• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Le aziende italiane e l’Industria 4.0: un binomio vincente

Alcune considerazioni sulle luci e sulle ombre dell’applicazione, nelle aziende italiane, dell’Industria 4.0

Il governo italiano, recentemente insediato, non deve commettere l’errore di ignorare o peggio ancora di accantonare le politiche industriali (soprattutto per quanto concerne l’Industria 4.0) attuate dal precedente governo di centrosinistra. Per avere un’idea dell’attuale situazione industriale del Bel Paese basti pensare che, in questi primi mesi del 2018, il settore dei macchinari utensili italiani è stato il terzo esportatore e il quinto mercato interno a livello mondiale. Un trend che segue quanto accaduto nel 2017, anno in cui la produzione industriale di macchinari utensili ha superato i 6 miliardi di euro di utili.

L’Industria 4.0 e il nuovo governo

Il ministro dell’Economia e delle Finanze, il romano Giovanni Tria, si è espresso con molta forza sull’importanza del piano nazionale per la digitalizzazione industriale (in pratica un piano per l’Industria 4.0). Queste innovazioni informatiche non devono rimanere incomplete e incompiute, pena il declassamento dell’Italia da grande potenza industriale.

L’Industria 4.0 come valore aggiunto per le industrie italiane

La politica economica, concernente l’applicazione dell’Industria 4.0 alle aziende italiane, non può e non deve essere considerata esclusivamente come una misura di agevolazione fiscale per le aziende ma piuttosto come un’azione necessaria che porterà innovazione, occupazione e investimenti. A beneficiarne saranno così tutte le parti in causa, a partire dal Sistema Paese.

Diverse ricerche di settore, in Italia e non solo, hanno dimostrato che la digitalizzazione delle industrie aumenta e non diminuisce i posti di lavoro. Non solo, l’Industria 4.0, se applicata, comporta nuovi impieghi ad alto livello intellettuale.

Alcuni problemi e possibili soluzioni

Il problema principale del piano nazionale sull’Industria 4.0 risiede nella mancanza di fiducia, da parte di molte aziende italiane, sui sacrifici economici necessari per innovare i propri impianti industriali. Senza le adeguate figure professionali non è possibile completare il programma volto al passaggio complessivo del comparto industriale italiano all’Industria 4.0. Il passaggio logico conseguente, dunque, deve necessariamente prevedere un massiccio investimento, da parte delle industrie italiane, che abbia come obiettivo cardine la formazione delle nuove figure professionali idonee alla digitalizzazione industriale. Un esempio, tra i molti che si potrebbero fare, riguarda la figura dell’esperto in cyber security, di fondamentale importanza visto i pericoli che si annidano nel mondo del web.

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it