• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Daily Archives:9 Settembre 2020

Notizie utili per l’ammissione al Servizio Civile Nazionale – Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

Redazione No Comments

Rendo noto che con la pubblicazione Bando del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – Ufficio per il Servizio Civile Nazionale per la selezione di n. 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile in Italia e all’estero, è stato approvato il progetto di Servizio Civile seguente:

la cui realizzazione sarà effettuata presso la sede    L’Ares per il territorio .

Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini italiani;
  • cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea;
  • cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che:

  • abbiano già prestato servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, o che lo stiano prestando ai sensi della legge n. 64 del 2001, nonché coloro che alla data di pubblicazione del presente bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile nazionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani e per l’attuazione del progetto sperimentale europeo IVO4ALL;
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di servizio civile nazionale l’aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” o aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente originato da segnalazione dei volontari.

La domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, deve pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 14.00 del 26 giugno 2017. Le domande comunque pervenute oltre il termine stabilito, non saranno prese in considerazione.

La domanda, firmata dal richiedente, deve essere:

  • redatta secondo il modello riportato;
  • accompagnata da fotocopia di valido documento di identità personale;

Le domande possono essere presentate esclusivamente secondo le seguenti modalità:

  1. con Posta Elettronica Certificata (PEC) – art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009, n. 2 – di cui è titolare l’interessato, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf all’indirizzo pec infoares@arubapec.it a mezzo “raccomandata A/R” all’indirizzo di ciascuna sede progetto;
  2. consegnate a mano all’indirizzo di ciascuna sede progetto e secondo le modalità e tempi di ciascuna.
  3. Le domande devono essere consegnate entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 26 Giugno 2017

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale, da scegliere tra i progetti inseriti nel bando e tra quelli inseriti nei bandi regionali e delle Province autonome contestualmente pubblicati. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nei bandi innanzi citati, indipendentemente dalla circostanza che non si partecipi alle selezioni. La mancata indicazione della sede per la quale si intende concorrere non è motivo di esclusione. È cura dell’ente provvedere a far integrare la domanda con l’indicazione della sede, ove necessario.

La mancata sottoscrizione e/o la presentazione della domanda fuori termine è causa di esclusione dalla selezione, analogamente al mancato invio della fotocopia del documento di identità; è invece sanabile la presentazione di una fotocopia di un documento di identità scaduto

Per eventuali ulteriori chiarimenti inviare richiesta all’indirizzo mail.

Il Responsabile Nazionale del Servizio Civile

 

Modulistica Allegata da Scaricare : 

NOTIZIE UTILI 

DOMANDA DI AMMISSIONE – ALLEGATO 2

AVVISO DI CONSEGNA

PROGETTO

DICHIARAZIONE TITOLI – ALLEGATO 3

Bullismo: conversazione con Giovanna Brancaccio

Alessandro Maria Raffone No Comments

In un’intervista concessa dalla Presidente ARES Giovanna Brancaccio, affronteremo il tema del bullismo

La Dott.ssa Giovanna Brancaccio, Presidente ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), prenderà parte alla Web Conference gratuita, dal titolo “Bullismo, cyberbullismo e attività di contrasto: una realtà (semi) conosciuta”. 

La conferenza si terrà venerdì 18 settembre, a partire dalle ore 10.00, su Google Meet. Per partecipare all’evento è obbligatorio iscriversi tramite questo link

Le parole di Giovanna Brancaccio

In vista di questo evento, la Dott.ssa Brancaccio ci ha rilasciato un’intervista dove si è affrontata la questione bullismo a 360 gradi.

D: Come nasce questa Web Conference? 

R: Da sempre per i nostri allievi organizziamo seminari di approfondimento sulle tematiche che affrontano nei vari corsi di formazione, dal momento che il nostro obiettivo è quello di fornire una preparazione sempre più approfondita e completa. 

Figure professionali come quella dell’Operatore per l’Infanzia (OPI) e dell’Animatore Sociale, nel loro percorso professionale, come è facilmente intuibile, possono dover affrontare problematiche legate al cosiddetto bullismo. A tal proposito ho ritenuto opportuno invitare all’incontro professionisti ed esperti provenienti da ambiti ed esperienze diverse. 

D: Chi saranno gli ospiti? 

R: Saranno tre i nostri ospiti in questa Web Conference. Il Professore e Scrittore Amedeo Caramanica, il quale in quanto docente in pensione di scuola media inferiore ci porterà le sue esperienze dirette, vissute sulla sua pelle durante i tanti anni di attività. Grazie al grosso bagaglio di esperienze maturate nel settore egli, alcuni anni orsono, ha scritto il libro dal titolo emblematico  “Ma io scherzavo…! Bullismo e cyberbullismo”, dove l’argomento è affrontato in maniera chiara tramite le vicissitudini occorse ad una ragazzina di colore e di religione islamica. 

Interverrà poi una Docente dei nostri corsi di formazione, nonchè Psicologa, la Dott.ssa Stefania Curto, la quale ci parlerà delle caratteristiche psicologiche del bullismo e soprattutto come un educatore può e deve affrontare tali problematiche. 

Infine, avremo in collegamento con il Commissario della Polizia di Stato, Dott. Giovanni Citarella, che interverrà sul tema “Cyberbullismo: fenomenologia e rilevanza giuridica”. 

D: Come si può affrontare il bullismo?

R: Il bullismo, e la sua componente informatica (il cyberbullismo), rappresentano un fenomeno molto complesso, difficile sia da interpretare sia da affrontare. 

Le vittime spesso non vengono capite, o chi sta vicino ad un bullizzato non è in grado di dare un aiuto effettivo, a tal proposito la cronaca ci narra di bruttissimi episodi che possono lasciare segni indelebili nella vittima, tanto che in alcuni casi si è  arrivati al suicidio, di colui che oramai non intravedeva più una via di uscita dal tunnel del bullismo. 

Da madre, come tutte le madri ho sempre temuto che un mio figlio potesse divenire vittima e pertanto ritengo sia opportuno un buon dialogo tra genitori  e figli, ritengo opportuna ci sia una apertura al confronto e all’ascolto delle problematiche dei ragazzi. Pertanto, ribadisco che l’invito alla partecipazione Web Conference è pensato per gli educatori, nostri allievi, ma nel contempo è gratuito ed aperto a tutti.

Corso Animatore Sociale di ARES

Alessandro Maria Raffone No Comments

Al via, a breve, un corso organizzato da ARES per diventare Animatore Sociale. Possono parteciparvi anche le aderenti al Voucher Donna

Il corso per diventare Animatore Sociale è uno dei quattro corsi, organizzati dall’Ente di Formazione Professionale ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), ai quali potranno partecipare anche le donne che otterranno il Voucher Donna

Vediamo meglio di cosa tratta questo corso. 

Animatore Sociale

La figura professionale dell’Animatore Sociale è incluso nel Settore Economico Professionale SEP 19 (Servizi Socio-Sanitari). 

Opera nel campo dei servizi sociali ed assistenziali, svolgendo attività mirate al potenziamento delle skills e alla maggiore consapevolezza di sé in soggetti a rischio e/o svantaggiati socialmente. 

L’Animatore Sociale si interfaccia quotidianamente con disabili, anziani, minori in difficoltà e con tutti quei soggetti che non riescono a uscire da soli da situazioni di svantaggio, cercando di coinvolgerli in diverse attività, così da renderli in grado di esprimere autonomamente le loro attitudini, stimolando al contempo la partecipazione sociale e l’integrazione. 

Entrando maggiormente nello specifico, l’animatore sociale progetta e svolge attività collettive di carattere educativo, ricreativo e socio-culturale così da poter assistere tutti coloro che ne hanno bisogno (in particolare, persone affette da svantaggi psichiatrici e/o sociali). 

Questo professionista del sociale non è solo nel suo lavoro visto che operare quotidianamente a stretto contatto con altri professionisti del settore e con i servizi territoriali preposti.

Dove opera l’Animatore Sociale?

L’Animatore Sociale può trovare occupazione come dipendente o autonomo in strutture private e/o pubbliche nelle quali si svolgono attività finalizzate alla promozione delle relazioni interpersonali, alla partecipazione creativa così da elevare l’autostima sia del gruppo sia individuale. 

Inoltre, dovrà combattere su tutti i fronti per contrastare e debellare la marginalità e il disagio sociale, proponendo la sana alternativa della partecipazione sociale e dell’integrazione. 

Può dunque trovare impiego in: Centri di Aggregazione Giovanile; Centri socio-educativi diurni; Oratori religiosi; Case famiglia; Centri residenziali e semiresidenziali per anziani e disabili; Comunità di Animazione in strada ed ancora Servizi domiciliari di assistenza e socializzazione; Case di riposo per anziani; Centri vacanze; Associazioni di solidarietà e volontariato; Comunità alloggio; Cooperative di servizi e di assistenza sociale e SERT (Servizi Educativi per Ex Tossicodipendenti). 

Il corso ARES

Il corso, che si terrà presso la sede di Viale Campi Flegrei 41 (Bagnoli, Napoli), avrà una durata di 600 ore suddivise tra lezioni frontali, pratica e stage. La frequenza è obbligatoria e sarà svolta, nella sua parte teorica, in modalità FAD (Formazione a Distanza), come previsto dalla vigente normativa anti-Covid-19.

Le lezioni saranno, inoltre, supportate dall’ausilio di metodologie totalmente innovative caratterizzate anche da vere e proprie esperienze pratiche e/o simulative. 

Videoproiettori, diapositive, computer ed ulteriori strumenti e materiali contribuiranno, pertanto, alla realizzazione di un percorso formativo originale, dinamico, estremamente pratico e che metterà nella giusta luce le reali problematiche previste dalla tipologia di lavoro prescelto. 

Le tre unità formative 

1 – Gestione di situazioni di emergenza individuali e collettive 

2 – Animazione sociale, educativa e ludico culturale 

3 – Partecipazione alla progettazione e realizzazione di interventi di prevenzione e contrasto del disagio sociale

Esame finale e certificazione professionale

L’Esame finale si svolgerà in pubblico secondo quanto disposto dalle disposizioni regionali vigenti. 

La certificazione professionale è rilasciata al termine del percorso formativo e dietro superamento del già citato esame finale. 

Per iscrivervi al corso, compilate il seguente form.

ARES e il Voucher Donna

Alessandro Maria Raffone No Comments

Voucher Donna al via grazie all’Avviso Pubblico promulgato dalla Regione Campania. ARES partecipa all’iniziativa

Grazie alla misura contenuta nel POR Campania FSE 2014/2020 – Asse I – Obiettivo Specifico 3. Azioni 8.2.2 (visionabile sul Burc e sul sito http://www.fse.regione.campania.it/) al via il cosiddetto Voucher Donna, il voucher nato allo scopo di promuovere la partecipazione a percorsi formativi diretti alle donne in età lavorativa (dai 18 ai 50 anni non ancora compiuti) così da incentivare al contempo l’inclusione sociale di queste ultime.   

Voucher Donna 

L’Avviso Pubblico, emanato recentemente dalla Regione Campania, serve a promuovere l’assegnazione di un contributo pubblico (sotto forma di voucher) al fine di raggiungere il rimborso parziale o totale delle spese necessarie ad iscriversi ad un corso di formazione professionale personalizzato, così da raggiungere le necessarie conoscenze professionali per accedere più facilmente al mondo del lavoro. Un milione di euro è la cifra destinata a questa misura.

Percorsi formativi finanziati

Sono finanziati i seguenti percorsi formativi:

  1. Corsi di formazione erogati da Agenzie formative accreditate dalla Regione Campania, finalizzati al rilascio di qualifica professionale o abilitazione riguardanti profili professionali o figure professionali appartenenti ai Repertori Regionali;
  2. Master di I e II livello, corsi di specializzazione in Italia o in altro paese appartenente all’Unione Europea erogati da:
  • Università e Scuole di alta formazione italiane in possesso del riconoscimento del MIUR che le abilita al rilascio del titolo di master;
  • Università pubblica di altro Stato comunitario o riconosciuta da autorità competente dello Stato comunitario, Scuola/Istituto di alta formazione di Stato comunitario, pubblico o riconosciuto da autorità competente dello Stato comunitario e da questa abilitato per il rilascio del titolo di master. 

I settori di formazione dovranno vertere sulle seguenti macro aree: green economy, blue economy, le professioni sociali, socio sanitarie e le STEM (acronimo per Science, Technology, Engineering e Mathematics). 

ARES e il Voucher Donna

L’Ente di Formazione Professionale ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) propone, in vista del Voucher Donna, l’erogazione dei seguenti corsi: 

OSS (Operatore Socio Sanitario);

OSSS (Operatore Socio Sanitario Specializzato);

OPI (Operatore per l’Infanzia); 

Animatore Sociale.

I corsi si terranno presso la sede di Viale Campi Flegrei 41 (Napoli).

ARES offre, inoltre, un supporto tecnico alle donne, richiedenti il voucher, per la compilazione della modulistica per tutto il percorso istruttorio del bando. 

Soggetti Destinatari

Possono presentare domanda tutte le donne in età lavorativa con o senza strumenti a sostegno del reddito, in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

  1. essere residenti/domiciliati nel territorio della Regione Campania. Le donne non comunitarie devono essere in possesso di regolare permesso di soggiorno alla data di presentazione della domanda;
  2. di aver compiuto 18 anni di età alla data di presentazione della domanda;
  3. di non aver compiuto 50 anni di età alla data di presentazione della domanda;
  4. di essere titolari di reddito da modello ISEE familiare in corso di validità fino a € 50.000,00. 

Modalità e termini per la presentazione delle domande

La Regione Campania è il soggetto responsabile delle procedure di ricezione, valutazione e controllo delle istanze presentate sull’Avviso.

Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente con modalità online accedendo, previa registrazione, al sito http://bonusdonna.regione.campania.it, sottoscritte ed inviate mediante procedura telematica allegando un valido documento di riconoscimento.

Le domande vengono registrate in ordine cronologico in base alla data di presentazione.

La registrazione degli utenti interessati alla presentazione della domanda può avvenire a far data dal giorno 07 settembre 2020 (dalle ore 13:00 fino alla data di chiusura della finestra temporale prevista). 

Le partecipanti devono possedere un indirizzo di posta elettronica certificata.

La domanda per la partecipazione al presente avviso, il cui modulo è reso disponibile sul sito http://bonusdonna.regione.campania.it deve essere compilata, a pena di inammissibilità, direttamente online in ogni sua parte. L’implementazione della domanda online e il caricamento di tutti i documenti allegati di cui al successivo articolo 8 può avvenire (per gli utenti già registrati) a far data dalle ore 12:00 del 17 settembre 2020 e fino alle ore 12:00 del 19 ottobre 2020.

L’Avviso, con la relativa modulistica per la presentazione della Domanda sarà visionabile sul Burc e sul sito http://www.fse.regione.campania.it/.

Documenti per la domanda per la partecipazione all’Avviso Pubblico

L’istanza di partecipazione all’Avviso pubblico, trasmessa secondo le modalità indicate all’articolo 7 deve essere corredata dalla seguente documentazione: 

  • Domanda di partecipazione (Allegato 1);
  • Modello ISEE in corso di validità;  
  • Copia leggibile del documento di identità in corso di validità della richiedente il contributo;
  • Curriculum vitae della proponente in formato europeo; 
  • Permesso di soggiorno per le cittadine non comunitarie;

Attestazione/preventivo dell’ente attuatore che riporti le seguenti informazioni: il costo, la data di inizio del corso, descrizione di quest’ultimo e l’ambito settoriale di riferimento.  

Nota sulla domanda da presentare

La domanda per usufruire del voucher può riguardare percorsi formativi la cui frequenza abbia inizio almeno dal giorno successivo alla data della presentazione della domanda. 

I corsi devono essere avviati entro 120 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie e concludersi entro 18 mesi dalla data di avvio. 

NOTA BENE: non sono riconosciuti voucher per i percorsi, la cui frequenza sia iniziata prima della data suddetta.  

Bullismo: Web Conference gratuita organizzata da ARES per discuterne

Alessandro Maria Raffone No Comments

La Web Conference gratuita sul bullismo si terrà 18 settembre (venerdì) a partire dalle ore 10.00. Possono parteciparvi tutti 

“Bullismo, cyberbullismo e attività di contrasto: una realtà (semi) conosciuta” questo il titolo della Web Conference organizzata dall’Ente di Formazione Professionale campano ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) in collaborazione con PSB Srl, Agenzia del lavoro ed Ente di Formazione. 

La conferenza si terrà venerdì 18 settembre, dalle ore 10.00, su Google Meet. Per partecipare all’evento è necessario iscriversi tramite questo link. La conferenza sarà poi registrata e diffusa sui diversi social dei due enti di formazione professionale. 

OPI e bullismo

Perché parlare di bullismo? Tra i corsi promossi dai due enti di formazione professionale troviamo anche l’OPI (Operatore per l’Infanzia), un professionista che si occupa dei più piccoli e del loro mondo, imparando a riconoscere i loro segnali, decifrandoli così da poter aiutare il bambino a crescere nelle corrette modalità e nei valori più sani. 

Segnali non solo positivi ma anche negativi: il bullismo in questo senso è un aspetto da non sottovalutare, perché può manifestarsi sin dalla più tenera età. 

Riconoscere i primi segni e conoscere come reagire correttamente è di fondamentale importanza. Ecco perché l’incontro è aperto a tutti coloro che sono interessati a comprendere meglio un argomento molto attuale e importante nelle nostre vite. 

Locandina su Web Conference sul bullismo

Interventi e Relatori

SalutiGiovanna Brancaccio (Presidente ARES); 

Presentazione del libro “Ma io scherzavo…! Bullismo e cyberbullismo”Amedeo Caramanica (Professore e Scrittore); 

Da dove nasce il bullismo e come affrontarlo positivamenteStefania Curto (Psicologa e Docente Corsi ARES); 

Cyberbullismo: fenomenologia e rilevanza giuridicaGiovanni Citarella (Commissario della Polizia di Stato); 

ModeratoreAlessandro Maria Raffone (Web Editor). 

Incontro aperto a tutti

Vogliamo inoltre ricordare che l’incontro è aperto a tutte le persone interessate ed è totalmente gratuito. Per gli OPI che prenderanno parte all’evento, e per chiunque dovesse richiederlo, è previsto un attestato di partecipazione.

Tecnico Coordinatore Amministrativo: una grande occasione lavorativa

Alessandro Maria Raffone No Comments

Ancora posti disponibili per partecipare al corso ARES per diventare Tecnico Coordinatore Amministrativo

Organizzato da ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), Ente campano di Formazione Professionale, il corso per “Tecnico Coordinatore Amministrativo” sarà svolto, almeno in questa prima fase, in modalità Formazione a Distanza (FAD), così da venire incontro alle vigenti disposizioni riguardanti la lotta alla diffusione del Covid-19

Il ruolo del Tecnico Coordinatore Amministrativo

Il Tecnico Coordinatore Amministrativo (TCA) lavora in ambito pubblico e, più nello specifico, nelle amministrazioni scolastiche. 

Subordinato al Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi, questo professionista organizza e gestisce tutto le attività concernenti il controllo e il coordinamento del settore amministrativo. 

E’ necessario, quindi, che sia a conoscenza delle leggi, dei provvedimenti e dei decreti attinenti al personale Amministrativo, Tecnico e Ausiliario (ATA). 

Inoltre, il TCA dovrà essere preparato sulle continue novità attinenti ai diversi procedimenti amministrativi nel campo dell’istruzione, ma non solo.

Obiettivi del corso 

Il corso ha lo scopo primario di formare una figura che abbia conoscenza di contabilità; della normativa riguardante la Pubblica Amministrazione e il Pubblico Impiego; dei vari procedimenti amministrativi. 

Non solo questo, perché il TCA dovrà anche essere capace di guidare un team di lavoro (una segreteria didattica ad esempio) e predisporre e formalizzare atti amministrativo-contabili. 

Durata e frequenza 

Il nostro corso prevede 600 ore suddivisi in diversi moduli comprendenti argomenti quali: diritto amministrativo, diritto costituzionale, informatica, sicurezza, ecc. 

La frequenza è obbligatoria.

Come iscriversi

Per prendere parte a questo corso si deve compilare una domanda di iscrizione, comprendente l’autocertificazione sia del titolo di studio sia del domicilio e un documento di identità valido. 

In caso di domanda da parte di richiedente extracomunitario, quest’ultimo dovrà presentare il regolare permesso di soggiorno e titolo di studio in fotocopia. Richiesto diploma superiore.

Normativa di riferimento

Legge 2 ottobre 1997, n. 340; CCNL 8 marzo 2002 (accordo successivo per il personale ATA ai sensi dell’art. 18 del Contratto collettivo nazionale di lavoro 15 marzo 2001 del comparto scuola – G.U. 26 marzo 2002 n. 72).

Attestazione 

Alla fine di questo percorso formativo, si terrà, presso la nostra struttura a Napoli, in Viale Campi Flegrei 41, l’esame finale, superato il quale sarà rilasciato un attestato valido in tutta Italia.

Importante ricordare che il titolo conseguito prepara ai concorsi nelle amministrazioni scolastiche per il personale ATA, all’iscrizione nelle graduatorie di incarichi e supplenze personale ATA, a lavorare negli uffici sia privati sia pubblici. Inoltre, consente l’iscrizione con qualifica presso gli uffici di collocamento. 

Una occasione imperdibile per ottenere una formazione professionale in un ambito lavorativo molto ricercato in questo ultimo periodo. 

L’apposito form per partecipare.

Corso Operatore per l’Infanzia targato ARES

Alessandro Maria Raffone No Comments

A breve inizieranno le iscrizioni per il corso OPI (Operatore per l’Infanzia) organizzato da ARES 

Grande opportunità per diventare Operatore per l’Infanzia grazie ad ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, Ente di Formazione professionale da venti anni sul mercato.

Il ruolo dell’Operatore dell’Infanzia

L’ex Educatore per l’Infanzia (EPI), ora OPI, entra in stretto contatto con il bambino e con il suo universo, imparando a percepire i suoi segnali, fornendo al contempo supporto, assistendo la sua crescita seguendo le corrette modalità e i più sani valori. 

Questa figura professionale agisce utilizzando, in un equilibrio perfetto, capacità professionali di tipo tecnico e valori come sensibilità ed empatia. L’operatore per l’infanzia opera tramite la ricerca e la realizzazione di attività ricreative e ludiche in grado di garantire la crescita, l’educazione e l’autonomia dei più piccoli, incentivando le loro potenzialità (evitando al contempo il rischio di disagi e marginalizzazione). 

A chi è indicato il corso OPI?

Possono prendere parte al corso inoccupati, disoccupati, professionisti e studenti, i quali sono desiderosi di puntare sulla propria formazione così da acquisire o aggiornare le proprie competenze in questo particolare ambito professionale. Requisito di accesso fondamentale è la presentazione del diploma di scuola secondaria di II grado.

Alcuni degli argomenti trattati

Gli argomenti trattati sono diversi, ad esempio: 

Analisi ed interpretazione dei bisogni del bambino;

Tappe dello sviluppo cognitivo, linguistico, sociale ed affettivo del bambino;

Programmazione educativa e didattica;

Metodo dell’osservazione; 

Ascolto e comunicazione nella relazione tra bambini, tra educatore e genitori, tra educatore e bambino e tra colleghi di lavoro;

Diversità, disabilità e multiculturalità;

Elementi di pedagogia; 

Alimentazione, la cura dell’igiene e le malattie del bambino;

Elementi di Primo Soccorso. 

Durata del corso

Il corso presenta un orario complessivo di  600 ore, suddiviso tra teoria e pratica. La presenza è obbligatoria. 

Titolo conseguito

Dopo aver superato un esame finale, i partecipanti otterranno la qualifica professionale di Operatore per l’Infanzia riconosciuto dalla Regione Campania e valido sia sul territorio italiano sia in Unione Europea ai sensi della L. 13/13 (già L. 845/78) e s.m.i.

Come contattarci

Se interessati potete contattarci alla mail ares@infoares.it o al numero 081/5704220 (da lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 18.00).

Corso ARES per Agente e Rappresentante di Commercio (RAC)

Alessandro Maria Raffone No Comments

Ultimi posti disponibili, fino a metà settembre, per partecipare al corso ARES per Agente e Rappresentante di Commercio

Già iniziato il corso realizzato ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) che vi permetterà di diventare RAC, ovvero Agenti e Rappresentanti di Commercio. Ancora posti disponibili, fino a metà settembre del 2020. Un’occasione unica per formarsi in una professione di grande importanza in questo particolare periodo storico.

Ruolo del RAC

L’Agente e Rappresentante di Commercio opera presso la CCIAA (Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura) operante nel luogo nel quale quest’ultimo lavora. Il suo compito consiste nella promozione e vendita delle merci e dei servizi delle società clienti. 

Il RAC deve dunque conoscere molto bene sia le varie tendenze di mercato sia la psicologia dei probabili acquirenti.

Dopo il forzoso stop dovuto al Covid-19, è necessario far ripartire la nostra economia: una figura come l’Agente e Rappresentante di Commercio rappresenta un ingranaggio senza il quale il tessuto economico italiano potrebbe avere delle difficoltà a ripartire a pieno regime.

Obiettivo del corso

La formazione consiste in un percorso graduale e strutturato che consentirà una corretta preparazione per il superamento dell’esame finale, superato il quale si otterrà l’attestato. Durante il corso sarà possibile acquisire una conoscenza delle tendenze di mercato, dei rapporti commerciali, ed una più che adeguata capacità a promuovere le promozioni e le vendite sia dei servizi sia dei prodotti del cliente.

Durata e frequenza

Il corso ha una durata di 80 ore da svolgersi presso la nostra sede di Viale Campi Flegrei, 41, Bagnoli (Napoli). La frequenza è obbligatoria. 

Documenti e requisiti per l’iscrizione

Per iscriversi è necessario presentare i seguenti documenti:

  • Documento di identità;
  • Codice fiscale;
  • Copia o autocertificazione del titolo di studio.

Normativa di riferimento

Abilitazione ai sensi della L. n. 204/1985, degli artt. 74 e 80 del D.Lgs. n. 59/2010 e s.m.i. 

Attestazione finale

Alla fine di tale percorso, si terrà, presso la nostra struttura di Bagnoli, l’esame conclusivo. A superamento di tale esame sarà rilasciato un attestato valido in tutta Italia. 

Ricordiamo che l’attestato sarà, inoltre, propedeutico per poter accedere all’esame finale da sostenere presso la Camera di Commercio e valido ai fini dell’abilitazione professionale. 

Per iscriversi al corso potete compilare l’apposito form.

Partecipate al Corso ARES per diventare OSSS

Alessandro Maria Raffone No Comments

OSSS (Operatore Socio Sanitario Specializzato) è il passo successivo per chiunque sia già OSS. I corsi ARES in merito

Essere in possesso di una formazione complementare è importante per qualsiasi operatore socio sanitario che voglia ulteriormente specializzarsi, avendo al contempo maggiori chance di trovare un impiego. 

ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) opera da più di venti anni nel campo della formazione professionale. Sono moltissime le persone diventate OSS e OSSS grazie a questi corsi professionalizzanti. 

Il ruolo dell’OSSS

L’Operatore Socio Sanitario Specializzato ha il compito di coadiuvare le attività assistenziali dell’infermiere, al quale fa capo, rilevando segni vitali e somministrando anche terapie. 

Questa figura professionale, dunque, deve essere preparata e pronta ad intervenire su un doppio binario: da un lato deve operare sulla patologia stessa, dall’altro deve affrontare il disagio da essa provocato al paziente. 

Chi può partecipare al corso?

Il corso è dedicato a coloro che siano già in possesso della qualifica di Operatore Socio Sanitario.

Alcuni argomenti affrontati

Di seguito, vi riportiamo alcuni degli argomenti affrontati nel corso:

  • Elementi di igiene personale; 
  • Elementi di scienze infermieristiche;
  • Processi di assistenza infermieristica;
  • Organizzazione dei servizi socio sanitari.
  • Nozioni di anatomia umana;
  • Tecniche  e prassi di igiene e sicurezza negli ambienti di vita e di cura all’assistito;
  • Tecniche e procedure per la decontaminazione e sterilizzazione;
  • Tecniche di gestione della relazione di aiuto;
  • Sicurezza sul lavoro;
  • Tecniche di assistenza sanitaria;
  • Procedure medico-sanitarie.

Durata e frequenza

Il corso avrà una durata complessiva di 400 ore, suddiviso tra teoria e pratica.  Frequenza obbligatoria

Titolo conseguito    

I partecipanti al corso, dietro superamento di esame finale, otterrà la Qualifica Professionale di Operatore Socio Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria. Titolo riconosciuto dalla Regione Campania, valido sia a livello nazionale sia in ambito UE ai sensi della L. 13/13 (già L. 845/78). 

Per info e contatti: 081/5704220 –   ares@infoares.it

 

Ultimi posti per il Corso ARES di “Tecnico Coordinatore Amministrativo”

Alessandro Maria Raffone No Comments

Da poco iniziato il corso, in modalità FAD, di “Tecnico Coordinatore Amministrativo”

Posti ancora disponibili per il corso “Tecnico Coordinatore Amministrativo”. Organizzato dall’Ente di Formazione Professionale ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), almeno una parte del corso sarà svolta in modalità FAD (Formazione a Distanza), causa disposizioni concernenti la lotta alla diffusione del Coronavirus

Tecnico Coordinatore Amministrativo

Il Coordinatore Amministrativo opera nel settore pubblico e nelle amministrazioni scolastiche. È la figura che, subordinata al Direttore dei Servizi generali e amministrativi, si occupa di tutto il complesso di attività, coordinamento e controllo amministrativo. Deve pertanto conoscere leggi, decreti e provvedimenti concernenti il personale ATA (Amministrativo, Tecnico e Ausiliario). 

La necessità di creare una tale figura professionale nasce dalla richiesta di personale professionalmente preparato nella continua trasformazione dei procedimenti amministrativi nel campo dell’istruzione, e non solo.

Scopo del corso ARES

Il corso ha l’obiettivo di formare una figura che abbia conoscenza della contabilità di base e generale; della normativa relativa alla Pubblica Amministrazione ed al pubblico impiego; dei procedimenti amministrativi. 

Sarà, inoltre, in grado di essere leader di un gruppo di lavoro ed avrà la capacità di predisporre e formalizzare atti amministrativo-contabili. 

Il Tecnico Coordinatore Amministrativo avrà la giusta preparazione per gestire una segreteria didattica o altre tipologie di uffici amministrativo-contabili.

Durata corso

Il nostro corso ha una durata complessiva di 600 ore e comprende diversi moduli di insegnamento comprendenti argomenti quali diritto amministrativo, diritto costituzionale, informatica, sicurezza, ecc.

Documenti e requisiti per l’iscrizione 

Per prendere parte a questo corso è necessario occorre compilare domanda di iscrizione, autocertificazione del titolo di studio e autocertificazione del domicilio, documento di identità valido. In caso di domanda da parte di richiedente extracomunitario, quest’ultimo dovrà presentare regolare permesso di soggiorno e titolo di studio in fotocopia richiesto diploma superiore.

Frequenza 

La frequenza è obbligatoria.

Normativa di riferimento

Legge 2 ottobre 1997, n. 340; CCNL 8 marzo 2002 (accordo successivo per il personale ATA ai sensi dell’art. 18 del Contratto collettivo nazionale di lavoro 15 marzo 2001 del comparto scuola – G.U. 26 marzo 2002 n. 72).

Attestazione 

Alla fine di tale percorso, si terrà, presso la nostra struttura in  Viale Campi Flegrei 41 (Napoli), l’esame finale. 

A superamento di tale esame verrà rilasciato un attestato valido sull’intero territorio nazionale.

Importante ricordare che il titolo conseguito prepara ai concorsi nelle amministrazioni scolastiche per il Personale ATA, all’iscrizione nelle graduatorie d’incarichi e supplenze personale ATA, a lavorare in tutti gli uffici pubblici e privati. Inoltre, consente l’iscrizione con qualifica presso gli uffici di collocamento. 

Un’importante occasione per ottenere un titolo di capitale importanza al fine di operare in ambito scolastico. 

Se interessati, potete compilare l’apposito form.

 

ifts formazione professionale regione campania

Graduatorie IFTS PRODUZIONI MANIFATTURIERE E DEI PRODOTTI DEL MADE IN ITALY – 3° Annualità

Redazione No Comments

PUBBLICAZIONE GRADUATORIE AMMESSI AL CORSO

TECNICO SUPERIORE DELLE PRODUZIONI MANIFATTURIERE E DEI PRODOTTI DEL MADE IN ITALY NEL SETTORE PELLETTERIA – 3° Annualità

La graduatoria è consultabile qui.

 

  • Il punteggio ottenuto è il risultato della somma dei voti ricevuti per la prova scritta e per il colloquio orale.
  • A parità di punteggio ottenuto si è data preferenza al candidato più giovane di età, come da bando.
  • I candidati “IDONEI – AMMESSI COME UDITORE” avranno diritto a tutti i benefici come da bando fatta eccezione per l’indennità oraria di frequenza.
  • I candidati “IDONEI-NON AMMESSI”  potrebbero essere ammessi al corso per effetto dello scorrimento della graduatoria entro le prime 160 ore di frequenza. L’eventuale ammissione sarà da noi comunicata.

Le attività avranno inizio entro e non oltre il 7 settembre 2020. Seguirà comunicazione.

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Via Cardito, n.203 - 83031 Ariano Irpino (AV) / Mail : info@infoares.it