• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Formazione, esigenza fondamentale per le famiglie italiane

Secondo recenti statistiche, nel 2018 sono stati elargiti alle famiglie italiane prestiti di importo significativo che saranno destinati alla formazione dei propri figli

Quello della formazione è un capitolo di spesa oneroso ma ritenuto fondamentale, ormai da decenni, per ogni famiglia italiana. Il dato sembra riaffermarsi con forza anche quest’anno, all’immediata vigilia della ripresa delle attività scolastiche ed universitarie.

La spesa media di una famiglia italiana per la formazione

Le indagini condotte da Federconsumatori, infatti, hanno rivelato che i genitori italiani arriveranno a spendere quest’anno sino a 9000 euro per mantenere i propri figli lontano da casa per ragioni di studio (frequenza di corsi di laurea, master, ecc). La spesa per la formazione, tuttavia, secondo le stime calcolate dai responsabili dell’area Prestiti della nota finanziaria Facile.it, potrà da settembre aumentare anche per le famiglie aventi ragazzi in età scolare nonché bambini da mandare agli asili nido, visto l’incremento significativo delle rette.

Secondo le statistiche fornite sia dalla suddetta Facile.it che da Prestiti.it, da gennaio a fine luglio 2018 sono stati elargiti per motivazioni legate alla formazione quasi 90 milioni di euro: andando nello specifico, ogni famiglia ha chiesto, in media, un prestito equivalente a poco più di 7600 euro. Tale somma sarà restituita nel giro di 4 anni e mezzo con una rata che dovrebbe aggirarsi intorno ai 150 euro, nella quale è ovviamente incluso un tasso di interesse oscillante tra il 7,10 e l’11,26%.

Una considerazione interessante: più di un quarto delle richieste di finanziamento presentate (38%) proviene da donne, le quali intendono dunque rivendicare sempre più eguali opportunità di studio e formazione.

Il sostegno dello Stato attraverso le borse di studio

Anche lo Stato italiano, dal canto suo, attraverso il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), si mostra ormai da tempo abbastanza sensibile verso le aspirazioni dei giovani. La misura più importante è quella delle borse di studio: nell’anno in corso, allo stato attuale, i destinatari di tale forma di premio-sostegno sono stati quasi 176 000, di cui 16 000 provenienti da paesi esterni all’Unione Europea. 

L’elargizione delle borse, però, non è omogenea in termini quantitativi in tutte le regioni italiane. A beneficiare maggiormente di tale misura sono stati nel 2018 soprattutto i giovani della Lombardia e dell’Emilia Romagna, con una platea media di 20 000 aspiranti giudicati idonei all’atto della domanda; ad essere più penalizzate, invece, nonostante l’allargamento delle fasce Isee, le regioni del Sud, come la Campania, la Calabria e la Sicilia.

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it