• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Campania, seconda regione italiana per violenza sulle donne. Napoli prima provincia

Dati drammatici su abusi e molestie ai danni del sesso debole. L’emergenza partenopea

Domenica 25 novembre si celebra la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: un fenomeno che, a dispetto delle campagne di sensibilizzazione, rimane di proporzioni devastanti e su cui sarebbe opportuno riflettere non solo una volta ogni anno.

I dati

Gli ultimi dati raccolti dall’Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne sono tragici: la regione Campania è la seconda in Italia per femminicidi; nel 2017 i casi registrati sono stati 11 su 123, cioè il 9% sul totale. Purtroppo, risulta in aumento anche il fenomeno dello stalking: si è passati, infatti, dai 9.027 atti persecutori denunciati nel 2011 ai 13.177 del 2016, con un aumento del 45%. Notare bene che i rilievi sono relativi solo ai casi denunciati: per non parlare delle donne che subiscono in silenzio, nella prigione delle mura domestiche.

L’analisi dell’esperto

Il Direttore nazionale del Centro studi per la Vigilanza e la Sicurezza delle Anespp (Associazione Nazionale Esperti Sicurezza Pubblica e Privata) dott. Salvatore Pignataro, commenta la situazione emersa dallo studio fornendo una chiave di lettura da non sottovalutare: «La violenza sulle donne è legata a condizioni economiche ma anche allo status educativo e sociale.

È talmente diffusa da non essere neppure riconosciuta dalle vittime stesse, soprattutto quando essa si intreccia con aspetti  psicologici. Nella classifica generale, a livello regionale, in Campania non vi è solo la violenza domestica a far da padrona, ma anche problemi imputabili al contesto sociale e alla disoccupazione femminile.

Dalle statistiche emerge che i maggiori casi di violenza sulle donne avvengono soprattutto a Napoli. A seguire le province di Caserta, Salerno, Avellino e Benevento. Diverso il trend nazionale, dove sono in calo nei primi nove mesi dell’anno i  “reati spia”: maltrattamenti in famiglia, stalking, percosse, violenze sessuali».

La svolta culturale necessaria

Nel combattere la piaga dei femminicidi e degli abusi, sarebbe fondamentale offrire strumenti concreti di sostegno alle donne vittime di violenza. Per esempio, forme di assistenza psicologica, orientamento al lavoro, ma anche (alla luce di quanto spiegato dal direttore Pignataro) formazione e prevenzione socio-culturale, iniziando dalle scuole.

In parole povere, la sensibilizzazione deve volgersi a informare, a incoraggiare, a incentivare la denuncia.

Articolo di: Giovanni Luca Montanino

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it