione accreditato presso il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI), ha organizzato il corso di formazione presso la sede sita in Via Medina 5, Palazzo Carafa di Nocera – 80133 Napoli.

 

 

di Manuela Fiorillo

Rubrica Innovazione

Rubrica Innovazione: la formazione industria 4.0

Alessandro Maria Raffone No Comments

Parte da oggi la Rubrica Innovazione di Ares – Associazione Ricerca e Sviluppo, dedicata alla formazione industria 4.0 e iniziamo con un’introduzione su questo tema sotto molteplici aspetti, la nostra parola chiave sarà #innovares

La Rubrica Innovazione debutta con la formazione industria 4.0. Il termine Industria 4.0 indica un orientamento all’automazione industriale tramite le nuove tecnologie utilizzate per migliorare le condizioni di lavoro, creare nuovi modelli d’impresa e aumentare la produttività. Parola d’ordine sarà #innovares, diventa cioè fondamentale la formazione e il costante aggiornamento professionale per: la raccolta e analisi dei dati, l’interfaccia uomo – macchina e l’avanzamento tecnologico apportato dalla digitalizzazione.  Fondamentale per realizzare ciò è il Credito d’imposta che serve a incrementare lo sviluppo delle aziende, puntando, appunto, sulla formazione del personale e all’acquisizione di competenze. Vediamo alcuni aspetti che possono riguardare la formazione industria 4.0.

Realtà Virtuale e Aumentata

Per realtà aumentata si intende l’arricchimento della nostra percezione sensoriale mediante vari livelli di informazioni, in genere elaborate e trasmesse elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi. Se ne parla anche quando le informazioni, invece di essere aggiunte, sono ridotte per presentare una realtà più nitida e coinvolgente, comunque un arricchimento dell’esperienza di conoscenza.

Big Data

Il termine big data indica genericamente una raccolta di dati così estesa in termini di volume, velocità e varietà da richiedere tecnologie e metodi analitici specifici per l’estrazione di valore o conoscenza.

Cyber Security

La maggior parte delle informazioni che concernono la nostra vita lavorativa e privata è conservata, tramite dispositivi elettronici, nel web. Pertanto possono essere vulnerabili e qui che interviene la Cyber Security, l’insieme dei mezzi e delle tecnologie tesi alla protezione dei sistemi informatici.

Interfaccia uomo-macchina

L’Interfaccia uomo-macchina è il collegamento che si viene a formare tra un uomo che sta utilizzando una macchina e la macchina medesima. Un esempio di un’interfaccia uomo-macchina è l’hardware e il software di un calcolatore.

Robotica avanzata

La robotica è la disciplina che studia e sviluppa metodi che permettono a un robot di eseguire dei compiti specifici riproducendo in modo automatico il lavoro umano. La robotica è sicuramente una branca dell’ingegneria, ma a esse confluiscono numerose discipline anche di stampo umanistico: psicologia, elettronica, fisica, informatica, matematica, meccanica, ecc.

Internet delle cose e delle macchine

Internet delle cose e delle macchine è un termine riferito all’estensione della rete al mondo degli oggetti. In ambito lavorativo, i macchinari richiedono una connessione Internet per eseguire determinati compiti. Gli oggetti acquisiscono “intelligenza” grazie al fatto di poter comunicare dati su se stessi e accedere a informazioni aggregate da parte di altri.

 

Francesco De Fazio

Bando di selezione per il corso di Tecnico Superiore per il risparmio energetico nell’edilizia sostenibile

Redazione No Comments

Bando di selezione per il corso di Tecnico Superiore per il risparmio energetico nell’edilizia sostenibile

Un’occasione importante per arricchire la propria formazione e farsi strada nel mondo del lavoro, con concrete opportunità di inserimento lavorativo

 

La Fondazione ITS E.R.Me.Te, scuola di alta tecnologia per la formazione di tecnici specializzati in energie rinnovabili, ha proposto il bando di selezione per l’ammissione al corso di “Tecnico Superiore del risparmio energetico nell’edilizia sostenibile”, per l’assegnazione di massimo 30 posti complessivi.

 

Requisiti di accesso

Il corso è rivolto ad allievi di età compresa tra i 18 e i 35 anni, non ancora compiuti alla data di presentazione della domanda. È necessario che gli stessi siano:  inattivi, inoccupati, disoccupati, occupati, studenti, docenti ed operatori del sistema integrato di istruzione e che abbiano conseguito un diploma di istruzione secondaria superiore, ovvero un diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale e frequenza di un corso annuale integrativo di istruzione e formazione tecnica superiore.

 

I benefici del corso

Gli iscritti al corso potranno acquisire competenze tecnologiche e specialistiche tali da poter costituire un bagaglio culturale da spendere su tutto il territorio regionale, nazionale, europeo (grazie alla certificazione delle competenze secondo l’EQF). Le suddette competenze professionalizzanti saranno acquisite nel Settore degli Impianti energetici.

 

Sede delle attività

Le attività formative si svolgeranno presso:

l’Istituto tecnico Industriale “Guido Dorso”, via Morelli e Silvati,19 Avellino – Istituto Capofila;

l’ITS Ermete – via Palatucci, 20 B – Avellino;

l’Ares, Associazione Ricerca e Sviluppo, Viale Campi Flegrei, n 41 – 80124 Napoli;

l’Isco Srl – Via Vincenzo Belli, 47 – Atripalda (AV).

 

Modalità di iscrizione, modalità di selezione e certificazione finale

Il modulo per la domanda di partecipazione alle selezioni è reperibile sul sito web dell’I.T.S. E.R.Me.Te  e sui siti della Regione Campania. Lo stesso, compilato e firmato, dovrà essere presentato entro le ore 12.00 del giorno 30/10/2019. I candidati ammessi alle selezioni, saranno scelti sulla base dei titoli (max 10 punti) dichiarati nella domanda, di una prova scritta (max 30 punti) e di un colloquio motivazionale (max 60 punti). Il Diploma di Tecnico Superiore sarà rilasciato previa verifica finale delle competenze acquisite dagli studenti che hanno frequentato i percorsi I.T.S. per almeno l’80% della loro durata complessiva e che siano stati valutati, con almeno la sufficienza, in ogni fase del percorso. Ulteriori certificazioni rilasciate durante lo svolgimento del corso: EIPASS; Addetto Antincendio; Addetto Primo Soccorso.

 

 

Di Manuela Fiorillo

Bando di selezione per il corso di Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici

Redazione No Comments

Bando di selezione per il corso di Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici

Una grande opportunità per 30 giovani di accedere a un corso di studio di formazione terziaria parallelo e alternativo all’Università. L’obiettivo è quello di formare una graduatoria di merito per la frequenza del Corso di Studi ITS finanziato dal MIUR e dalla Regione Campania

La Fondazione I.T.S. E.R.Me.Te darà l’opportunità ai frequentanti di acquisire competenze tecnologiche, specialistiche e professionalizzanti nel settore degli impianti energetici, che costituiranno un bagaglio culturale e pratico da poter spendere con successo su tutto il territorio regionale, nazionale ed europeo (grazie alla certificazione delle competenze secondo l’EQF).

Articolazione e durata del corso

Il corso avrà una durata complessiva di 1817 ore, così suddivise: 1172 di attività formative e 645 di stage. La frequenza è obbligatoria, sarà consentito un numero massimo di assenze pari al 20 % del totale delle ore previste. Le attività si svolgeranno nelle seguenti sedi:

  • Guido Dorso, via Morelli e Silvati, 19 Avellino;
  • ITS Ermete, via Palatucci, 20 B Avellino;
  • Ares, Associazione Ricerca e Sviluppo, Viale Campi Flegrei, n 41 Napoli;
  • Isco Srl, via Vincenzo Belli, 47 Atripalda (AV).

I benefici del corso

La partecipazione al percorso formativo è gratuita e la Fondazione concorre secondo le disponibilità di bilancio ai costi di viaggio e soggiorno fuori Regione. Il Corso ITS post diploma biennale rilascia un diploma statale, riconosciuto al 5° livello EQF, ai sensi del DPCM 25.01.2008 capo II.

A chi è rivolto il corso?

Il corso è rivolto a 30 allievi, nella fascia di età compresa tra i 18 ai 35 anni, non ancora compiuti, alla data di presentazione della domanda e che siano: inattivi, inoccupati, disoccupati, occupati, studenti, docenti e operatori del sistema integrato di istruzione e che abbiano conseguito un diploma di istruzione secondaria o un diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale con frequenza di un corso annuale integrativo.

Come partecipare?

Per iscriversi occorre compilare e firmare un modulo reperibile sul sito web dell’I.T.S. E.R.Me.Te www.itsermete.it e sui siti www.regione.campania.it e www.fse.regione.campania.it, entro le ore 12.00 del giorno 31/10/2019. L’ammissione al corso avverrà tramite selezione per titoli ed esami. Questi ultimi prevedono sia una prova scritta sia una prova orale. La prova scritta, a risposta multipla, verterà sulle seguenti materie: matematica, fisica, meccanica, elettronica, elettrotecnica, lingua inglese, informatica e logica. La prova orale, invece, prevede un colloquio motivazionale finalizzato a valutare la motivazione e l’orientamento professionale.

 

 

Di Francesco De Fazio

 

La storia di Marian McQuade tra OSS e Animatore Sociale

Alessandro Maria Raffone No Comments

Antesignana degli OSS e degli Animatori Sociali Marian McQuade non solo si è occupata degli anziani ma a lei si deve la festa dei nonni. La ricordiamo oggi perché è la festa dei nonni

I nonni meritano di essere amati e onorati. Proprio per questo motivo, è giusto prendersene cura in maniera corretta tramite l’attività di Animatore Sociale e OSS (Operatore Socio Sanitario). La storia di Marian McQuade, a questo proposito, è un esempio per tutti noi.

Marian McQuade tra Animatore Sociale e OSS

La signora Marian McQuade (nata il 18 gennaio 1917, morta il 26 settembre 2008 a 91 anni) era una casalinga statunitense della West Virginia (Virginia Occidentale). Da nubile si chiamava Marian Lucille Herndon a Caperton ed è stata madre di 15 figli, nonna di 43 nipoti e bisnonna di 15 pronipoti. Si occupava degli anziani dal 1956 e considerava di vitale importanza il rapporto che i nonni intrattenevano con i loro nipoti. Per questi motivi, sin dal 1970 la McQuade si è battuta per l’istituzione di una giornata nazionale dedicata ai nonni. Il primo fu il suo stato natale, nel 1973. Gli Stati Uniti d’America hanno iniziato a onorare i nonni nel 1979 con il National Grandparents Day.

È stata per via della sua attività nei confronti degli anziani ad averla resa una vera e propria antesignana degli Animatori Sociali e degli OSS.

OSS e Animatori Sociali: un percorso di vita

Spesso chi lavora nell’ambito dell’assistenza agli anziani è portato a percorrere questo percorso di vita proprio perché vuole rendersi di aiuto alle persone anziane, assistendole nelle loro eventuali malattie (se OSS) e rendendo allegre e spensierate le loro giornate (se Animatori Sociali). Una vera e propria mission che vi permetterà, se siete interessati a questo ambito lavorativo, di lavorare in case di cura, ospedali e cliniche (sia private sia pubbliche).

ARES, Associazione Ricerca E Sviluppo, è l’Ente di Formazione che vi permetterà di coronare il vostro sogno indirizzandovi ai propri corsi di OSS e di Animatore Sociale, al termine dei quali riceverete un attestato che ha validità su tutto il territorio nazionale, indispensabile per poter operare in questo settore.

Se volete saperne di più sui nostri corsi, potete contattare i seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax : 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail : info@infoares.it.

 

 

Siglato accordo di cooperazione tra ARES e Apotema

Alessandro Maria Raffone No Comments

Nella giornata di lunedì è stato siglato uno storico accordo di partnership tra le associazioni ARES e Apotema

Il 30 settembre 2019 è stata una giornata molto importante per ARES (Associazione Ricerca E Sviluppo) e Apotema, enti promuoventi la formazione professionale le quali hanno deciso di unire le loro forze per offrire prodotti ancora più competitivi.

Il documento di intesa è stato firmato dai due legali rappresentanti: la Dott.ssa Giovanna Brancaccio, per ARES e l’Ing. Carmine Gravino, per Apotema.

Accordo Apotema ARES

Cooperazione tra Apotema e ARES

La volontà di cooperare nasce dalla crescente esigenza di collaborazione tra Università, Imprese, Associazioni e centri di interesse, al fine di promuovere quelle sinergie che, con competenze diversificate, ma complementari, possono risultare utili e interessanti all’utenza finale, sia privata che pubblica.

I convergenti interessi che accomunano Apotema e ARES hanno permesso la firma dell’attuale accordo che consentirà lo sviluppo e la definizione, con singole intese operative, della realizzazione di alcuni punti prioritari tra i quali:

  1. Informazione, consulenze ed assistenza scientifico-tecnologica;
  2. Attività di formazione, anche a distanza;
  3. Attività di studio, ricerca ed informazione anche attraverso lo scambio delle conoscenze derivanti dalla realizzazione di banche dati;
  4. Internazionalizzazione di attività didattica e scientifica;
  5. Disponibilità di spazi fisici e logistici nonché di strumenti tecnologici per l’espletamento delle suddette attività.

 Altri punti programmatici

La cooperazione si estenderà anche in altri campi infatti le due strutture si sono impegnate reciprocamente, nei limiti delle loro disponibilità, a:

  • collaborare nelle azioni promozionali inerenti alle aree di interesse congiunto;
  • effettuare le attività di ricerca e di studio propedeutiche ad iniziative promozionali o oggetto di partecipazione a programmi di formazione e/o di ricerca;
  • realizzare l’insieme delle attività oggetto dell’intesa.

Il Comitato tecnico scientifico

Per uniformare l’indirizzo e la supervisione scientifica delle attività oggetto dell’accordo è stato costituito un comitato tecnico-scientifico composto rispettivamente per l’associazione ARES dagli ingegneri Alfonso Santillo e Pasquale Natale, e per l’Associazione Apotema dagli ingegneri Vittorio Piccolo e Carmine Gravino.

 

Siamo sicuri che una simile partnership saprà fare grandi cose

 

I corsi di formazione e il mondo del lavoro

Alessandro Maria Raffone No Comments

Per avere maggiori chance di potere entrare nel mondo del lavoro i corsi di formazione possono essere lo strumento del vostro successo

ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, è un Ente di Formazione che organizza periodicamente tutta una serie di corsi di formazione professionale, quali, ad esempio, OSS (Operatore Socio Sanitario), EPI (Educatore per l’Infanzia) e Assistente alla poltrona Studio Odontoiatrico.

Proprio chi ha seguito questa tipologia di corsi di formazione avrà maggiori possibilità di accedere al mondo del lavoro per il semplice motivo che è in possesso dei requisiti e delle competenze per poter svolgere quel determinato lavoro.

I corsi di formazione e il mondo di lavoro

Il mondo del lavoro è un universo molto complesso ed è molto difficile riuscire ad entrare senza le dovute competenze. Essere in possesso di un attestato di qualifica professionale può dare quella marcia in più per essere assunti e costituisce, a tutti gli effetti, una garanzia per le aziende di aver individuato il personale meglio idoneo per quella particolare mansione.

Le qualifiche professionali costituiscono il passaggio finale dei corsi di formazione. Solo grazie ad enti accreditati presso le diverse regioni italiane è possibile conseguire questo importante accreditamento professionale.

Soprattutto è bene precisare nuovamente che per svolgere alcune professioni è necessario aver seguito un corso di formazione, come nel caso dell’Operatore Socio Sanitario ad esempio.

Gli sbocchi lavorativi

Per quanto concerne gli eventuali sbocchi lavorativi questi ultimi risultano essere molto maggiori se si è in possesso dei già citati attestati di qualifica professionali, validi a livello nazionale e\o europeo a seconda dei singoli casi.

Un mondo di infinite possibilità vi aspetta con i corsi di formazione targati ARES. La nostra sede si trova in Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Bagnoli (Napoli).

Per maggiori informazioni potete contattarci ai seguenti recapiti: telefono 081/5704220 – Whatsapp :  3929164153 – mail: ares@infoares.it.

Corso Eipass LIM

Corso Eipass LIM: Lavagna Interattiva Multimediale

Alessandro Maria Raffone No Comments

La LIM – Lavagna Interattiva Multimediale è uno strumento sempre più utilizzato a scopo didattico, perciò è molto importante avere una formazione adeguata al suo utilizzo

Il Corso Eipass LIM fornisce una preparazione adeguata per l’utilizzo della Lavagna Interattiva Multimediale (LIM),  uno strumento, ormai, che si sta diffondendo nelle scuole, nelle università e in qualsiasi altro ambito formativo per facilitare l’apprendimento degli studenti. In che cosa consiste? È una superficie interattiva su cui è possibile scrivere, disegnare, allegare immagini, riprodurre video o animazioni, in grado di rendere l’apprendimento più pratico e più tangibile rispetto alla lavagna tradizionale, suscitando maggior attenzione nei discenti.

Corso Eipass LIM: gli argomenti del corso

Il corso si svolgerà con diversi moduli con i quali si potranno avere le competenze necessarie per utilizzare questo strumento: componenti hardware del “sistema LIM”; componenti software; strumenti e tecniche per la creazione di “Learning Object”; presentazione e condivisione dei materiali in ambiente di apprendimento; impiego della LIM per una didattica di tipo inclusivo.

L’obiettivo principale del corso è di garantire il corretto utilizzo della lavagna interattiva multimediale LIM e, cosa molto importante, il giusto approccio con gli studenti. Infatti, è molto utile apprendere gli aspetti tecnici di questo strumento come, la periferica LIM, le diverse tipologie di lavagna, gli accessori, il software, la barra degli strumenti, la funzione “annota il desktop”, l’utilizzo della penna digitale, le tecniche di ricerca, i principi base della composizione grafica, ma cosa ancora più importante è saper utilizzare la lavagna suscitando l’interesse degli studenti.

Perché partecipare?

Insegnanti, relatori, istruttori e operatori della comunicazione, possono ottenere una certificazione in grado di attestare tutte le abilità e competenze acquisite durante il corso. Scegliere il Corso Eipass LIM permette, inoltre, di ricevere le lezioni da docenti esperti, professionisti e laureati in ingegneria in grado di fornire una formazione completa. La nostra proposta formativa, dunque, garantirà una preparazione estremamente valida e completa in linea con il quadro delle competenze base di livello europeo. Inoltre, garantirà un aggiornamento utile per rispondere alle nuove esigenze di apprendimento degli studenti. Il mondo lavorativo, ormai, è in costante mutamento, sempre più innovativo e tecnologico, perciò occorre stare al passo con i tempi e avere una formazione specifica sulle nuove tecnologia come la LIM.

Il corso EIPASS LIM è online. La prerogativa della piattaforma web racchiude in sé l’opportunità di poter combinare lo studio ai propri impegni.

Per avere maggiori informazioni circa i costi e le modalità di iscrizione ci potete contattare allo 081/5704220 oppure scrivere a ares@infoares.it.

Convegno Ares

Convegno Ares: le nuove regole tecniche di prevenzione incendi

Alessandro Maria Raffone No Comments

Il Convegno, organizzato da Ares, si terrà a Napoli nella sede di via Medina 5 dalle ore 15.00

ARES – Associazione Ricerca e Sviluppo organizzerà, il 27 settembre, un convegno presso la sede di via Medina 5, Napoli, incentrato sul Codice di Prevenzione Incendi, sulle procedure e le misure da attuare e sui profili di rischio. Il Convegno avrà una durata di 3 ore con inizio alle 15.00.

La nuova normativa vigente

Lo scopo del convegno è quello di far chiarezza sulla nuova normativa vigente e, in particolare, per supportare la corretta interpretazione del Decreto del Ministero dell’Interno 12 aprile 2019 con cui sono state approvate le modifiche al Decreto 3 agosto 2015 (Codice di Prevenzione Incendi), recante l’approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’art. 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il decreto prevede l’eliminazione del cosiddetto “doppio binario” per le ex attività non normate, ossia per la progettazione antincendio di tali attività, soggette al controllo dei Vigili del Fuoco.

Il programma del Convegno Ares

L’obiettivo primario del convegno è, quindi, l’approfondimento e il chiarimento di norme e regolamenti inerenti al settore della sicurezza e della prevenzione antincendio. In particolare si discuterà del Regolamento di semplificazione di prevenzione incendi e delle Norme di sicurezza antincendio per edifici di civile abitazione.

Ecco gli argomenti del Convegno del 27 settembre 2019:

  • Modulo 1, dalle 15.00 alle 16.00

– Presentazione del Convegno;

– D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151, allegato I (Regolamento di semplificazione di prevenzione incendi);

– Ultime novità introdotte in materia di prevenzione incendi.

  • Modulo 1, dalle 16.00 alle 17.00

– Introduzione ai decreti ministeriali 14/07/2015 e 06/10/2003;

– D.Lgs. 08/03/2006, n. 139;

– Decreto 3 agosto 2015 (Codice di Prevenzione Incendi).

  • Modulo 2, dalle 17.00 alle 18.00

– D.M. 25/01/2019 (Modifiche e integrazioni all’allegato del decreto 16 maggio 1987, n. 246);

– Norme di sicurezza antincendio per edifici di civile abitazione.

Ricordiamo che ai partecipanti al Convegno, accreditati CNI – Consiglio Nazionale degli Ingegneri, regolarmente iscritti all’Albo degli Ingegneri, saranno rilasciati 3 CFP.

 

Corso Educatore per l’Infanzia: il supporto offerto anche ai bambini

Alessandro Maria Raffone No Comments

L’Educatore per l’Infanzia è una figura professionale molto speciale pensata per offrire l’aiuto necessario ai più piccoli e alle loro famiglie attraverso attività educative e di apprendimento

Tutti al mondo almeno una volta abbiamo avuto bisogno del supporto di un altro, che con le giuste competenze ha saputo indicarci il percorso migliore per affrontare certe situazioni.

Ad avere bisogno di aiuto non sono solo gli adulti: in primis ci sono i bambini che necessitano delle giuste cure da parte dei loro stakeholders (coloro che li accudiscono), i quali li devono guidare fino a quando non saranno del tutto autonomi.

EPI: come svolge la sua attività?

Il compito dell’EPI è quello di pensare un luogo per l’apprendimento e lo sviluppo delle capacità dell’infante, attraverso attività ludiche che possano promuovere l’autonomia, la creatività e la socializzazione.

Per far si che ciò sia possibile, l’Educatore deve instaurare innanzitutto un rapporto con la famiglia del bambino o con chi se ne prende cura, alla quale dovrà fornire tutte le indicazioni specifiche inerenti al percorso di educazione della prima infanzia.

Inoltre, l’EPI lavorerà presso strutture pubbliche o private in cui sarà affiancato da altri specialisti (psicologi e altre figure legate all’ambito sanitario) pronti a dare il loro contributo sempre nel rispetto e nell’esercizio dei diritti dei bambini e degli adulti al benessere e all’apprendimento.

L’Educatore per l’Infanzia possiede una preparazione specifica dato che lavorare con i bambini è un’attività molto complessa e delicata. Ecco perché per diventare un EPI è necessario uno studio approfondito di certe tematiche e specifiche abilità, acquisibili solo attraverso corsi di formazione e la seguente esperienza sul campo.

Corso di formazione per diventare Educatore per l’infanzia da ARES

ARES è un’associazione senza scopo di lucro che si occupa prevalentemente di attività di formazione professionale, in particolar modo per soddisfare i bisogni occupazionali e riqualificare i lavoratori.

Presso l’Associazione Ricerca e Sviluppo è possibile partecipare a diversi corsi di formazione professionale riconosciuti dalla Regione Campania, come ad esempio il corso di formazione per diventare Educatore per l’infanzia! Il corso ha la durata di 600 ore suddivise in: 350 ore di lezioni frontali; 250 ore di stage da effettuare presso una struttura convenzionata con il nostro Ente di Formazione.

Il corso garantirà una preparazione completa a 360 gradi attraverso l’unione di lezioni innovative e originali con una didattica ben strutturata che abbraccerà tutte le tematiche del caso. Durante l’arco delle 600 ore sono previste anche attività di simulazione e pratica che aiuteranno il futuro educatore ad applicare correttamente le nozioni apprese.

La frequenza del corso è obbligatoria, è ammesso solo un massimo di assenze pari al 30% delle ore di corso.

Le lezioni saranno tenute da un team di docenti laureati in Psicologia, Medicina/Scienze infermieristiche e Lingue e con una forte esperienza nel campo socio-educativo, inoltre saranno presenti anche un Educatore e altri professionisti pronti a dare il loro contributo.

Il corso si terrà presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

Per ricevere ulteriori informazioni circa la durata dei corsi e i relativi costi si consiglia di contattare ARES ai seguenti recapiti: Telefono: 081/5704220 – Whatsapp :  3929164153 Oppure di inviare una mail a questo indirizzo: ares@infoares.it

Carla Sarnataro

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Via Cardito, n.203 - 83031 Ariano Irpino (AV) / Mail : info@infoares.it