• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Avvisi

Nuovo concorso per professori presto al via

Alessandro Maria Raffone No Comments

Grazie ad ARES sarà possibile ottenere importanti crediti formativi che vi consentiranno di avere un punteggio importante per il nuovo concorso per la scuola

Il 28 aprile 2020 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando per il concorso ordinario per la scuola secondaria di I e II grado. 

Informazioni varie sul nuovo concorso

I posti a disposizione sono 25 mila, suddivisi per regioni e classe di concorso. Il concorso ordinario suddiviso tra cattedra comune e di sostegno.  

Si potrà fare domanda per partecipare al concorso in un periodo compreso  tra il 15 giugno e il 31 luglio. 

Di fondamentale importanza per poter accedere al concorso (oltre alla laurea nella classe di concorso prescelta) è l’ottenimento dei 24 CFU (Crediti Formativi Universitari) nelle diverse discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Essere in possesso dei certificati  EIPASS 7 Moduli e del Corso LIM fornisce un punteggio maggiore in partenza. 

24 CFU, CERTIPASS e ARES 

ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) è un Ente campano di Formazione accreditato CERTIPASS, ente che eroga gli attestati EIPASS 7 Moduli, Eipass Progressive, Corso LIM, Corso tablet e tutti gli attestati informatici. 

Non solo, perché ARES è anche ECP (E-Learning Center Point) della celebre Università Telematica Pegaso. Università con la quale si possono svolgere i 24 CFU necessari alla partecipazione a questo concorso. 

Con noi, dunque, potrai ottenere importanti certificazioni richieste nei più importanti concorsi pubblici.  

Contattaci, non perdere questa grande occasione di crescita professionale. 

 

Operatori sanitari: Come gestire lo stress

Alessandro Maria Raffone No Comments

In questi giorni lo stress per gli operatori sanitari è molto forte. Alcuni consigli, agli OSS, su come gestirlo al meglio 

La pandemia provocata dal Coronavirus sta mettendo a dura prova i limiti, fisici e psichici, degli operatori sanitari. 

Stress per gli operatori sanitari

Medici, infermieri, operatori socio sanitari (OSS), tecnici e tutto il resto del personale ospedaliero si è ritrovato, quasi dall’oggi al domani, una vera e propria crisi sulle spalle. 

In pochi hanno dovuto sopperire alle esigenze di molti. Il conseguente stress è stato ed è ancora tanto. Saperlo affrontare nella giusta maniera e di fondamentale importanza per riuscire ad andare avanti con il proprio lavoro. 

Ecco dei consigli su come gestire, in maniera sana, lo stress

Lasciare il lavoro in ospedale 

La prima cosa che bisogna fare, per evitare che lo stress prevalga su tutto, è necessario lasciare il lavoro nel luogo di lavoro. Al termine del proprio turno, il personale sanitario deve tenersi occupato con altro, fare di tutto fuorché pensare ai propri pazienti. 

Bisogna creare nella nostra mente dei veri e propri scompartimenti. Al lavoro si pensa nell’orario ad esso dedicato. Al di fuori, si pensa e si fa altro. 

Fare ciò che piace 

Non c’è niente di meglio, per ricaricare la mente e il corpo, che fare ciò che piace realmente. Realizzare passatempi sani e rilassanti fa sì che il nostro corpo e la nostra mente si ritemprano e si fortifichino per il prossimo turno di lavoro. 

Essere concentrati 

Si può evitare lo stress anche a lavoro. Come? Molto semplice, veramente. Basta essere concentrati su ciò che si sta facendo. Cacciare ogni altro pensiero e concentrarsi solo sul paziente e il suo problema. 

In questo modo, si eviterà di sprecare risorse preziose, lavorando al contempo molto meglio. 

Speriamo che questi pochi consigli che vi abbiamo fornito possano aiutarvi. 

La Croce Rossa ha bisogno di 1500 OSS

Alessandro Maria Raffone No Comments

Scade oggi, alle ore 20.00, il bando della Croce Rossa per “arruolare” OSS a causa dell’emergenza Coronavirus 

Lo abbiamo più volte ricordato su questo blog, gli OSS (Operatori Socio Sanitari) stanno rivestendo un ruolo sempre più importante all’interno del Sistema Sanitario Nazionale italiano. 

La recente urgente richiesta da parte della Croce Rossa Italiana lo dimostra. 

Bando per selezionare 1500 OSS 

Alle ore 20.00 di oggi, 22 aprile 2020, scadrà il bando indetto dalla Croce Rossa per selezionare 1500 OSS che dovranno scendere in campo per affrontare la pandemia da Covid-19

1000 professionisti dovranno operare negli istituti penitenziari selezionati dal Ministero della Giustizia, dal Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità e dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria dal momento della chiamata fino al 31 luglio 2020, termine fissato per la conclusione dello stato di emergenza.  

500 operatori saranno inviati nelle case di riposo per anziani, residenze sanitarie assistenziali e per disabili per un periodo consecutivo di 4 settimane. 

Chi può partecipare? 

Si partecipa volontariamente e possono aderire:

dipendenti di strutture sanitarie (anche non accreditate); 

operatori liberi professionisti del settore; 

oss dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale. 

Per poter  fare richiesta è necessario aver conseguito il titolo di “Operatore Socio Sanitario” ai sensi dell’Accordo tra il Ministro della Solidarietà, il Ministro della Sanità e le Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano del 22 febbraio 2001 (GURI 19 aprile 2001, n.91). 

Come fare richiesta? 

Per partecipare è necessario andare sul sito osspercovid.protezionecivile.it e compilare l’apposito form. Avete tempo fino alle ore 20.00 di oggi, 22 aprile 2020. Sul sito troverete, inoltre, tutte le altre informazioni necessarie per una corretta comprensione della questione. 

Per i partecipanti sono previsti rimborso spese, alloggio e indennità giornaliera. Un’occasione unica da non perdere. 

Aggiungi un posto a tavola: iniziativa di beneficenza

Alessandro Maria Raffone No Comments

Anche ARES partecipa alla raccolta fondi per il progetto Aggiungi un posto a tavola, iniziativa volta ad alleviare le conseguenze sociali del Covid-19

Il Coronavirus è una pandemia che sta portando sconquassi in tutto il globo. Ma non è solo questo ormai: Covid-19 è diventato un’emergenza sociale. 

Sono già tante le persone abbandonate a se stesse, anziani ed emarginati in primis. I licenziamenti che stanno arrivando e che arriveranno a causa della crisi economica ormai incipiente rischiano di portare l’intero sistema delle reti di aiuto sociale al collasso. 

Ecco perché bisogna agire ora, finché ne abbiamo ancora la possibilità. Un progetto di crowdfunding del Napoletano, al quale partecipa anche ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), è la soluzione giusta al momento giusto. 

Aggiungi un posto a tavola 

La BCC (Banca di Credito Cooperativo), diretta dal Presidente Amedeo Manzo, ha organizzato un progetto di raccolta fondi di beneficenza per supportare, a Napoli, la Comunità di Sant’Egidio. Il progetto, dall’evocativo titolo “Aggiungi un posto a tavola”, è in collaborazione con ARES e con PSB Srl. Vi partecipa anche l’onlus FUESM (Fraternitas Universa Equitum Sancti Michaelis). 

Obiettivo di questo importante sforzo è arrivare ad acquistare, per i soggetti più deboli della nostra società, beni di prima necessità che la Comunità di Sant’Egidio provvederà ad elargire a chi ne ha realmente bisogno. 

La durata del progetto è determinata dal raggiungimento della soglia minima di 10 mila euro. 

Come poter partecipare al progetto? 

E’ molto importante partecipare a questa iniziativa di volontariato. Chiunque volesse donare una somma, non importa quanto, basterà versare la cifra stabilita, tramite bonifico bancario, sul conto corrente IT29R0711003400000000009380

Con un semplice click aiuterai a sostenere chi è in estrema difficoltà. Partecipa anche tu, è importante! 

Pandemia Covid-19: la Regione Campania ha prorogato il divieto ad uscire di casa

Alessandro Maria Raffone No Comments

A causa del Covid-19, ieri la Regione Campania, tramite specifica ordinanza, ha deciso prorogare il divieto di uscire. ARES è operativa grazie allo smart working

Tramite l’ordinanza numero 23 del 25 marzo 2020, la Regione Campania ha deciso di prorogare il divieto di uscita dalla propria abitazione, a meno che non sia strettamente necessario, a causa dell’ormai celebre Covid-19. La proroga è stata estesa fino al 14 aprile del 2020. Pasqua, quest’anno, la passeremo tra le mure domestiche. 

A cosa possono andare incontro i trasgressori

Nel caso in cui l’ordinanza non venga rispetta, la legge è molto chiara in merito. In caso di presenza di reato, infatti, si procederà ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale. Articolo che prevede due sanzioni: o l’arresto fino ad un massimo di tre mesi o una multa che può giungere fino a 206 euro. 

Nonostante Covid-19, proseguire nel lavoro è possibile grazie allo smart working

Pertanto, in ottemperanza alle ultime disposizioni, ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) continuerà la propria attività lavorativa in modalità smart working fino a nuove disposizioni regionali e nazionali. 

Lavorare da casa è possibile grazie allo smart working. 

Di seguito l’ordinanza completa.

ORDINANZA_N_23_DEL_25_MARZO_2020

ARES organizza convegno contro l’alcolismo giovanile

Alessandro Maria Raffone No Comments

A fine marzo 2020 importante convegno contro l’alcolismo giovanile organizzato dall’ente di formazione professionale ARES

“Alcol tra i giovani. Problemi e soluzioni. SI può insegnare senza volerlo, si chiama esempio!” questo il suggestivo titolo della conferenza che si terrà a Bagnoli (Na), Viale Campi Flegrei 41, venerdì 20 marzo 2020, a partire dalle 10 e 30.

L’incontro, organizzato dall’ente di formazione ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), servirà per discutere di alcolismo giovanile e sulla migliore metodologia per contrastarlo. Ai partecipanti sarà consegnato un attestato di partecipazione.

Come nasce l’esigenza di questo convegno?

La conferenza nasce dalla sinergia che si è creata tra la Dottoressa Giovanna Brancaccio, Presidente ARES e l’Avvocato Gerardo Avallone, Presidente MCC (Movimento Crescita Civile) – Comitato Genitori No Alcol. All’incontro parteciperà l’On. Carmine Mocerino, Presidente Seconda Commissione Speciale Anticamorra e Beni Confiscati.

Avallone aveva organizzato il convegno “Non bevetevi la Vita, non fate gli Sbronzi”, che si è tenuto il 31 gennaio 2020 nella Sala Auditorium del Consiglio Regionale, Isola C/3 del Centro Direzionale (Napoli).

A questo importante appuntamento ha partecipato anche la Dott.ssa Brancaccio.

Anche ARES partecipa alla lotta contro l’alcolismo giovanile

ARES, anche tramite i suoi corsi OSS (Operatore Socio-Sanitario) e OPI (Operatore per l’Infanzia), vuole prendere parte al contrasto della grave emergenza sociale che sta infierendo sul mondo giovanile,

In occasione della conferenza di fine gennaio, ARES promise di mettere a disposizione le proprie strutture, incluse le aule multimediali, e ogni attrezzatura utile per incontri futuri e convegni rivolti a perseguire gli obiettivi del Comitato Genitori No Alcol.

Se interessati a partecipare a questo convegno potete telefonare a questo numero 0815704220 o a questo contatto mail  ares@infoares.it.

 

Tecnico Coordinatore Amministrativo

Tecnico Coordinatore Amministrativo: il nuovo corso di ARES

Alessandro Maria Raffone No Comments

Ares – Associazione Ricerca e Sviluppo organizza il corso di Tecnico Coordinatore Amministrativo: un’occasione per diventare un esperto del settore

Il Tecnico Coordinatore Amministrativo ha autonomia operativa nella definizione e nell’esecuzione degli atti a carattere amministrativo, contabile di ragioneria e di economato, nell’ambito delle direttive ricevute dal Direttore dei servizi generali e amministrativi, ma trova collocazione anche nell’ambito del Personale ATA. Tenendo presente della complessità del ruolo, ARES offre un corso che garantirà un’adeguata formazione per chi vuole operare in ambito pubblico, privato e nelle amministrazioni scolastiche.

Tecnico Coordinatore Amministrativo: compiti e ruolo

Il Tecnico Coordinatore Amministrativo è la figura professionale che ha conoscenza della contabilità di base e generale, ma deve avere anche una preparazione adeguata sulla normativa riguardante la Pubblica Amministrazione, il pubblico impiego e i procedimenti amministrativi. Può anche guidare un gruppo di lavoro e formalizzare atti amministrativo-contabili. Un ruolo centrale lo ricopre soprattutto negli istituti scolastici, dove c’è grande richiesta di personale professionalmente preparato.

Il corso di ARES – Associazione Ricerca e Sviluppo

Ares – Associazione Ricerca e Sviluppo organizza il corso di Tecnico Coordinatore Amministrativo. Una figura professionale che ha bisogno di un’elevata formazione.

Il corso prevede diversi insegnamenti: diritto amministrativo, diritto costituzionale, informatica, sicurezza, elementi di amministrazione aziendale, ragioneria, principi di contabilità, ecc…, in modo da fornire al discente tutte le conoscenze necessarie per svolgere al meglio il proprio lavoro.

Sono previsti insegnamenti in aula supportate dall’ausilio di strumenti per garantire una formazione quanto più completa possibile: computer, videoproiettori, diapositive, slides ecc., utili ad assicurare un impatto formativo estremamente funzionale ed efficiente e un miglior approccio pratico che richiederà, inevitabilmente, la frequenza obbligatoria; saranno, tuttavia, possibili assenze per un massimo del 30% delle ore di corso.

Alla fine di tale percorso si svolgerà un esame finale e sarà rilasciato un attestato che ha validità sull’intero territorio nazionale.

Inoltre, tra gli aspetti più importanti dal corso organizzato da ARES, il titolo conseguito prepara ai concorsi nelle amministrazioni scolastiche per il Personale Ausiliario Tecnico Amministrativo (ATA), all’iscrizione nelle graduatorie d’incarichi e supplenze personale ATA, a lavorare in tutti gli uffici pubblici e privati e consente l’iscrizione con qualifica presso gli uffici di collocamento.

Iscriviti al nostro corso!

Compila il modulo!

 

 

Francesco De Fazio

ARES partecipa al convegno “Non bevetevi la Vita, non fate gli Sbronzi”

Alessandro Maria Raffone No Comments

Al convegno di venerdì 31 gennaio 2020 contro l’alcolismo giovanile parteciperà anche la Dott.ssa Giovanna Brancaccio, Presidente ARES

L’Ente di Formazione campano ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, ha deciso di sostenere il MCC (Movimento Crescita Civile) – Comitato Genitori No Alcol, guidata dal Presidente Gerardo Avallone, nell’organizzazione e nello sviluppo del convegno “Non bevetevi la Vita, non fate gli Sbronzi”, nato allo scopo di contrastare la terribile piaga dell’alcolismo giovanile.

Questo evento, che ha il patrocinio del Consiglio Regionale della Campania e dell’Automobile Club Napoli e il supporto dell’Espresso Napoletano, CG (Comunicazione Globale) e Zero Carta.

Il convegno si terrà venerdì 31 gennaio 2020 alle ore 11.00 nella Sala Auditorium del Consiglio Regionale, Isola C/3 del Centro Direzionale (Napoli), modererà il giornalista de “Il MattinoLeandro Del Gaudio.

Non bevetevi la Vita, non fate gli Sbronzi

A questo evento saranno molte personalità a prendere la parola, per discutere di un problema molto sentito, soprattutto da tanti genitori. A sostenere e a partecipare questa lodevole iniziativa saranno numerose scuole, Associazioni, Enti e membri delle Forze dell’Ordine.

Di seguito, i relatori del convegno:

On. Carmine Mocerino, Presidente Seconda Commissione Speciale Anticamorra e Beni Confiscati;

Gerardo Avallone, Presidente MCC – Ideatore Comitato Genitori No Alcol;

Giovanna Brancaccio, Presidente ARES;

Dott.ssa Ilaria Fontana, Psicologa Psicoterapeuta ad approccio umanistico integrato Referente scuole per l’Ass. Aspic Psicologia;

Dr. Antonio Di Gioia, Specialista in Malattie e chirurgia degli Occhi;

Dr. Raffaele Merenda, Responsabile della Terapia Intensiva Cardiologica. Responsabile della UOSD di Stratificazione Prognostica dell’infarto Miocardico e Referente dell’Azienda Ospedaliera dei Colli presso la Regione Campania per la Rete Infarto;

Dr. Enrico Ragone, Epatologo e Responsabile sezione di ecointerventistica clinica e dei trapianti. Diagnosi e terapia delle malattie del fegato e dei tumori del fegato A. O. Ospedale Monaldi Azienda Ospedaliera dei Colli;

Generale Canio Giuseppe La Gala, nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri;

Ciro Esposito, Comandante del Corpo della Polizia Municipale di Napoli;

Dott.ssa Antonella Matera, Psicologa ASL Napoli 2;

Padre Alex Zanotelli.

Le parole, a riguardo, della Dott.ssa Brancaccio

ARES vuole essere in prima fila nell’affrontare la grave emergenza sociale che sta colpendo l’universo giovanile, ormai sempre più dipendente dall’alcol. Il benessere, anche dei giovani e dei minori, rappresenta uno dei nostri punti cardini, al quale non possiamo e non vogliamo rinunciare”.

In particolare, questa questione mi coinvolge appieno poiché sono madre di due ragazzi. Proprio per questo motivo comprendo la preoccupazione di tanti genitori che temono che i loro figli possano essere preda dell’alcol. Voglio pertanto ringraziare l’Avvocato Gerardo Avallone e Don Salvatore Giuliano per quanto stanno facendo per i nostri figli”.

Proprio perché l’intera associazione che presiedo sente profondamente questo problema, abbiamo stabilito di mettere a disposizione le nostre strutture, incluse le aule multimediali, e ogni utile attrezzatura per futuri incontri, convegni finalizzati a perseguire lo scopo del Comitato Genitori No Alcol.”

OSS: nuove assunzioni dalla Regione Campania

Alessandro Maria Raffone No Comments

Il 2020 inizia in maniera molto positiva per gli Operatori Socio Sanitari (OSS) grazie alle assunzioni volute dalla Regione Campania 

Si è parlato spesso, in questi ultimi tempi, delle difficoltà in campo medico per quanto riguarda la cronica carenza di personale. Una situazione gravissima che ogni Regione, in base alle specifiche competenze, ha cercato di affrontare con le proprie risorse.

Per quanto compete la Regione Campania, quest’ultima ha deciso di risolvere questa grave minaccia al nostro sistema sanitario utilizzando una politica di assunzioni mirate.

Dopo 10 anni di commissariamento, la Regione può di nuovo gestire in piena libertà e autonomia il proprio budget destinato all’ambito sanitario.

Tra le figure assunte, come vedremo, troviamo l’Operatore Socio Sanitario (OSS).

L’Operatore Socio Sanitario: di cosa si occupa?

L’Operatore Socio Sanitario ha il compito di fornire cure ed assistenza a persone afflitte da condizioni di disagio, di non autosufficienza fisica, che presentino problemi psichici, favorendone, al tempo stesso, integrazione e benessere.

L’OSS agisce in combinazione con altre figure sanitarie. Proprio per questo motivo quest’ultimo necessita di una formazione specifica.

Grande opportunità campana per gli OSS

Sono stati assunti stabilmente e a tempo indeterminato ben 357 operatori socio sanitari, smistati in diversi ospedali campani. Un primo importante passo visto che nei prossimi mesi ci saranno altre 7.600 assunzioni che riguarderanno medici, infermieri ed OSS.

Per diventare operatore socio sanitario è necessario seguire uno specifico corso presso un ente di formazione.

Tra questi ultimi, a Napoli, troviamo ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, da venti anni attiva nell’ambito della formazione professionale.

Corsi OSS di Ares

Ares offre, durante tutto l’anno, corsi sia per la figura dell’OSS che dell’OSSS (Operatore Socio Sanitario Specializzato).  

Il percorso formativo ha come obiettivo quello di plasmare un professionista che presenti sia competenze tecniche che fanno riferimento all’assistenza diretta della persona, sia competenze relazionali relative alla sfera dei rapporti con il paziente e con i suoi cari.

Al termine del corso, organizzato e gestito da professionisti del settore, i partecipanti otterranno, previo esame finale, un attestato di qualifica professionale di validità nazionale estremamente richiesto e facilmente spendibile sul mercato del lavoro. 

Per avere maggiori informazioni circa i costi e le modalità di iscrizione potete contattare i seguenti recapiti: telefono: 081/5704220 –  indirizzo mail: ares@infoares.it. 

its trasporto ferroviario manutenzione treni

Corso “Tecnico Superiore per la produzione e manutenzione dei mezzi di trasporto e/o relative infrastrutture” – Trasporto ferroviario

Redazione No Comments

Corso “Tecnico Superiore per la produzione e manutenzione dei mezzi di trasporto e/o relative infrastrutture”

Trasporto ferroviario

(Biennio 2019-2021)

Per la graduatoria definitiva, clicca qui!

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Via Cardito, n.203 - 83031 Ariano Irpino (AV) / Mail : info@infoares.it