• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Corso di Coordinatore della Sicurezza in Fase di Progettazione ed Esecuzione dei Lavori

formatore-sicurezza-in-fase-di-progettazione-120-ore

CORSO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI ( ex. 494/96 ) – Esame finale / Durata 120 ore / CFU 120

Di cosa si tratta?

Il Coordinatore della Sicurezza nei cantieri temporanei o mobili è la figura incaricata dal committente o dal responsabile dei lavori di garantire il coordinamento tra le varie imprese impegnate nei lavori, al fine di ridurre i rischi sul lavoro. Quella del Coordinatore della Sicurezza è una figura chiave per la corretta progettazione e esecuzione dei lavori; infatti, come previsto dal Testo Unico per la salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008), il coordinatore della sicurezza ha i seguenti ruoli:

  • in fase di progettazione è denominato Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione o coordinatore per la progettazione (CSP)
  • in fase di esecuzione: è denominato Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione o coordinatore per l’esecuzione(CSE).

I ruoli di CSP e CSE possono essere ricoperti dal medesimo professionista o da professionisti diversi.

Relativamente alla differenza tra CSP e CSE, come previsto nel dettaglio dagli artt. 91 e 92 del D.Lgs. 81/2008:

  • il CSP redige:
  • il “piano di sicurezza e coordinamento” (PSC), il documento redatto in fase di progetto in cui sono analizzati tutti gli aspetti legati ai rischi e alle misure di prevenzione e protezione relative a uno specifico cantiere;
  • il “fascicolo”, il documento contenente informazioni utili ai fini della prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori.
  • il CSE verifica:
  • l’attuazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento da parte dell’impresa per tutta la durata dei lavori con opportune azioni di coordinamento e controllo;
  • la corretta applicazione delle procedure di lavoro.

Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente o il responsabile dei lavori, deve nominare il coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione prima dell’affidamento dei lavori (art. 90 comma 4 del dlgs 81/2008).

Nei casi in cui i lavori siano affidati inizialmente ad un’unica impresa e successivamente l’esecuzione dei lavori o di parte di essi sia affidata a una o più imprese, diventa obbligatorio la nomina del CSE (art. 90 comma 5 del dlgs 81/2008).

Di cosa si occupa?

Obblighi del Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione (Art. 91 del D.Lgs. 81/2008):

Durante la progettazione dell’opera e comunque prima della richiesta di presentazione delle offerte, il coordinatore per la progettazione:

  1. a) Redige il Piano di Sicurezza e Coordinamento;
  2. b) Predispone un fascicolo adattato alle caratteristiche dell’opera, contenente le informazioni utili ai fini della prevenzione e della protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori.

Obblighi del Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione (Art. 92 del D.Lgs. 81/2008):

  1. a) verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l’applicazione, da parte delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni loro pertinenti contenute nel piano di sicurezza e di coordinamento ove previsto e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro;
  2. b) verifica l’idoneità del piano operativo di sicurezza, da considerare come piano complementare di dettaglio del piano di sicurezza e coordinamento, assicurandone la coerenza con quest’ultimo, ove previsto, adegua il piano di sicurezza e di coordinamento, ove previsto, e il fascicolo , in relazione all’evoluzione dei lavori ed alle eventuali modifiche intervenute, valutando le proposte delle imprese esecutrici dirette a migliorare la sicurezza in cantiere, verifica che le imprese esecutrici adeguino, se necessario, i rispettivi piani operativi di sicurezza;
  3. c) organizza tra i datori di lavoro, ivi compresi i lavoratori autonomi, la cooperazione ed il coordinamento delle attività nonché la loro reciproca informazione;
  4. d) verifica l’attuazione di quanto previsto negli accordi tra le parti sociali al fine di realizzare il coordinamento tra i rappresentanti della sicurezza finalizzato al miglioramento della sicurezza in cantiere;
  5. e) segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta alle imprese e ai lavoratori autonomi interessati, le inosservanze alle disposizioni del dlsgs 81/08, e alle prescrizioni del piano, ove previsto, e propone la sospensione dei lavori, l’allontanamento delle imprese o dei lavoratori autonomi dal cantiere, o la risoluzione del contratto. Nel caso in cui il committente o il responsabile dei lavori non adotti alcun provvedimento in merito alla segnalazione, senza fornire idonea motivazione, il coordinatore per l’esecuzione dà comunicazione dell’inadempienza alla Azienda Unità Sanitaria Locale e alla Direzione Provinciale del Lavoro territorialmente competenti;
  6. f) sospende, in caso di pericolo grave e imminente, direttamente riscontrato, le singole lavorazioni fino alla verifica degli avvenuti adeguamenti effettuati dalle imprese interessate.

Come si svolge il corso?

Il corso è volto a favorire l’apprendimento attivo dei partecipanti attraverso tecniche e strumenti per la formazione della figura professionale. Oltre alle lezioni teoriche, sono previste simulazioni, lavori di gruppo e visite tecniche in cantiere.

Chi insegna?

Docenti laureati in Ingegneria cureranno lo svolgimento di attività in maniera estremamente mirata e professionale. Il corpo docenti tratterà con competenza e disponibilità ogni materia prevista garantendo, così, la giusta formazione del futuro Coordinatore della Sicurezza.

I docenti del corso di Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione sono i seguenti:

  • Docente: Prof. Ing. Pasquale Natale
  • Docente: Ing. Angela Volpe
  • Docente: Ing. Pio Iovane

Cosa si studia?

Il modulo è finalizzato a far acquisire una specifica conoscenza relativa alla normativa generale in tema di igiene e sicurezza del lavoro e a quella relativa ai cantieri temporanei e mobili e ai lavori in quota; analizzare i rischi presenti all’interno del cantiere, gli aspetti relativi all’organizzazione e la gestione del cantiere e le modalità di scelta e dell’utilizzo dei DPI; stilare PSC, POS e PIMUS.

Nello specifico le tematiche affrontate saranno

Modulo 1: Giuridico – normativo

  • La legislazione di base in materia di sicurezza e di igiene sul lavoro; la normativa contrattuale inerente agli aspetti di sicurezza e salute sul lavoro; la normativa sull’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.
  • Le normative europee e la loro valenza; le norme di buona tecnica; le direttive di prodotto.
  • Il Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al Titolo I. I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali. Metodologie per l’individuazione, l’analisi e la valutazione dei rischi.
  • La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota. Il titolo IV del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
  • Le figure interessate alla realizzazione dell’opera: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali.
  • La legge quadro in materia di lavori pubblici ed i principali decreti attuativi.
  • La disciplina sanzionatoria e le procedure ispettive.

Modulo 2: Tecnico

  • Rischi di caduta dall’alto.
  • Ponteggi e opere provvisionali.
  • L’organizzazione in sicurezza del Cantiere.
  • Il cronoprogramma dei lavori.
  • Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza.
  • Le malattie professionali ed il primo soccorso.
  • Il rischio elettrico e la protezione contro le scariche atmosferiche.
  • Il rischio negli scavi, nelle demolizioni, nelle opere in sotterraneo ed in galleria.
  • I rischi connessi all’uso di macchine e attrezzature di lavoro con particolare riferimento agli apparecchi di sollevamento e trasporto.
  • I rischi chimici in cantiere.
  • I rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima, illuminazione.
  • I rischi connessi alle bonifiche da amianto.
  • I rischi biologici.
  • I rischi da movimentazione manuale dei carichi.
  • I rischi di incendio e di esplosione.
  • I rischi nei lavori di montaggio e smontaggio di elementi prefabbricati.
  • I dispositivi di protezione individuali e la segnaletica di sicurezza.

Modulo 3: Metodologico/organizzativo

  • I contenuti minimi del piano di sicurezza e di coordinamento, del piano sostitutivo di sicurezza e del piano operativo di sicurezza.
  • I criteri metodologici per: a) l’elaborazione del piano di sicurezza e di coordinamento e l’integrazione con i piani operativi di sicurezza ed il fascicolo; b) l’elaborazione del piano operativo di sicurezza; c) l’elaborazione del fascicolo; d) l’elaborazione del P.I.M.U.S. (Piano di Montaggio, Uso, Smontaggio dei ponteggi; e) la stima dei costi della sicurezza
  • Teorie e tecniche di comunicazione, orientate alla risoluzione di problemi e alla cooperazione; teorie di gestione dei gruppi e leadership.
  • I rapporti con la committenza, i progettisti, la direzione dei lavori, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Modulo 4: Pratico

  • Esempi di Piano di Sicurezza e Coordinamento: presentazione dei progetti, discussione sull’analisi dei rischi legati all’area, all’organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze
  • Stesura di Piani di Sicurezza e Coordinamento, con particolare riferimento a rischi legati all’area, all’organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze. Lavori di gruppo.
  • Esempi di Piani Operativi di Sicurezza e di Piani Sostitutivi di Sicurezza.
  • Esempi e stesura di fascicolo basati sugli stessi casi dei Piano di Sicurezza e Coordinamento.
  • Simulazione sul ruolo del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione.

Il valore del corso

La nostra offerta formativa garantirà una completa e valida formazione, rispettosa della normativa di riferimento.

 

L’ARES – Associazione Ricerca e Sviluppo, ente di formazione accreditato presso il CNI – Consiglio Nazionale degli Ingegneri, ha organizzato il corso di aggiornamento presso la sede sita in Via Medina 5, Palazzo Carafa di Nocera – 80133 Napoli.

Le lezioni sono previste dal 12/10/2018 al 01/12/2018, il venerdì pomeriggio e il sabato mattina e pomeriggio.

 

 

Corso di Formazione COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI ( ex. 494/96 )

Per avere maggiori informazioni circa i costi e le modalità di iscrizione contattaci ai numeri:

Telefono: 081/5704220 –  whatapp ares formazione Mobile con Whatsapp :  3929164153

Oppure inviaci una mail al nostro indirizzo: ares@infoares.it

Oppure visita la nostra pagina Facebook : 

 

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it