• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Daily Archives:14 Novembre 2018

Notizie utili per l’ammissione al Servizio Civile Nazionale – Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

Redazione No Comments

Rendo noto che con la pubblicazione Bando del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – Ufficio per il Servizio Civile Nazionale per la selezione di n. 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile in Italia e all’estero, è stato approvato il progetto di Servizio Civile seguente:

la cui realizzazione sarà effettuata presso la sede    L’Ares per il territorio .

Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini italiani;
  • cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea;
  • cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che:

  • abbiano già prestato servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, o che lo stiano prestando ai sensi della legge n. 64 del 2001, nonché coloro che alla data di pubblicazione del presente bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile nazionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani e per l’attuazione del progetto sperimentale europeo IVO4ALL;
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di servizio civile nazionale l’aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” o aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente originato da segnalazione dei volontari.

La domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, deve pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 14.00 del 26 giugno 2017. Le domande comunque pervenute oltre il termine stabilito, non saranno prese in considerazione.

La domanda, firmata dal richiedente, deve essere:

  • redatta secondo il modello riportato;
  • accompagnata da fotocopia di valido documento di identità personale;

Le domande possono essere presentate esclusivamente secondo le seguenti modalità:

  1. con Posta Elettronica Certificata (PEC) – art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009, n. 2 – di cui è titolare l’interessato, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf all’indirizzo pec infoares@arubapec.it a mezzo “raccomandata A/R” all’indirizzo di ciascuna sede progetto;
  2. consegnate a mano all’indirizzo di ciascuna sede progetto e secondo le modalità e tempi di ciascuna.
  3. Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale, da scegliere tra i progetti inseriti nel bando e tra quelli inseriti nei bandi regionali e delle Province autonome contestualmente pubblicati. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nei bandi innanzi citati, indipendentemente dalla circostanza che non si partecipi alle selezioni. La mancata indicazione della sede per la quale si intende concorrere non è motivo di esclusione. È cura dell’ente provvedere a far integrare la domanda con l’indicazione della sede, ove necessario.

La mancata sottoscrizione e/o la presentazione della domanda fuori termine è causa di esclusione dalla selezione, analogamente al mancato invio della fotocopia del documento di identità; è invece sanabile la presentazione di una fotocopia di un documento di identità scaduto

Per eventuali ulteriori chiarimenti inviare richiesta all’indirizzo mail.

Il Responsabile Nazionale del Servizio Civile

 

Modulistica Allegata da Scaricare : 

NOTIZIE UTILI 

DOMANDA DI AMMISSIONE – ALLEGATO 2

AVVISO DI CONSEGNA

PROGETTO

DICHIARAZIONE TITOLI – ALLEGATO 3

operatore socio sanitario sassari

OSS: A Sassari mancano per un’ora e l’igiene dei pazienti salta

Redazione No Comments

L’increscioso episodio è avvenuto in una clinica di Sassari. Gli OSS mancavano per un’ora e gli infermieri si sono rifiutati di occuparsi dell’igiene dei pazienti

A volte, accadono eventi incresciosi che destano scalpore. Quello che vi stiamo per raccontare e uno di questi.

Infermieri e OSS a Sassari

I pazienti dovrebbero essere sempre rispettati e il loro benessere messo sempre al di sopra di tutto.

L’azienda sanitaria dove si è svolta la vicenda, occorsa alcuni giorni fa, ha stabilito una turnazione ridotta per gli OSS (Operatori Socio Sanitari) impiegati per risparmiare e non andare così in rosso.

Per un’ora, dalle 13.00 alle 14.00, gli OSS staccano, lasciando tutte le loro attività e funzioni in mano ai loro colleghi infermieri.

Questi ultimi hanno ritenuto, e ritengono ancora, degradante per il loro ruolo svolgere le mansioni che competono agli Operatori Socio Sanitari.

L’igiene non è una competenza del settore infermieristico

Il problema si è posto nel momento in cui i pazienti hanno richiesto, agli infermieri, di essere puliti. Molti di questi ultimi hanno rifiutato di svolgere questa mansione, facendo presente che avevano incombenze più importanti.

I pazienti avrebbero dovuto aspettare le due del pomeriggio per poter essere lavati dagli Operatori Socio Sanitari.

Coordinamento regionale SHC

A segnalare l’increscioso episodio è stato il Coordinamento regionale sardo SHC (Sindacato degli OSS), che ha redatto una missiva alla direzione aziendale per chiedere di prendere immediati provvedimenti visto che “violare il diritto dei cittadini-pazienti che richiedono cure igieniche comporta omissione di atti di ufficio e genera un chiaro rischio per la salute degli stessi pazienti“.

La risposta dell’Ospedale

L’ospedale in questione ha incontrato i rappresentanti del sindacato degli OSS e ha informato, per lettera, tutti i Coordinatori infermieristici di eseguire le dovute prestazioni di assistenza sanitaria.

Come sempre vi terremo aggiornati sulla situazione, nella speranza che fatti come questi non accadano più.

Alessandro Maria Raffone

Intelligenza Artificiale: a breve lo stanziamento dal fondo MISE

Redazione No Comments

Entro marzo saranno stanziati i fondi predisposti dal MISE, circa 15 milioni di euro per ognuno dei prossimi tre anni

È stata indetta la prima gara per lo stanziamento dei fondi predisposti grazie alla Legge di Bilancio e messi a disposizione dal Ministero Sviluppo Economico. I fondi potranno essere investiti in diversi progetti riguardanti la tecnologia e la robotica avanzata, infatti non mancheranno importanti iniziative nel campo dell’Intelligenza Artificiale, l’Internet delle Cose ( Internet f Things – IoT) e il Blockchain.

La notizia era stata già anticipata da altre fonti e pare che la gara per l’assegnazione dei fondi vada di pari passo con il piano strategico per l’Intelligenza Artificiale. A tal riguardo, il MISE ha individuato 30 esperti per mettere in atto un piano strategico volto a rinnovare la tecnologia digitale, in cui l’Intelligenza artificiale si configura come la scienza tecnologica abilitante di tutto il processo di trasformazione, che porterà all’impostazione di un nuovo modello di sviluppo economico.

Il primo incontro con gli esperti si è tenuto il 21 gennaio, mentre una seconda riunione della commissione è stata prevista per l’8 febbraio.

Industria 4.0: l’obiettivo è la crescita economica!

Le risorse saranno stanziate attraverso una sorta di “Challenge” rilanciata a livello internazionale, in cui saranno predisposti una piccola parte dei fondi messi a disposizione dal MISE. La cifra di cui si sta parlando è pari a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021, da investire in progetti che potranno accrescere la politica economica ed industriale, in stretta correlazione e progressione con i programmi dell’industria 4.0.

Il progetto è stato pensato per infondere all’Italia una nuova energia competitiva e produttività nel sistema economico, tale da poter diventare un Paese all’avanguardia e con buone basi per la crescita.

Industria 4.0: come risollevare il Paese?

I primi progetti potrebbero offrire un notevole contributo alla Pubblica Amministrazione, in particolar modo riguardo l’interconnessione delle banche dati e l’opposizione  all’evasione fiscale.

Inoltre, grazie al fondo MISE anche le associazioni, gli enti, le imprese e il singolo cittadino possono offrire il loro contributo nel piano di sviluppo tecnologico. A tal proposito, il sottosegretario dei Cinque Stelle con delega alla competitività e agli interventi per il sistema industriale, Andrea Cioffi ha dichiarato apertamente che qualora il singolo privato volesse essere coinvolto nei piani di crescita tecnologica del Paese era libero di  partecipare, magari diventando azionario di una delle startup in via di sviluppo o da sviluppare.

Industria 4.0: i tempi sono stretti

I tempi sono relativamente, infatti entro la metà dell’anno corrente, tutti gli Stati membri dovranno predisporre di strategie nazionali per delineare i piani di investimento e le rispettive misure di attuazione.

In aggiunta, è prevista l’istituzione di un nuovo partenariato  pubblico-privato esclusivamente rivolto alla ricerca e all’innovazione nel campo dell’Intelligenza Artificiale, in modo da proporre le diverse strategie di ricerca relative al campo e la collaborazione tra il mondo accademico e quello dell’industria in Europa.

Corso di formazione per diventare esperto nel settore dell’Industria 4.0

Ares è un’associazione senza scopo di lucro che si occupa prevalentemente di attività di formazione professionale, in particolar modo per soddisfare i bisogni occupazionali e riqualificare i lavoratori.

Presso l’Associazione Ricerca e Sviluppo è possibile partecipare a diversi corsi di formazione professionale riconosciuti dalla Regione Campania,  come quelli inerenti all’industria 4.0: Corso di Robotica avanzata e Collaborativa, Corso di Realtà Virtuale e Aumentata, Corso Big Data, Corso Cyber Security, Corso Interfaccia Uomo Macchina, Corso Internet delle cose e delle macchine.

Le lezioni saranno tenute da un team di docenti laureati e con una forte esperienza nel campo e attivi da diversi anni nel settore, presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

credito d'imposta formazione 4.0

Industria 4.0: ARES promuove la formazione e l’aggiornamento professionale

Redazione No Comments

La formazione e l’aggiornamento professionale dei dipendenti sono fondamentali per rispondere con successo alle sfide lanciate dalla quarta rivoluzione industriale

La quarta rivoluzione industriale, ormai è noto ai più, sta determinando un vistoso cambiamento nella produzione industriale, sempre più automatizzata e interconnessa.

I nuovi scenari economici determinati dall’avvento della cosiddetta Industria 4.0, impongono di avviarsi con decisione sulla strada della modernizzazione a tutti coloro che vogliano rimanere competitivi sui mercati.

Anche il nostro Paese, seppur con qualche esitazione, ha raccolto la sfida. Nonostante il periodo di perdurante incertezza economica, l’Italia resta un perno fondamentale dell’economia europea e mondiale. Basti ricordare che, attualmente, la nostra produzione manifatturiera è la seconda d’Europa.

Industria 4.0: cos’è e quali competenze richiede

I capisaldi su cui si basa la quarta rivoluzione industriale possono essere collocati su quattro direttrici di sviluppo, strettamente collegate tra loro:

  • Raccolta, centralizzazione e conservazione di una innumerevole quantità di dati
  • Capacità di analisi e uso dei dati raccolti, che devono costituire un valore aggiunto nell’interpretazione degli scenari economici, compresa la loro futura evoluzione
  • Interfaccia uomo – macchina, con lo scopo di semplificare e velocizzare il lavoro
  • Concreta attuazione, nella pratica della realtà produttiva, di tutte le conquiste ottenute grazie all’avanzamento tecnologico apportato dalla digitalizzazione. È il passaggio decisivo per ottimizzare le prestazioni e razionalizzare i costi.

Le competenze richieste dai moderni metodi produttivi, è evidente, sono radicalmente nuove e di difficile reperimento nell’attuale mercato del lavoro. Questo fattore continua ad influenzare negativamente la capacità delle imprese nostrane di intraprendere con decisione la strada della modernizzazione.

Industria 4.0 e Credito d’Imposta: gli incentivi del Governo per la formazione e aggiornamento professionale

Anche per il 2019 il Governo nazionale ha confermato gli incentivi fiscali previsti dal Credito d’Imposta Formazione 4.0. Si tratta di una misura volta a sostenere le aziende che intendano procedere alla formazione ed all’aggiornamento professionale dei propri dipendenti.

Le vantaggiose misure fiscali sono rivolte proprio ai settori direttamente coinvolti dal processo di innovazione industriale e tecnologica conosciuto col nome di Industria 4.0. Essi sono: big data e analisi dei dati; realtà virtuale, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata; cloud e fog computing; prototipazione rapida; cyber security; manifattura additiva; robotica avanzata e collaborativa; interfaccia uomo macchina; integrazione digitale dei processi aziendali; internet delle cose e delle macchine (IoT); simulazione e sistemi cyber-fisici.

Industria 4.0 e Credito d’Imposta: i corsi di formazione e aggiornamento professionale di ARES

ARES, Associazione Ricerca E Sviluppo, è un’associazione senza scopo di lucro, attiva nel campo della formazione e aggiornamento professionale, con serietà, impegno e competenza, da oltre un ventennio. I nostri corsi di aggiornamento e formazione professionale si avvalgono del contributo di docenti di grande esperienza nei nuovi settori tecnologici dell’era digitale. I partecipanti potranno acquisire le competenze utili ad affrontare le sfide lavorative imposte dall’innovazione tecnologica.

I cicli di lezioni sono strutturati in modo tale da permettere ai partecipanti un percorso formativo graduale e completo.

I nostri corsi sono riconosciuti dalla Regione Campania; al loro termine, a tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato di frequenza. Le lezioni si terranno presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

Se volete saperne di più sui corsi di formazione e aggiornamento professionale di ARES potete contattarci ai seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax: 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail: info@infoares.it

Giuseppe Esposito

ifts regione campania

BANDO IFTS II ANNUALITA’

Redazione No Comments

Deliberazione G.R. n. 262 del 7/6/2016 – D.G.R. n. 23 del 17/01/2017 – D.D.  n. 905 del 26/07/2018 D.D. n.1421 del 20/11/2018 – Programmazione triennale dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) – Asse prioritario III “istruzione e formazione” OT 10 – OS 15 (RA10.6) Azioni 10.6.1, 10.6.2, 10.6.6 e 10.6.7 – Capofila ATS: ARES Associazione Ricerca e Sviluppo – Cod. Uff. 154/2 – CUP: B64J18000240006.
 

Bando di selezione per l’ammissione al Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS)

TECNICO SUPERIORE PER IL COORDINAMENTO DEI PROCESSI DI PROGETTAZIONE, COMUNICAZIONE E MARKETING DEL PRODOTTO MODA
 
L’Ente di Formazione ARES Associazione Ricerca e Sviluppo, in collaborazione con i seguenti partner costituiti in ATS, Istituto Superiore M. Pagano/G.L. Bernini di Napoli, Università Telematica Pegaso, Brunel (Napoli) e Napolicrea (Napoli), organizza un corso gratuito della durata di 800 ore rivolto a 20 allievi e 4 uditori
 

Bando Completo

Domanda di partecipazione

1. Finalità dell’intervento formativo e figura professionale

L’intervento è finalizzato a formare la figura professionale di “TECNICO SUPERIORE DELLE PRODUZIONI MANIFATTURIERE E DI PRODOTTI DEL MADE IN ITALY NEL SETTORE PELLETTERIA – 2. EDIZIONE (specializzazione nazionale IFTS di riferimento 4.4.1 di cui al DI 7/02/2013).

La figura professionale in questione si occuperà di tutte le fasi previste dal processo produttivo: disegno del prodotto moda, selezione materiali, ritaglio di questi ultimi ed ulteriore assemblaggio dei materiali; oltre le fasi di commercializzazione e marketing del prodotto pelletteria.

2. Durata e articolazione del percorso

Il percorso prevede le seguenti azioni: informazione e accoglienza; accompagnamento e orientamento; attività di formazione e placement; stage.  

La durata del corso di formazione è di 800 ore, di cui 480 ore d’aula e 320 ore di stage in Campania.

Il corso avrà inizio nel mese di marzo 2019 e si concluderà entro il mese di ottobre 2019 salvo eventuali interruzioni o proroghe causate da forza maggiore.

Gli allievi ammessi al corso, previa domanda scritta, potranno fare richiesta di accreditamento competenze in ingresso e riconoscimento di eventuali crediti, allegando una documentazione che certifichi le competenze e conoscenze acquisite in altri percorsi formativi/universitari. La documentazione presentata dall’allievo verrà presa in esame e verificata da parte di un apposito gruppo di lavoro (CTS) che riconoscerà il credito e strutturerà un percorso personalizzato.

Il corso è strutturato in n. 19 unità formative capitalizzabili (UFC) e singolarmente certificabili.

L’attività d’aula sarà così organizzata:

n°20 ore Accoglienza e orientamento; n°50 ore Inglese B2, n°40 ore Informatica per EIPASS, n°20 ore Disegno tecnico operativo, n°20 ore Computer grafica, n°20 ore di Normativa di settore e brevetti, n°30 ore Tecniche di progettazione, n°20 ore Gestione della produzione, n°50 ore Elementi di sicurezza nei luoghi di lavoro, n°30 ore Marketing territoriale e internazionalizzazione dei mercati, n°30 ore Organizzazione aziendale qualità e controllo di produzione, n°20 ore Merceologia, n°20 Elementi di marketing territoriale, n°20 ore Strumenti e tecniche di comunicazione e gestione dei conflitti, n°90 ore Basic design e fondamenti di progettazione, n°80 ore Realizzazione di prototipi anche con l’utilizzo di materiale pregiati, n°80 ore Design scarpa uomo e donna e relativi complementi, n° 80 ore Design borse piccola pelletteria uomo e donna e relativi complementi, n°80 ore Design abiti uomo e donna e relativi complementi..                  

3. Destinatari e requisiti di accesso

Il corso prevede la partecipazione di 20 allievi effettivi e 4 uditori, giovani occupati, disoccupati o inoccupati dai 18 fino a 34 anni non compiuti alla data di scadenza della domanda di partecipazione, residenti nella Regione Campania e che non hanno frequentato negli ultimi 12 mesi un corso finanziato dal Fondo Sociale Europeo. Per accedere alle selezioni è necessario il possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  •  diploma di istruzione secondaria superiore;
  • diploma professionale di tecnico di cui al decreto legislativo 17 ottobre 2005 n. 226, art. 20 c. 1 lettera c);
  • ammissione al quinto anno dei percorsi liceali, ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005 n. 226, art. 2 comma 5.

L’accesso alle selezioni è consentito anche a coloro che non sono in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore, previo accertamento delle competenze acquisite anche in precedenti percorsi di istruzione, formazione e lavoro successivi all’assolvimento dell’obbligo di istruzione di cui al Regolamento adottato con decreto Ministro Pubblica Istruzione 22 agosto 2007, n. 139.

4. Modalità e termini di partecipazione

Il candidato dovrà presentare alla Segreteria dell’Ente la documentazione di seguito indicata:

  • domanda di ammissione al corso, redatta sull’apposito modello “Allegato A” del bando;
  • fotocopia di un valido documento di riconoscimento e codice fiscale;
  • autocertificazione del/i titolo/i di studio posseduto/i;
  • autocertificazione sulla condizione lavorativa;
  • curriculum datato e sottoscritto;
  • (per i candidati diversamente abili) certificato di invalidità e diagnosi funzionale dell’ASL di appartenenza.

La domanda di ammissione, corredata della suddetta documentazione, dovrà essere presentata a mano o spedita a mezzo posta raccomandata al seguente indirizzo: ARES – Associazione Ricerca e Sviluppo, Viale Campi Flegrei n.41 – 80124 Napoli. Le domande dovranno pervenire entro le ore 12,00 01/03/2019.

Non fa fede il timbro postale. La modulistica è disponibile presso la Segreteria dell’Ente (nei giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 18,30) ed è scaricabile dal sito www.infoares.it.

5. Modalità di selezione e di ammissione al corso

Le selezioni saranno volte ad accertare in prima istanza la presenza dei seguenti requisiti di accesso alle attività formative ed in particolare: residenza, titolo di studio, età, stato di occupazione, disoccupazione o inoccupazione.

I soggetti in possesso dei requisiti saranno ammessi alle successive verifiche che comprenderanno:

– prova scritta (40 test a risposta multipla, di cui il 70% di cultura generale e psico-attitudinale ed il 30% di conoscenze tecnico professionali). Sarà attribuito un punteggio pari a 1 punto per ogni risposta esatta, 1 punto in meno per ogni risposta errata e 0 punti per ogni risposta non data, per un punteggio massimo di 40/100;

– prova orale (colloquio individuale attitudinale e motivazionale con valutazione dei titoli culturali e delle esperienze professionali maturate), per un punteggio massimo di 60/100.

La selezione dei destinatari avverrà rispettando il principio delle pari opportunità, riservando il 50% dei posti a donne. Per l’ammissione al corso è necessario un punteggio minimo complessivo di 60/100.

Il calendario delle prove di selezione sarà pubblicato sul sito www.infoares.it  nei giorni successivi la scadenza del termine per la presentazione delle domande.

6. Sede di svolgimento e frequenza

Le attività formative d’aula si svolgeranno presso le seguenti sedi: Ares in Viale Campi Flegrei 41, I.S. Pagano/Bernini in Via Andrea d’Isernia 40. Le attività di stage saranno svolte presso Brunel in via M. R. Imbriani 105/A, NapoliCrea in Via Antiniana 2, Università Telematica Pegaso in Piazza Trieste e Trento 48.

La frequenza al corso è obbligatoria. E’ consentito un numero di ore di assenza, a qualsiasi titolo, pari al 20% del totale delle ore previste. Gli allievi che supereranno tale limite saranno esclusi dal corso.

È prevista un’indennità di frequenza pari a Euro 2,00 lordi per ora di effettiva presenza.

7. Graduatoria finale

La graduatoria verrà redatta in base alla somma dei punteggi ottenuti nelle prove previste. L’elenco dei candidati ammessi al corso e la data di inizio delle attività, saranno affissi entro 3 giorni dall’avvenuta selezione presso la sede dell’Ente e consultabile sul sito www.infoares.it.

A parità di punteggio costituirà titolo preferenziale l’età anagrafica più bassa.

8. Riconoscimento crediti

In esito al percorso formativo saranno accertati in sede di valutazione e riconosciuti, da parte dell’Università Telematica Pegaso, al massimo n.55 crediti formativi spendibili entro 3 anni dal conseguimento del Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore, nei vari Corsi di Laurea di Ingegneria Civile ed Economia aziendale nelle seguenti materie: Disegno tecnico (max. 15 crediti), Sicurezza nei luoghi di lavoro (max. 15 crediti), Organizzazione aziendale (max. 10 crediti) ed economia e gestione delle imprese (max. 15 crediti).

9. Ammissione agli esami e attestato finale

Saranno ammessi alle valutazioni finali gli allievi che avranno frequentato almeno l’80% delle ore previste.

Al termine di ciascun percorso IFTS, verranno rilasciati previo superamento delle singole prove finali di verifica, le seguenti certificazioni e attestati:

 “Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore”. Tale specializzazione è referenziata al livello EQF 4. I certificati di specializzazione tecnica superiore di cui al D.P.C.M. 28 gennaio 2008 art. 9 c. 1 lett. a) costituiscono titolo per l’accesso ai pubblici concorsi (art.5 c.7 del citato DPCM).

  • Certificazione EIPASS (7 MODULI USER)
  • Certificazione INGLESE livello B2
  • Attestato Addetto primo soccorso aziendale
  • Attestato Addetto Antincendio Aziendale
  • Attestato Formazione dipendenti rischio generico.
robotica avanzata e collaborativa

Robotica avanzata e collaborativa: il corso di formazione di ARES

Redazione No Comments

Corso di formazione e aggiornamento professionale di ARES in robotica avanzata e collaborativa: un’opportunità per le aziende, grazie agli incentivi fiscali del Credito d’Imposta Formazione 4.0

L’avvento della quarta rivoluzione industriale, anche indicata col neologismo di Industria 4.0, sta trasformando profondamente i tradizionali modelli di produzione industriale. Tutto ciò appare evidente in campi come l’Internet delle cose e delle macchine o in quello dell’interfaccia uomo – macchina , solo per citarne qualcuno. Altro settore in tumultuosa espansione è quello della robotica avanzata e collaborativa, cioè dei nuovi modelli di produzione industriale basati su uno strettissimo collegamento tra uomo e macchina all’interno della fabbrica.

Robotica avanzata e collaborativa: la tecnologia invade i settori industriale e manifatturiero

Le regole dettate da un mercato sempre più concorrenziale impongono alle aziende operanti in tutti i settori, sia industriale che manifatturiero, l’adozione di strategie volte all’innovazione, pena la rapida perdita di competitività. L’importanza sempre crescente della robotica nel processo produttivo implica la necessità stringente di una sempre maggiore interconnessione tra uomo e macchina. I nuovi robot collaborativi sono automi intelligenti, in grado di svolgere contemporaneamente diverse mansioni.

Lavorano a stretto contatto con l’uomo e sono in grado di imparare dal collega umano; contribuiscono in maniera significativa a rendere più efficiente e produttivo il lavoro di fabbrica. È di tutta evidenza che, chi opera a stretto contatto con la macchina, necessita di una serie di competenze nuove e bisognose di un adeguato percorso formativo.

Robotica avanzata e collaborativa: gli incentivi del Credito d’Imposta Formazione 4.0

Il Credito d’Imposta Formazione 4.0 rappresenta un importante incentivo, che il Governo ha deciso di mettere a disposizione delle aziende che intendano procedere alla formazione ed all’aggiornamento professionale dei propri dipendenti. Le vantaggiose misure fiscali  sono rivolte proprio ai settori direttamente coinvolti dal processo di innovazione industriale e tecnologica conosciuto col nome di Industria 4.0.

Ecco i settori inclusi nel programma di incentivi fiscali: big data e analisi dei dati; realtà virtuale, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata; cloud e fog computing; prototipazione rapida; cyber security; manifattura additiva; robotica avanzata e collaborativa; interfaccia uomo macchina; integrazione digitale dei processi aziendali; internet delle cose e delle macchine (IoT); simulazione e sistemi cyber-fisici.

Robotica avanzata e collaborativa: il corso di formazione e aggiornamento professionale di ARES

ARES, Associazione Ricerca E Sviluppo, è un’associazione senza scopo di lucro, attiva nel campo della formazione e aggiornamento professionale, con serietà, impegno e competenza, da oltre un ventennio. Il nostro corso di robotica avanzata e collaborativa si avvarrà del contributo di docenti con grande esperienza nei settori dell’ingegneria informatica, della grafica digitale e delle tecnologie multimediali. Uso del web, sia per la programmazione dei macchinari e dei robot, che per la gestione di notevoli flussi di dati; handling; assemblaggio; controllo qualità: sono solo alcuni dei campi che saranno approfonditi durante il corso. I partecipanti potranno così acquisire le competenze necessarie a relazionarsi al meglio con macchine sempre più sofisticate ed intelligenti.

Sono previste, in media, due lezioni a settimana e la durata del corso è di circa sei mesi. I cicli di lezioni sono strutturati in modo tale da permettere ai partecipanti un percorso formativo graduale e completo. Il corso è riconosciuto dalla Regione Campania; al suo termine, a tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Le lezioni si terranno presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

Se volete saperne di più sul corso di robotica avanzata e collaborativa di ARES potete contattarci ai seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax: 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail: info@infoares.it

Giuseppe Esposito

elenco regionale operatore socio sanitari

Maxi concorsi per OSS e infermieri: informazioni utili

Redazione No Comments

Sono stati predisposti due concorsi pubblici per il 2019 per l’assunzione di Operatori Socio Sanitari e infermieri: 167 i posti disponibili

L’Azienda Ospedaliera Universitaria di Catanzaro ha messo a disposizione 167 posti totali per Operatori Socio Sanitati e infermieri, nello specifico:

  • 102 posti di lavoro per gli Operatori Socio Sanitari;
  • 65 posti di lavoro disponibili per gli infermieri.

Le assunzioni sono effettuate mediante il superamento di concorso e sono a tempo indeterminato, con orario full time. Il concorso è suddiviso in prove scritte e orali, ma anche prove pratiche, al di là di possibili preselezioni da effettuare in base al numero di candidati che parteciperanno.

Inoltre, è prevista una riserva di 33 posti per il concorso per OSS e 32 posti per personale infermieristico.

I requisiti di partecipazione

I candidati che verranno a prendere parte alla selezione dovranno soddisfare dei requisiti generali e specifici.

Per quanto riguarda i requisiti generali, essi prevedono che il candidato sua:

  • cittadino italiano;
  • deve godere di diritti civili e politici;
  • deve avere idoneità fisica per affrontare i compiti previsti dal lavoro;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione.

Per quel che interessa i requisiti specifici, i candidati che intendono partecipare al concorso per Operatore Socio Sanitario devono;

  • essere in possesso del diploma di istruzione secondaria di primo grado o assolvimento dell’obbligo scolastico;
  • essere in possesso del titolo di Operatore Socio Sanitario ottenuto in seguito al superamento di un corso di formazione, con relativo attestato.

Per coloro che intendono partecipare al concorso per il personale infermieristico devono:

  • essere in possesso della laurea di primo livello in infermieristica;
  • essere iscritti all’albo professionale.

Il concorso presso l’Azienda Ospedaliera di Catanzaro sarà attivo fino al 17 febbraio 2019; si consiglia i candidati una lettura approfondita del bando sia per OSS che per infermieri.

Altri concorsi attivi

Un altro concorso attivo fino al 14 gennaio 2019 esclusivamente per Operatore Socio Sanitario è presso il Centro Servizi per Anziani Pietro e Santa Scarmignan di Merlara, in provincia di Padova. Il concorso prevede l’assunzione full time e a tempo indeterminato di quattro OSS.

Per partecipare al concorso presso il Centro Servizi per Anziani Pietro e Santa Scarmignan, sarà necessario presentare la domanda allegata al bando di concorso presso la segreteria del Centro tramite:  mezzo di raccomandata; mediante indirizzo di Posta Elettronica Certificata o direttamente a mano all’Ufficio Protocollo dell’Ente.

Carla Sarnataro

corso industria 4.0 uomo macchin

Il Corso di Interfaccia Uomo – Macchina di ARES: formazione 4.0

Redazione No Comments

Il corso di Interfaccia Uomo – Macchina di ARES è un’opportunità di aggiornamento e formazione professionale per le aziende, che possono beneficiare anche degli incentivi fiscali previsti dal Credito d’Imposta Formazione 4.0

L’Interfaccia Uomo – Macchina è un campo in continua evoluzione ed uno dei settori per eccellenza dell’innovazione digitale. Oggi praticamente tutti, anche se spesso inconsapevolmente, usufruiamo di un’interfaccia che ha come scopo quello di facilitare l’usabilità di una macchina che usiamo spessissimo: lo smartphone. L’assistente personale, presente ormai anche sui cellulari di fascia più bassa, testimonia del vertiginoso sviluppo della tecnologia legata alle interfacce uomo – macchina nel mondo consumer. Per quanto riguarda le realtà aziendali, tuttavia, va spesso registrato invece un ritardo nell’aggiornamento tecnologico, con gli annessi rischi di perdita di competitività in un mercato sempre più concorrenziale.

Le interfacce uomo – macchina, tendono alla semplificazione ed alla velocizzazione del lavoro e, per questo, devono essere semplici ed intuitive. La creazione di interfacce versatili (per rispondere alle esigenze di utenti diversi), in grado di interagire con dispositivi di vario tipo ed inoltre di dialogare con altre interfacce, è dunque operazione complessa e bisognosa di competenze adeguate e specifiche.

Le misure previste dal Governo per potenziare il cosiddetto settore Industria 4.0, vanno nella direzione di fornire alle aziende che operano nei settori tecnologicamente più avanzati, una serie di incentivi economici che consentano loro di colmare il gap con le realtà più moderne e dinamiche.

L’Interfaccia Uomo – Macchina e gli incentivi del Credito d’Imposta Formazione 4.0

Nel corso degli ultimi mesi, in coincidenza con il riacutizzarsi delle condizioni di depressione economica che hanno già penalizzato il panorama industriale italiano e mondiale nell’ultimo decennio, le misure decise dal Governo nel Piano Industria 4.0 hanno acquisito nuova centralità. Tra queste misure, il Credito d’Imposta Formazione 4.0 si pone come obiettivo la formazione e l’aggiornamento professionale delle risorse umane delle aziende che operano nei settori tecnologicamente più avanzati:

  • big data e analisi dei dati
  • realtà virtuale
  • sistemi di visualizzazione e realtà aumentata
  • cloud e fog computing
  • prototipazione rapida
  • cyber security
  • manifattura additiva
  • robotica collaborativa e avanzata
  • interfaccia uomo macchina
  • integrazione digitale dei processi aziendali
  • internet delle cose e delle macchine (IoT)
  • simulazione e sistemi cyber-fisici.

Le aziende operanti in questi settori potranno beneficiare di importanti incentivi economici, recuperando una quota variabile, ma comunque significativa, dei costi sostenuti per la formazione e l’aggiornamento professionale dei propri dipendenti (Qui ulteriori informazioni: https://www.infoares.it/formazione/credito-dimposta-formazione-4-0-di-cosa-si-tratta-chi-ne-ha-diritto/).

I corsi di Interfaccia Uomo – Macchina di ARES

ARES, Associazione Ricerca E Sviluppo, è un’associazione senza scopo di lucro, attiva nel campo della formazione e aggiornamento professionale, con serietà, impegno e competenza, da oltre un ventennio. Il nostro corso di Interfaccia Uomo – Macchina (Human Machine Interface HMI), si avvale di docenti di grande competenza e di esperti in ingegneria informatica, grafica, stampa digitale. Il corso si articola in 21 settimane, per una durata complessiva di 300 ore; al termine del corso sarà rilasciato ai partecipanti un attestato valido e riconosciuto dalla Regione Campania, che certificherà i traguardi raggiunti.

Le lezioni si terranno presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

Se volete saperne di più sul corso di Interfaccia Uomo – Macchina (Human Machine Interface HMI) di ARES potete contattarci ai seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax: 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail: info@infoares.it

Giuseppe Esposito

animatore sociale corso di formazione

Animatore Sociale: ecco il divertimento a carattere educativo

Redazione No Comments

L’Animatore Sociale è una figura importante nel capo educativo e d’intrattenimento per gli utenti di diverse associazioni, comunità o scuole presso cui presta servizio

L’Animatore Sociale svolge la propria attività a stretto contatto con diversi utenti, come: adolescenti, bambini, portatori di handicap, anziani e persone con disturbi psichiatrici. Lo scopo principale dellAnimatore Sociale è organizzare attività educative e ricreative allo stesso tempo, che possano coinvolgere tutti gli utenti e offrire loro occasioni di crescita sia personale che  culturale. Queste attività sono generalmente svolte in campi organizzati o in strutture allestite con i materiali necessari per sviluppare abilità artistiche e motorie.

In questo modo, si offre l’opportunità a tutte le persone di poter impiegare al meglio il proprio tempo libero, favorendo i processi di socializzazione e integrazione. L’Animatore Sociale può avvalersi dell’aiuto di altre figure professionali, in particolar modo nelle attività motorie, nelle attività educative, in laboratori creativi, spettacoli o iniziative legate ad eventi stagionali. Inoltre, ogni Animatore Sociale ha un proprio modo di organizzare le attività di tempo libero, in particolar modo quest’ultima cambia in base alla struttura presso cui si svolge i servizio.

Nello specifico l’Animatore può gestire la sua attività in tre arie di riferimento quali:

  • Area socio-educativa che fa riferimento al contesto educativo e ludico;
  • Area socio-culturale dedicata a progetti di carattere espressivo e comunicativo;
  • Area dell’assistenza sanitaria, in cui sono presentati progetti di riabilitazione, prevenzione e assistenza dell’utente.

Quali caratteristiche deve avere un Animatore Sociale?

Un Animatore Sociale, dal momento che deve suscitare la partecipazione in attività educative e di intrattenimento, deve essere ricco di doti come  disponibilità, pazienza,  autocontrollo e soprattutto deve serbare il massimo rispetto verso il prossimo. Ulteriormente, deve avere ottime capacità di comunicazione e di ascolto, in modo da favorire le dinamiche di interazione e relazione tra i membri del gruppo. Infine, un Animatore Sociale deve aver acquisito nozioni di pedagogia, sociologia e psicologia nei campi relativi alla cognizione all’interazione tra le persone. È necessario che abbia anche conoscenze attinenti alle problematiche legate alle fasi di sviluppo della vita, tale da approcciare in maniera efficace sia con bambini che con adolescenti e anziani.

Corso di formazione per diventare Animatore Sociale proposto da ARES

Ares è un’associazione senza scopo di lucro che si occupa di attività di formazione professionale, in particolar modo per soddisfare i bisogni occupazionali e riqualificare i lavoratori. Presso l’Associazione Ricerca e Sviluppo è possibile partecipare a diversi corsi di formazione professionale riconosciuti dalla Regione Campania, come ad esempio il corso di formazione per diventare Animatore Sociale!

Il corso ha la durata di 1000 ore suddivise in: lezioni frontali, pratica e stage, che riguarderanno svariati campi inerenti alla professione (Tecnica professionale, legislazione, psicologia, pedagogia, lingua estera, tecniche socio-sanitarie, statistica ed informatica).

Le lezioni saranno tenute da un team di docenti laureati e con una forte esperienza nel campo socio-educativo, presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

Per ricevere ulteriori informazioni circa la durata dei corsi e i relativi costi si consiglia di contattare ARES ai seguenti recapiti: Telefono: 081/5704220 – Whatsapp :  3929164153 Oppure di inviare una mail a questo indirizzo: ares@infoares.it

Carla Sarnataro

internet delle cose formazione 4

Il corso di Internet delle cose di ARES: un’opportunità per le aziende

Redazione No Comments

Il corso di Internet delle cose (IoT) di ARES, è un’opportunità di formazione e aggiornamento professionale di cui approfittare, anche grazie agli incentivi previsti dal Credito d’Imposta Formazione 4.0

Il neologismo Internet delle cose (IoT), derivato dall’inglese Internet of things, già da diversi anni è usato per indicare l’insieme dei dispositivi elettronici che, grazie ad un software, possano scambiare dati e informazioni con altre apparecchiature connesse alla rete. Il ventaglio degli oggetti che possono essere connessi è praticamente sconfinato: macchinari aziendali, automobili, elettrodomestici, parti dell’arredamento di casa e persino persone, piante, animali. La connessione alla rete di tutto ciò che ci circonda ha uno scopo ben preciso: facilitare la nostra vita, rendendo le attività umane sempre più razionali ed efficienti.

Al di là delle questioni etiche e relative alla tutela della privacy, il settore dell’IoT è in tumultuosa crescita e la sua importanza è destinata ad aumentare sempre più nel corso dei prossimi anni.

Formazione professionale e IoT: le opportunità offerte dal Credito d’Imposta Formazione 4.0

Le aziende sono state i primi soggetti interessati dai nuovi sviluppi e possibilità offerte dalla sempre maggiore informatizzazione. È stato chiaro, sin dal primo momento, che le imprese fossero obbligate a procedere senza esitazioni sulla strada della modernizzazione, pena la rapida perdita di competitività sul mercato.

Un’opportunità concreta per le imprese è costituita dal Credito d’Imposta Formazione 4.0: si tratta di una misura atta ad incentivare la formazione del personale interno alle aziende garantendo a queste ultime, sotto forma di incentivo fiscale, il recupero di una quota variabile dei costi sostenuti per la formazione e l’aggiornamento professionale dei propri dipendenti (vedi qui per maggiori dettagli: https://www.infoares.it/formazione/credito-dimposta-formazione-4-0-di-cosa-si-tratta-chi-ne-ha-diritto/).

Il Credito d’Imposta Formazione 4.0 è stato pensato esplicitamente per venire incontro alle esigenze di quei settori industriali che si trovano, ad oggi, ad attraversare la nuova frontiera dello sviluppo tecnologico. Ecco i settori fondamentali di quella che viene definita comunemente “Industria 4.0”: big data e analisi dei dati; realtà virtuale, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata; cloud e fog computing; prototipazione rapida; cyber security; manifattura additiva; robotica collaborativa e avanzata; interfaccia uomo macchina; integrazione digitale dei processi aziendali; internet delle cose e delle macchine (IoT); simulazione e sistemi cyber-fisici.

Internet delle cose (IoT) e Credito d’Imposta Formazione 4.0: l’impegno di ARES

ARES, Associazione Ricerca E Sviluppo, è un’associazione senza scopo di lucro, attiva nel campo della formazione e aggiornamento professionale, con serietà, impegno e competenza, da oltre un ventennio. Il nostro corso di Internet delle cose e delle macchine, della durata di 300 ore, si avvarrà del contributo di docenti con grande esperienza sia nel nuovissimo campo dell’IoT che, più in generale, in quello dell’informatica. I partecipanti potranno così acquisire le competenze necessarie ad affrontare con successo le sfide lavorative dei prossimi anni. Il corso è riconosciuto dalla Regione Campania; al termine del corso sarà rilasciato, a tutti i partecipanti, un attestato di frequenza.

Le lezioni si terranno presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

Se volete saperne di più sul corso di Internet delle cose e delle macchine (IoT) di ARES potete contattarci ai seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax: 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail: info@infoares.it

Giuseppe Esposito

corso di inglese ares formazione professionale

L’importanza dei corsi di lingua inglese: l’impegno di ARES

Redazione No Comments

La conoscenza della lingua inglese riveste importanza fondamentale in molteplici settori. Grazie ai corsi di ARES è possibile ottenere le certificazioni linguistiche necessarie

Nonostante l’importanza crescente della lingua inglese nel panorama mondiale, il nostro Paese continua ad essere in ritardo rispetto alla maggioranza dei partner europei. Anche per il 2018, l’Italia ha occupato le posizioni di fondo della classifica che ordina i paesi dell’UE per conoscenza dell’inglese superata, in negativo, solo dalla Francia. Questo gap va colmato al più presto, perché spesso si traduce in un distacco dagli standard europei anche sul versante della competitività.

L’importanza della conoscenza della lingua inglese

La conoscenza della lingua inglese riveste, ormai, importanza fondamentale in molteplici settori: sempre più spesso è, ad esempio, uno dei requisiti fondamentali che viene richiesto a chiunque voglia candidarsi per un’offerta di lavoro. Il possesso delle certificazioni che attestino la conoscenza dell’inglese ed il relativo livello di competenza, concorrono alla formazione del punteggio di partenza del candidato nella maggior parte dei concorsi pubblici.

La certificazione linguistica è parimenti necessaria per tutti coloro che aspirino a trovare un lavoro o intraprendere un percorso di studio all’estero. Ma, anche per chi resta in Italia, la conoscenza dell’inglese risulta indispensabile per poter affrontare le sfide lavorative imposte da un mondo sempre più globalizzato.

Corsi di lingua inglese: l’impegno di ARES

ARES, Associazione Ricerca E Sviluppo, è un’associazione senza scopo di lucro, attiva nel campo della formazione e aggiornamento professionale, con serietà, impegno e competenza, da oltre un ventennio. I nostri corsi di lingua inglese, anche intensivi, permettono di sostenere l’esame per il conseguimento delle certificazioni linguistiche necessarie. I corsi di ARES sono disponibili per tutti i livelli linguistici, da quelli di base A1/A2 fino a quelli di padronanza C1/C2.

Le lezioni si terranno presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

Se volete saperne di più sui corsi intensivi di lingua inglese di ARES potete contattarci ai seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax: 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail: info@infoares.it

Articolo di: Giuseppe Esposito

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it