• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Formazione cni: linee guida del nuovo regolamento sulle competenze professionali

Il CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri) è un organismo che si occupa della rappresentanza istituzionale, su piano nazionale, degli ingegneri ed è un ente che opera sotto il controllo del Ministero della Giustizia; dallo scorso gennaio 2018 per quest’organismo si è aggiunto un nuovo compito: la formazione della categoria per l’aggiornamento della competenza professionale.

La formazione CNI è divenuta necessaria quando lo scorso mese sono state emanate le nuove Linee d’indirizzo per l’applicazione del “Regolamento per l’aggiornamento della competenza professionale”; queste vanno a sostituire tutte le linee emanate precedentemente, e suddivise tra le varie categorie, in un Testo Unico.

Queste linee d’indirizzo prevedono, come detto in precedenza, diverse attività di formazione professionale e invitano, come spiegato dall’articolo 1, comma 1 del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, i soggetti autorizzati dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, gli organi di autogoverno e territoriali, gli enti di diretta emanazione nonché i professionisti ad elargire attività di formazione continua che, come spiega l’articolo 7 del Regolamento, riguardano il settore dell’Ingegneria.

La formazione CNI, quindi, dovrà seguire le Linee guida previste dal regolamento per permettere il corretto aggiornamento della competenza professionale; tra queste direttive c’è l’apprendimento che si distingue in tre modalità: formale, informale e non formale che permettono al professionista di raggiungere un certo numero di crediti formativi professionali (CFP).

L’apprendimento formale riguarda due tipologie di Master (di I e II livello universitario) che sono riconosciute se prevedono, secondo quanto dice la legge, una durata complessiva di 1500 ore e un totale di crediti formativi universitari pari ad almeno 60; ai Master, però, l’apprendimento formale riconosce anche corsi di alta formazione universitari, corsi di formazione permanente universitari (con la possibilità di svolgere l’esame finale sia in Italia sia all’estero) e il Dottorato di ricerca che rilasciano crediti. Gli interessati dovranno richiedere il riconoscimento dei crediti formativi professionali, attraverso la piattaforma informatica, al proprio Ordine di appartenenza entro, e non oltre, il 31 gennaio successivo all’anno di conseguimento in quanto non saranno prese in considerazione eventuali istanze in caso di ritardi.

La seconda modalità d’apprendimento, per la formazione CNI, è quella informale che comprende la certificazione di competenze rilasciate dall’Agenzia Nazionale della Certificazione delle Competenze (o Agenzia CERTING secondo la denominazione del CNI) e che consente il riconoscimento di 15 CFP all’anno per tre anni a partire da quello in cui si è conseguita la certificazione.

L’apprendimento non formale, infine, chiude il trittico di modalità previste dalle Linee guida e riguarda le attività di formazione professionale continua organizzate dal CNI, dai provider e dagli Ordini territoriali senza dimenticare quelle che prevede l’articolo 4, comma 5 del Regolamento. Il provider, responsabile nei confronti del CNI, e l’Ordine possono chiamare in causa sponsor o partner per il riconoscimento dei CFP; questo perché entrambi non possono attribuire crediti legati ad eventi organizzati da altri soggetti ma hanno la possibilità di organizzare eventi formativi per l’apprendimento non formale con la qualifica di Partner o Sponsor mantenendo, tuttavia la responsabilità scientifica dell’evento che deve essere formalizzata per iscritto e caricata sulla piattaforma informatica. Provider e Ordini, inoltre, dovranno informare il CNI circa tutte le attività di formazione previste dall’evento.

Per quanto riguarda i CFP bisogna specificare che l’iscritto all’albo deve avere almeno 30 crediti formativi professionali, per poter esercitare la professione ad eccezione di altri 5 CFP per l’etica e deontologia professionale previsti secondo l’articolo 3, comma 9 del Regolamento che devono essere conseguiti, obbligatoriamente, entro il 31 dicembre dell’anno solare successivo all’iscrizione.

Il CNI dispone, ancora, di una banca dati per tutte le attività di formazione professionale continua per la modalità di apprendimento non formale in modo tale da divulgare informazioni sulla disponibilità di un’eventuale offerta formativa non formale su tutto il territorio nazionale, specificando anche quanti CFP queste attività prevedono.

Tutti i crediti formativi professionali per gli iscritti agli Ordini territoriali sono segnalati all’Anagrafe Nazionale dei CFP che li riceve telematicamente da tutti i partecipanti alle attività di formazione specificando il numero di crediti conseguiti. Gli iscritti comunicano il numero dei CFP conseguiti attraverso la propria pagina personale del portale “mying.it” (entro il 31 gennaio dell’anno successivo al conseguimento della certificazione). L’Anagrafe, inoltre, è fondamentale in quanto è l’unico strumento su scala nazionale a certificare quanti crediti, effettivamente, ogni iscritto consegue per le varie attività di formazione (come la formazione CNI, ad esempio).

Qualora siano necessarie istanze di esonero queste dovranno essere presentate entro il 31 gennaio dell’anno solare successivo all’inizio del periodo e comunicate al proprio Ordine. Quando si verifica un esonero questo comporta una riduzione dei CFP pari a 2,5 per ogni mese intero riconosciuto escluso quello di fine periodo; ad esempio una richiesta di esonero di cinque mesi in data 25/03 si conclude il 24/8 e non è possibile revocarlo.

SI ricorda, infine, che le Linee guida del Regolamento sull’aggiornamento della competenza professionale sono entrate in vigore dal 1° gennaio 2018 e sostituiscono, in maniera definitiva, tutte quelle emanate precedentemente in materia.

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it