• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Le stomie e il ruolo dell’OSS

L’Operatore Socio Sanitario ha un ruolo di grande rilevanza per quanto concerne le stomie e i pazienti stomizzati

Stomia (dal greco stoma ovvero bocca) è un termine medico indicante un’operazione chirurgica tramite la quale si viene a realizzare un’apertura nel corpo che permette la comunicazione tra l’intestino e l’esterno. In questo modo, invece che per via fisiologica, il corpo umano può svuotare il proprio contenuto attraverso questa apertura creata artificialmente. 

Quando è necessario questo tipo di intervento chirurgico?

L’intervento diventa improrogabile quando il sistema urinario o l’intestino non riescono più a svolgere le loro normali funzioni. 

Nello specifico, il posizionamento di una stomia avviene per tutta una serie di patologie e/o traumi, come nel caso, ad esempio, di tumori, malattie croniche e danni all’apparato digerente. In questi casi diventa necessario l’interruzione del passaggio degli scarti corporei attraverso il sistema urinario o quello digerente. 

Tre tipi di stomie

Esistono tre tipi di stomie, diversificate in base alla loro posizione: urostomia, ileostomia e colostomia. Ognuno di questi tipi può essere  o temporaneo, nel qual caso è necessario un intervento di ricanalizzazione alla guarigione dell’organo interessato, o definitivo. 

In entrambi i casi e per tutti i tipi di stomie è di fondamentale importanza prendersi buona cura della cute circostante perché dalla sua integrità o meno dipende la tenuta della sacca per la raccolta del materiale che si applica alla stomia e, di conseguenza, la qualità della vita del paziente.

Informazioni varie sulla stomia

Una stomia è in pratica un’apertura rivestita da una mucosa simile a quella della bocca: lucida, umida e rossa. Inoltre è priva di muscoli e terminazioni nervose, pertanto anche se ha lo svantaggio di non poter essere controllata dal cervello, possiede l’indubbio vantaggio di non provocare al paziente alcun dolore o sensazioni sgradevoli.

Comunemente, tendiamo a identificare come stomie tutto l’insieme applicato al paziente: l’apertura chirurgica (la stomia vera e propria), la placca che si applica alla stomia per tenerla aperta (fungendo da raccordo con il dispositivo di raccolta), il filtro ( che riduce l’emissione di gas e li deodora) e la sacca di raccolta, nella quale si vanno a depositare i prodotti di scarto (urine o feci) espulsi attraverso la stomia. Placca, filtro e sacca costituiscono nel loro insieme il dispositivo di raccolta. Questi ultimi si differenziano tra loro in base al tipo di materiale di cui sono composti, al tipo di filtro, al tipo di placca e alla tipologia di sacca.

Lo stomaterapista

La gestione della stomia è demandata allo stomaterapista, infermiere specializzato che svolge un ruolo fondamentale nell’insegnare l’uso e la corretta applicazione dei dispositivi di raccolta e nell’insegnare al paziente la gestione autonoma della stomia così da garantirgli il recupero della normale vita quotidiana e delle attività di socializzazione.

L’essere obbligati a portare una stomia può comportare risvolti negativi quali difficoltà di adattamento alla nuova condizione e rifiuto della medesima (aspetti psicologici quindi). Senza dimenticare la patologia o il danno fisico che hanno reso improrogabile l’utilizzo di questo dispositivo.

Il ruolo dell’OSS nel far comprendere la nuova realtà al paziente

E’ molto importante per un OSS (Operatore Socio Sanitario) conoscere le diverse procedure utili ad assistere nel miglior modo possibile la persona stomizzata sia da bambino sia da adulto.

Gli Operatori Socio Sanitari, infatti, sono chiamati a rapportarsi con i pazienti stomizzati e dovranno far comprendere a questi ultimi che la vita continua normalmente, anche in questa nuova condizione, aiutandolo a utilizzarlo correttamente (compresa la loro manutenzione). 

Il benessere del paziente non potrà, così, che beneficiarne. 

Il lavoro dell’OSS, è bene sempre ricordarlo, è subordinato a quello dell’infermiere il quale mantiene l’obbligo di supervisionare e la responsabilità dell’operato dall’Operatore Socio Sanitario. 

Su tutto questo e su molto altro discuteremo in una prossima Web Conference targata ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo). 

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Via Cardito, n.203 - 83031 Ariano Irpino (AV) / Mail : info@infoares.it