• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Daily Archives:13 Dicembre 2018

Notizie utili per l’ammissione al Servizio Civile Nazionale – Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

Redazione No Comments

Rendo noto che con la pubblicazione Bando del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – Ufficio per il Servizio Civile Nazionale per la selezione di n. 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile in Italia e all’estero, è stato approvato il progetto di Servizio Civile seguente:

la cui realizzazione sarà effettuata presso la sede    L’Ares per il territorio .

Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini italiani;
  • cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea;
  • cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che:

  • abbiano già prestato servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, o che lo stiano prestando ai sensi della legge n. 64 del 2001, nonché coloro che alla data di pubblicazione del presente bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile nazionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani e per l’attuazione del progetto sperimentale europeo IVO4ALL;
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di servizio civile nazionale l’aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” o aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente originato da segnalazione dei volontari.

La domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, deve pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 14.00 del 26 giugno 2017. Le domande comunque pervenute oltre il termine stabilito, non saranno prese in considerazione.

La domanda, firmata dal richiedente, deve essere:

  • redatta secondo il modello riportato;
  • accompagnata da fotocopia di valido documento di identità personale;

Le domande possono essere presentate esclusivamente secondo le seguenti modalità:

  1. con Posta Elettronica Certificata (PEC) – art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009, n. 2 – di cui è titolare l’interessato, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf all’indirizzo pec infoares@arubapec.it a mezzo “raccomandata A/R” all’indirizzo di ciascuna sede progetto;
  2. consegnate a mano all’indirizzo di ciascuna sede progetto e secondo le modalità e tempi di ciascuna.
  3. Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale, da scegliere tra i progetti inseriti nel bando e tra quelli inseriti nei bandi regionali e delle Province autonome contestualmente pubblicati. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nei bandi innanzi citati, indipendentemente dalla circostanza che non si partecipi alle selezioni. La mancata indicazione della sede per la quale si intende concorrere non è motivo di esclusione. È cura dell’ente provvedere a far integrare la domanda con l’indicazione della sede, ove necessario.

La mancata sottoscrizione e/o la presentazione della domanda fuori termine è causa di esclusione dalla selezione, analogamente al mancato invio della fotocopia del documento di identità; è invece sanabile la presentazione di una fotocopia di un documento di identità scaduto

Per eventuali ulteriori chiarimenti inviare richiesta all’indirizzo mail.

Il Responsabile Nazionale del Servizio Civile

 

Modulistica Allegata da Scaricare : 

NOTIZIE UTILI 

DOMANDA DI AMMISSIONE – ALLEGATO 2

AVVISO DI CONSEGNA

PROGETTO

DICHIARAZIONE TITOLI – ALLEGATO 3

credito d'imposta formazione 4.0

Credito d’imposta Formazione 4.0: di cosa si tratta? Chi ne ha diritto?

Redazione No Comments

In seguito alla pubblicazione ufficiale il 22 giugno 2018 sono state fornite le giuste spiegazioni riguardanti il Bonus Formazione 4.0 e le istruzioni per beneficiarne

Il Credito d’imposta serve ad incrementare lo sviluppo delle aziende, puntando alla formazione del personale e all’acquisizione di competenze inerenti al progetto “Piano Nazionale Industria 4.0”. Il Bonus Formazione 4.0 ha un valore che oscilla tra il 30% e il 50% delle spese sostenute per i corsi di aggiornamento del personale riconosciuti dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

Dal quest’anno, infatti,  il Credito d’Imposta non avrà più un valore fisso (pari a 300mila euro per ciascun beneficiario), bensì sarà calcolato in base alla dimensione dell’azienda richiedente: 30% per le grandi imprese; 40% per le imprese media; 50% per le piccole imprese. La novità è stata introdotta con l’approvazione della Legge di Bilancio 2019 in Commissione parlamentare, con particolare attenzione rivolta alle piccole imprese.

Il Bonus Formazione 4.0 può essere utilizzato esclusivamente in compensazione e rappresenta un importante incentivo fiscale per le imprese, le quali investono sul futuro dei loro operatori e collaboratori.

I fruitori del Bonus Formazione 4.0 e i suoi benefici

A poter accedere al Credito d’imposta sono tutte le aziende residenti in Italia, incluse tutte le stabili organizzazioni e in maniera del tutto indipendente dal regime contabile, dalle modalità di determinazione del reddito per fini fiscali e dall’attività economica operata.

Per quanto concerne gli enti non commerciali che svolgono attività nel settore commerciale, possono accedere al Credito d’imposta per i dipendenti impiegati, anche se non in via esclusiva a tali attività.

Secondo quanto stabilito dal Regolamento (UE) n.651/ 2014, all’articolo 2 punto 18, restano escluse dalla possibilità di beneficiare del Credito le cosiddette “imprese in difficoltà”.

Per comprendere meglio in cosa consiste il Bonus Formazione 4.0, è stata stilata una lista di attività possibili e di spese ammissibili nel campo della formazione, la quale potrà essere integrata e aggiornata in futuro.

Tuttavia, al momento si sa per certo che il Credito d’Imposta fa riferimento alle seguenti tecnologie:

  • big data e analisi dei dati;  
  • realtà virtuale, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata;
  • cloud e fog computing;
  • prototipazione rapida;
  • cyber security;
  • manifattura additiva;
  • robotica collaborativa e avanzata;
  • interfaccia uomo macchina;
  • integrazione digitale dei processi aziendali;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • simulazione e sistemi cyber-fisici.

La disciplina delle seguenti attività deve essere riportata all’interno dei contratti collettivi aziendali e/o territoriali, i quali dovranno essere consegnati presso l’ITL di riferimento. Inoltre, per ogni dipendente sarà rilasciato un attestato di partecipazione alle attività formative.

Bonus Formazione 4.0 e Ares

Ares è un’associazione senza scopo di lucro che si occupa di attività di formazione professionale, in particolar modo per soddisfare i bisogni occupazionali e riqualificare i lavoratori.

Presso l’Associazione Ricerca e Sviluppo è possibile partecipare a diversi corsi di formazione professionale riconosciuti dalla Regione Campania, come ad esempio i corsi di Formazione 4.0! Le lezioni si terranno presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli.

A fine corso gli iscritti riceveranno un attestato di partecipazione, come previsto dall’attuale legislazione.

Per ricevere ulteriori informazioni circa la durata dei corsi e i relativi costi si consiglia di contattare ARES ai seguenti recapiti: Telefono: 081/5704220 – Whatsapp :  3929164153 Oppure di inviare una mail a questo indirizzo: ares@infoares.it

Articolo di: Carla Sarnataro

concorso dsga Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi

La figura del DSGA: chi è? E cosa fa?

Redazione No Comments

Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA) è una figura regolatrice nell’istituzione scolastica, necessaria quanto il Dirigente Scolastico

La figura del DSGA nasce insieme al nuovo sistema di autonomia della scuola, in accordo con quanto istituito nell’articolo 5 della Costituzione. Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi si occupa prevalentemente di coordinamento e promozione delle attività  del personale ATA all’interno dell’istituzione didattica. I principali compiti di cui si fa carico il Direttore sono particolarmente complessi e hanno una certa importanza, come la proposta del  piano delle attività e le modalità di svolgimento inerente alle mansioni del personale ATA, che dovrà essere adottato dal Dirigente Scolastico.

Il DSGA svolge anche attività di istruzione, formalizzazione e predisposizione sia degli atti amministrativi che contabili, inoltre è funzionario delegato, ufficiale richiedente e consegnatario dei beni mobili. Infine, si interessa di mansioni di tutoraggio, di formazione e aggiornamento del personale.

Come diventare Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi?

Per partecipare al recente concorso bandito dal MIUR per accedere al ruolo di Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi bisogna essere in possesso di una di queste attestazioni: Laurea in Giurisprudenza, Diploma di Laurea specialistica o Laurea Magistrale (LM) corrispettiva a quelle specialistiche (ai sensi di quanto riportato nella tabella allegata al DI 9 luglio 2009), Laurea in Economia e Commercio, Laurea in Scienze politiche, amministrative o sociali. Oppure gli assistenti amministrativi con incarico di facente funzione che, alla data del 1° gennaio 2018, abbiano prestato negli otto anni precedenti tre anni di incarico nelle mansioni di DSGA.

In seguito, il candidato dovrà partecipare al Concorso strutturato secondo quattro prove:

  • Una prova preselettiva;
  • Una prima prova scritta;
  • Seconda prova scritta;
  • Una prova orale sui temi amministrativi, economici, di diritto e sull’organizzazione scolastica

Il Concorso serve per ricoprire 2004 posti dedicati al ruolo di Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi nelle istituzioni scolastiche. Il Concorso si terrà su base regionale e in Campania sono messi a disposizione 160 posti, di cui 48 dedicati ad: Assistenti Amministrativi facenti funzione DSGA con 3 anni di servizio negli ultimi 8 anni e il Personale ATA in possesso delle Lauree richieste.

La domanda di iscrizione dovrà essere presentata entro e non oltre le ore 23.59  del 28 gennaio 2019, riportando le informazioni anagrafiche, le attestazioni richieste circa i titoli di studio, il possesso dei requisiti necessari, recapiti e la regione per cui si vuole concorrere. Il candidato che supererà la selezione, per legge dovrà lavorare per 36 ore settimanali, le quali possono essere organizzate in maniera flessibile e autonoma durante l’intera settimana lavorativa; inoltre, la retribuzione base è di circa 1.800€, senza tener conto di indennità, anzianità e retribuzioni accessorie.

Corso intensivo di lingua inglese per il Concorso DSGA proposto da ARES

Ares è un’associazione senza scopo di lucro che si occupa di attività di formazione professionale, in particolar modo per soddisfare i bisogni occupazionali e riqualificare i lavoratori. Presso l’Associazione Ricerca e Sviluppo è possibile partecipare a diversi corsi di formazione professionale riconosciuti dalla Regione Campania, come ad esempio il corso di lingua inglese per sostenere la prova orale del Concorso DSGA!

Le lezioni si terranno presso la sede ARES di Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli. A fine corso gli iscritti potranno sostenere l’esame per la certificazione C1/C2 riconosciuta dal MIUR.

Per ricevere ulteriori informazioni circa la durata dei corsi e i relativi costi si consiglia di contattare ARES ai seguenti recapiti: Telefono: 081/5704220 – Whatsapp :  3929164153 Oppure di inviare una mail a questo indirizzo: ares@infoares.it

Carla Sarnataro

corso di inglese ares formazione professionale

Ares Formazione Professionale: Corsi in lingua inglese

Redazione No Comments

ARES – ASSOCIAZIONE RICERCA E SVILUPPO organizza corsi di lingua Inglese per permettere a chiunque un più facile approccio al mondo del lavoro.

Al giorno d’oggi la lingua Inglese è sicuramente la competenza linguistica più ricercata, all’interno di un ambito lavorativo o istruttivo. Tutte le facoltà universitarie prevedono esami che permettano di apprendere le conoscenze di base di tale lingua, ed anche negli ambienti lavorativi risulta, sempre più spesso, essere il requisito più richiesto.

L’importanza della lingua inglese

Ma come mai la lingua inglese risulta essere così diffusa? Gran parte del merito è di Internet e dei suoi linguaggi di programmazione. Si stima, infatti, che la stragrande maggioranza di dati presenti sulla rete sia scritta in lingua inglese. Nel mondo del lavoro, invece, l’inglese risulta ancor più determinante, permettendo di affacciarsi su livelli multinazionali ed aziende con contatti all’estero. L’intero commercio internazionale viene gestito comunicativamente in inglese, gli articoli scientifici di alta specializzazione sono redatti anch’essi in lingua inglese, e tutte le news tecnologiche prevedono, appunto, l’utilizzo di tale lingua.

I corsi di Ares e certificazione in lingua inglese

ARES – Associazione Ricerca E Sviluppo organizza corsi di lingua inglese nella sede di Bagnoli in Viale Campi Flegrei, 41 Napoli. I corsi di inglese sono l’ideale per chiunque voglia conseguire una certificazione in lingua inglese che dia la possibilità di garantire un livello di padronanza della lingua.

La certificazione in lingua inglese, infatti, permette diverse opportunità:

  • Nella Scuola una certificazione di lingua permette l’ottenimento di crediti formativi utili nell’esame di maturità.
  • Nell’Università può arrivare a valere anche come esonero dell’intero esame di lingua inglese, mentre risulta un elemento imprescindibile per l’accesso a vari Master e percorsi formativi, in università italiane e straniere.
  • Nel Lavoro permette di poter incrementare il proprio curriculum vitae aggiungendo una caratteristica necessaria per l’ottenimento di opportunità di lavoro di notevole spessore.

 

Articolo di: Leandro Caiazza

corsi di formazione professionale regione campania

Formazione professionalizzante nel mondo moderno

Redazione No Comments

In un mondo lavorativo così variegato ed alla continua ricerca di specializzazioni, i corsi di formazione professionale offrono una garanzia nell’ottenimento di un lavoro dignitoso.

L’importanza di una formazione professionalizzante

Nella realtà aziendale di oggi sempre più soggetti ricercano persone in grado di compiere bene uno specifico lavoro e che siano qualificati a farlo, il più delle volte possedendo attestati e qualifiche rilasciati da enti di formazione specifici come ARES – Associazione Ricerca E Sviluppo.

Ad oggi il format lavorativo non è più incentrato sul “jolly”, un dipendente in grado di cambiare vari settori nel corso della sua esperienza lavorativa, quanto più su una figura altamente specializzata.

Le istituzioni e la formazione professionale

La formazione professionalizzante è largamente incentivata dalle istituzioni, al punto che le stesse regioni offrono ad enti ben referenziati, la possibilità di accreditarsi per poter svolgere presso la sede di questi ultimi corsi di formazione professionale iniziale e corsi di formazione professionale continua.

Anche in questo caso ARES – Associazione Ricerca E Sviluppo risulta un caposaldo all’interno della regione campana, garantendo molteplici corsi e permettendo la possibilità ai partecipanti di ottenere qualifiche ed attestati riconosciuti e garantiti.

ARES – Associazione Ricerca E Sviluppo risulta accreditato presso la Regione Campania con n° 00617/05/05 ed offre corsi di formazione professionale validi a livello nazionale ed europeo nel settore amministrativo, per quanto concerne la sicurezza sui luoghi di lavoro, nel settore socio-sanitario-assistenziale-educativo, corsi EIPASS e corsi di lingua inglese, garantendo così una preparazione completa per il mercato del lavoro.

ARES e la Formazione

ARES – Associazione Ricerca E Sviluppo, con sede a Bagnoli in Viale Campi Flegrei 41, è da sempre un punto di riferimento in tutta la regione, e non solamente nell’interland partenopeo, in riferimento alla formazione professionalizzante.

Con numerosi corsi all’attivo, collabora con la Regione Campania tramite corsi autofinanziati e finanziati dalla stessa, per permettere un maggior livello di tasso occupazionale sul territorio. In special modo, i corsi da Operatore Socio Sanitario (OSS) risultano i più frequentati, grazie anche ai numerosi bandi di concorsi per figure del settore.

Articolo di: Leandro Caiazza

elenco regionale operatore socio sanitari

Approvato l’elenco regionale per OSS ed enti di formazione

Redazione No Comments

Il Consiglio Regionale ha approvato in maniera unanime  le Disposizioni relative agli Operatori Socio Sanitari in seguito all’emanazione della legge 298

In Liguria è stato istituito un elenco regionale degli OSS, degli Enti di formazione accreditati e dei corsi di formazione concernenti l’ambito regionale. L’intervento è stato attivato con lo scopo di incrementare ancora di più la promozione delle organizzazioni che si interessano di formare personale qualificato.

La proposta di legge era stata presentata nel Consiglio Regionale da Matteo Rosso (FdI), Valter Ferrando (Pd) e Alice Salvatore (M5S), con la speranza di mettere un freno al processo di vendita di falsi attestati da enti non accreditati. Il Migep, tuttavia, ritiene indispensabile l’iscrizione obbligatoria del professionista formato all’Elenco, tale da non far perdere di utilità il Registro Regionale e propone una revisione dell’attestato di OSS secondo criteri unici validi in tutto il territorio nazionale.

In un primo elenco sono stati inseriti tutti gli Enti di formazione accreditati e i corsi di formazione specifici volti a valorizzare le competenze professionali che saranno acquisite. In una sezione a parte sono stati inseriti i nomi di coloro che hanno già conseguito il titolo e la qualifica di Operatore Socio Sanitario, nel rispetto delle norme regionali attualmente attive.

Gli OSS selezionati dovranno essere in possesso dell’attestato che certifichi la loro qualifica, tuttavia l’inserimento nell’Elenco non rappresenta in alcun modo un requisito per esercitare l’attività.

Con questa iniziativa si spera di tenere a bada il fenomeno del diplomificio, in modo da tutelare i corsisti e il personale realmente qualificato, il quale dovrebbe anche contenere la sovra formazione di ulteriori professionisti che causa disoccupazione ed esuberi.

OSS e corsi di formazione

ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, mette a disposizione per gli utenti diversi corsi di formazione, tra cui il Corso di Formazione per diventare Operatore Socio Sanitario.

Un team composto da esperti si occuperà di formare gli utenti iscritti al Corso, su un piano empatico oltre che professionale, provvedendo al conseguimento di un attestato che ha validità su tutto il territorio Nazionale.

Per eventuali informazioni contattare i numeri: Telefono: 081/5704220 –  Mobile con Whatsapp: 3929164153, oppure tramite e-mail all’indirizzo: ares@infoares.it

Articolo di: Carla Sarnataro

Corso di Formazione “Etica e deontologia professionale dell’Ingegnere”

Redazione No Comments

ARES – Associazione Ricerca E Sviluppo, ha organizzato, nella sede di Ariano Irpino dell’Ente di Formazione PSB Srl, il Corso di Formazione gratuito “Etica e deontologia professionale dell’Ingegnere” indirizzato a professionisti laureati in Ingegneria per il giorno 19 dicembre 2018.

Nella sede di PSB Srl di Ariano Irpino, ARES – Associazione Ricerca e Sviluppo, Ente accreditato per il CNI, ha organizzato il Corso di Formazione: “Etica e deontologia professionale dell’Ingegnere”, diretto ai professionisti laureati in Ingegneria.

Scopo del corso è quello di analizzare i concetti fondamentali del Codice Deontologico degli Ingegneri, i doveri e le responsabilità nei confronti della collettività e dell’ambiente, i principi di legalità, correttezza e riservatezza che questi ultimi devono sempre avere in mente.

Questa importante iniziativa è nata allo scopo di continuare a perseguire e realizzare l’obiettivo di ARES – Associazione Ricerca E Sviluppo di diventare sempre più il riferimento per i giovani in cerca di opportunità di lavoro, per lavoratori in cerca di reinserimento, per il mondo istituzionale e scolastico – universitario e, come in questo caso, per i professionisti che vogliono rimanere aggiornati sul proprio lavoro.

Corso di formazione gratuito!

Il corso è GRATUITO e si terrà mercoledì 19 Dicembre 2018 presso la sede di Ariano Irpino, in Via Cardito 203 – 83031 (AV), dalle ore 09:00 alle ore 13:00. Inoltre vogliamo ricordare che il CNI, Consiglio Nazionale degli Ingegneri, ha riconosciuto per questo corso 3 CFP, che saranno erogati agli Ingegneri iscritti all’Albo.

Nella stessa giornata ARES e PSB Srl offriranno una panoramica dettagliata sul Piano Europeo 2014-2020 “Garanzia Giovani”, che ha come obiettivi prioritari la formazione specialistica e l’inserimento lavorativo dei cosiddetti Neet (acronimo inglese di not (engaged) in education, employment or training), giovani compresi in un’età che va dai 15 ai 29 anni.

La novità di questa edizione di Garanzia Giovani è che anche i liberi professionisti, che non hanno dipendenti, potranno usufruire di un tirocinante.

comune di poderobba operatore socio sanitario

Operatore Socio Sanitario (OSS): bando del Comune di Pederobba

Redazione No Comments

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il bando è finalizzato al reclutamento di varie figure professionali, tra cui quella di Operatore Socio Sanitario (OSS)

C’è anche l’operatore socio sanitario (OSS) tra le 17 figure professionali ricercate dal Comune veneto di Pederobba. Il bando apposito, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 7/12/2018 (http://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2018/12/07/97/s4/pdf), è finalizzato alla selezione ed al reclutamento di 17 unità, divise tra infermieri, operatori socio sanitari ed educatori professionali.

Alla figura dell’OSS sono riservati tre dei 17 posti totali disponibili, da individuare tramite procedura selettiva per soli esami, finalizzata alla formazione di una graduatoria a tempo indeterminato con contratto di lavoro part – time orizzontale.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 6 febbraio 2019.

Bando OSS Comune di Pederobba: i requisiti per partecipare

I requisiti generali, di cui deve essere in possesso chiunque abbia intenzione di partecipare al bando, sono:

  • Essere in possesso della cittadinanza italiana
  • Aver compiuto il diciottesimo anno d’età
  • Godere dei diritti civili e politici
  • Non aver subito condanne penali che precludano l’accesso ai Pubblici Uffici
  • Non essere stati destituiti dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione
  • Non essere esclusi dall’elettorato politico attivo
  • Essere in posizione regolare rispetto agli obblighi di leva
  • Essere in possesso dei requisiti psico – fisici idonei alla professione

Oltre a ciò, requisito specifico per la partecipazione al bando OSS Comune di Pederobba è il possesso dell’attestato di qualifica professionale di Operatore Socio Sanitario (OSS) o titolo afferente.

A questo link (https://www.operepiedionigo.it/concorso-pubblico-oss-prot-3341-2018/) potete trovare tutte le altre informazioni utili a conoscere i termini del bando nel dettaglio, oltre alle modalità di partecipazione ad esso.

Bando OSS Comune di Pederobba: i corsi professionali per OSS di ARES permettono di partecipare

ARES, Associazione Ricerca E Sviluppo, è un’associazione senza scopo di lucro che mette a disposizione di tutti coloro che vogliano acquisire la qualifica di Operatore Socio Sanitario (OSS) la competenza e l’esperienza di chi si è affermato nel campo della formazione e aggiornamento professionale grazie ad un impegno ventennale. I nostri corsi di formazione, tra cui il Corso per Operatore Socio Sanitario (OSS) (https://www.infoares.it/formazione/corsi-di-formazione-professionale/corso-di-oss-a-napoli-operatore-socio-sanitario/), sono riconosciuti dalla Regione Campania e rilasciano un attestato che ha validità su tutto il territorio nazionale.

Se volete saperne di più sui nostri corsi, potete contattare i seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax : 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail : info@infoares.it

   Articolo di: Giuseppe Esposito

GAL Irpinia-Sannio inaugurazione di “SorboLab”: laboratorio polifunzionale

Redazione No Comments

Per la prima volta in Campania si assisterà oggi, 14 dicembre c.a., all’inaugurazione di una realtà innovativa come quella di “SorboLab” voluta dall’Aisl, Gal Irpinia Sannio Cilsi, in sinergia con il Comune di Sorbo Serpico alla presenza del Presidente del Consiglio regionale, Rosa D’Amelio, dei Consiglieri regionali Enzo Alaia, Francesco Todisco e Maurizio Petracca, dell’Assessore regionale alla Formazione, Chiara Marciani, e del Presidente dell’Amministrazione provinciale, Domenico Biancardi.

GAL Irpinia Sannio

Il GAL Irpinia-Sannio intende rilanciare un territorio, ricco di attrattori culturali, storici, ambientali, archeologici, artistici ed enogastronomici organizzando corsi, seminari, laboratori e workshop finalizzate alla valorizzazione e la riqualificazione di attività ad interesse promozionale.

Tali attività saranno svolte per l’intera comunità locale allo scopo di stimolare curiosità e sensibilità verso i paesaggi, le radici e le tradizioni.

Programma della giornata

Il programma prevede alle 17.00 l’apertura della cerimonia e alle 17.30 un convegno introdotto dal Sindaco di Sorbo, Mariateresa Fontanella, dal Presidente del Aisl Gal Irpinia Sannio Cilsi, Rino Buonopane, moderato dal giornalista de “Il Mattino“, Annibale Discepolo.

SorboLab

SorboLab nasce con l’obiettivo e l’ambizione di essere modello per le attività dei Gruppi di azione Locale della Campania e della promozione del territorio in generale, in particolare tale polo formativo sarà protagonista di  svariate attività teoriche e pratiche dando vita ad eventi culturali che mirano allo sviluppo e al potenziamento di un territorio ricco di tradizione e storia altresì tale laboratorio si presta anche alla nascita e alla sperimentazione di nuove tecniche culinarie con l’utilizzo di macchine tecnologiche all’avanguardia e allo sviluppo di nuove figure professionali.

Questo progetto, così come tutta l’azione del GAL Irpinia-Sannio, nasce dall’esigenza di far conoscere un territorio ricco di tradizione mediante la realizzazione di piani d’intervento che puntino alla crescita economica e alla diversificazione delle attività, stimolando lo sviluppo locale nelle aree rurali, promuovendo e incoraggiando la competitività del settore agricolo dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso regimi di qualità.

Articolo di: Mena Iorio

 

operatore socio sanitario scrivono al governo

Anziani maltrattati: Migep e Shc Oss scrivono al Governo

Redazione No Comments

Una lettera con denunce e proposte

I sindacati Migep e Shc Oss scrivono una lettera aperta al ministro della Salute Giulia Grillo, al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ai componenti del Governo e alle maggiori cariche del Parlamento dopo l’ennesimo caso di cronaca di anziani maltrattati.

L’obiettivo è denunciare la situazione delle case di riposo in Italia: «Una giungla – scrivono – di tante irregolarità, in cui si aggirano le autorizzazioni, si offre assistenza inadeguata, tariffe fuori controllo». Gli autori della missiva lamentano, inoltre, carenze igienico-sanitarie nonché contrattuali.

«Occorre cambiare le regole di lavoro – spiegano le due associazioni –, bisogna modificare le leggi sulle case di riposo: no ai minutaggi che trattano il personale come schiavi, colpendo di riflesso gli ospiti».

I suggerimenti

Migep e Shc Oss non si fermano alla denuncia, ma offrono suggerimenti e proposte concrete: «Per garantire idonee condizioni di vita delle persone non autosufficienti impossibilitate ad autodifendersi sarebbe necessario che la magistratura, il Ministro della Salute, il Governo agissero non solamente nei confronti di coloro che maltrattano i ricoverati, ma anche nei riguardi degli amministratori e dei funzionari delle Asl, che in base alle leggi vigenti devono assicurare le cure sanitarie e socio-sanitarie, nonché le relative attività di controllo. C’è la necessità che tutti gli operatori prima di essere assunti per lo svolgimento di attività siano sottoposti con tutte le garanzie di riservatezza del caso, a un esame approfondito della loro personalità».

Obiettivi e miglioramenti possibili

Le associazioni auspicano una «prevenzione sull’abuso agli anziani, supporto alle vittime e un’azione importante verso gli abusanti, oltre la formazione degli operatori del settore». «Bisogna istituire aggiornamenti mensili – continuano nella lettera/appello –, corsi annuali sull’abuso e sul maltrattamento verso gli ospiti-pazienti e verso gli operatori». Tali corsi non si svolgono in Italia, né sono previsti nei Contratti Nazionali per questi operatori”.

Infine, la denuncia individua due priorità: nominare un Commissario straordinario con ampie competenze e poteri ispettivi in tutte le residenze per anziani; revisionare l’accreditamento e le autorizzazioni, perché alcune strutture private riceverebbero finanziamenti in base a convenzioni, pur non avendo i requisiti e non subendo seri controlli.

Articolo di: Giovanni Luca Montanino

ifts formazione professionale regione campania

L’impegno di ARES continua nella nuova edizione del corso IFTS

Redazione No Comments

A breve inizierà la seconda edizione del corso IFTS, finanziato dalla Regione Campania, e organizzato da ARES dedicato alla formazione professionale specialistica nel mondo della Moda

Al via la seconda annualità dei corsi gratuiti IFTS (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore), finanziata dalla Regione Campania. La prima edizione è terminata pochi mesi fa e i risultati ottenuti, assai incoraggianti, sono stati illustrati durante un convegno (https://www.infoares.it/formazione/corsi-ifts-un-primo-bilancio-con-levento-formati-a-lavoro/), tenutosi lo scorso 17 ottobre, nel Complesso Napoli Est di San Giovanni a Teduccio dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il corso IFTS “Tecnico superiore delle produzioni manifatturiere e dei prodotti del made in Italy del settore pelletteria” organizzato da ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, rappresenta un percorso di elevata specializzazione professionale post diploma, che fa leva sulla stretta collaborazione tra il mondo delle imprese e la formazione professionale.

Gli allievi, oltre a ricevere una formazione professionale altamente specialistica nel settore della Moda, hanno l’opportunità di venire a contatto col mondo del lavoro attraverso tirocini e stage formativi. Già nella prima annualità molti di loro, hanno trovato le porte aperte, appena terminato il corso IFTS, nel mondo della moda.

Lo scopo dei diversi corsi IFTS, come ribadito dal Presidente della Regione Campania Vincenzo de Luca, è quello di potenziare i settori strategici regionali e contrastare l’emigrazione giovanile, offrendo a tantissimi giovani campani l’opportunità di costruirsi un futuro nella terra natale, grazie all’opportunità di un lavoro qualificato.

Corsi IFTS: l’impegno di ARES

ARES  è un’associazione senza scopo di lucro, che partecipa alla progettualità corso IFTS “Tecnico superiore delle produzioni manifatturiere e dei prodotti del made in Italy del settore pelletteria” nel ruolo di soggetto Capofila ed Attuatore, mettendo a disposizione la competenza e l’esperienza di chi si è affermato nel campo della formazione e aggiornamento professionale grazie ad un impegno ventennale.

Se interessati potrete contattare i seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax: 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153. Mail: info@infoares.it

Articolo di: Giuseppe Esposito

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it