• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Stop del Viminale al Servizio Civile per richiedenti asilo e rifugiati

Il Governo blocca il progetto “Integra – Azione” che prevedeva l’impiego di 3 mila migranti nell’ambito del Servizio Civile

Il progetto nato lo scorso anno e varato grazie al fondo europeo “Fami” (Fondo asilo, migrazione e integrazione), ha subito una drastica battuta d’arresto. Nel 2017, solo pochissimi progetti sono stati presentati per cui la maggior parte dei soldi stanziati da Bruxelles poteva essere reinvestita; quest’anno, tuttavia, il Viminale ha deciso di bloccare il progetto.

Il progetto “Integra – Azione”

L’Unione Europea aveva assegnato all’Italia ben 18 milioni di euro al fondo per il Servizio Civile, in aggiunta a quanto già destinato annualmente dal nostro Paese. Il progetto, come si può facilmente evincere dal nome, aveva lo scopo di favorire l’integrazione dei migranti nella società: 3000 rifugiati, al termine del periodo di accoglienza nel circuito Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) avrebbero svolto 12 mesi di Servizio Civile affianco ai loro coetanei italiani, favorendo così lo scambio interculturale.

Nel 2017, furono presentati pochissimi progetti, circostanza da attribuirsi principalmente alla mole di burocrazia da seguire per poter accedere a tali fondi, la cui doppia rendicontazione ha di certo scoraggiato moltissimi enti.

Il risultato è stato che solo 192 posti su 3000 sono stati coperti e quindi che la maggior parte del Fondo Fami pertanto non è stato utilizzato. Ciò nonostante, qualche giorno fa il Governo ha deciso di bloccare il bando “Integra – Azione” ed il contributo economico è stato ritirato dal Viminale.   

Un’occasione mancata

Dal 2015 il Servizio Civile ha perso la sua connotazione Nazionale per acquisirne una Universale. Per questa ragione i bandi sono stati aperti anche agli stranieri con regolare permesso di soggiorno e ai richiedenti asilo. Il  progetto “Integra – Azione” rappresentava una magnifica opportunità di cooperazione ed integrazione tra popoli. La decisione del Viminale rispecchia, invece, le scelte politiche del Ministro dell’Interno deciso a ridimensionare fortemente tale fenomeno. Molti importanti esponenti del terzo settore hanno espresso il loro rammarico per questo provvedimento.

Il presidente di Arci Servizio Civile, Licio Palazzini ha dichiarato: <<Per noi è stata una sorpresa perché finora i residui venivano sempre inseriti nel bilancio dell’anno successivo. Un peccato, perché il servizio civile era stato giustamente individuato come strumento adatto per un lavoro educativo e di integrazione dei giovani rifugiati>>. Anche l’ex sottosegretario al Lavoro con delega al Servizio Civile ha commentato negativamente la scelta effettuata dal Governo <<Ancora un’occasione sprecata per tentare di governare il fenomeno dell’immigrazione attraverso risposte positive e nel rispetto delle persone>>.

ARES ed il Servizio Civile

L’ARES,  Associazione Ricerca e Sviluppo , si è proposta  quale ente capofila prefigurandosi l’obiettivo di raccogliere adesioni presso enti pubblici e privati, lavorando sinergicamente con essi. Infatti, con il passaggio dal Servizio Civile Nazionale a quello Universale, è data alle piccole realtà no profit la possibilità di unirsi con un ente capofila responsabile di tutta la fase di progettazione e di coordinamento dei volontari.

Per quest’anno non è più possibile inviare il proprio curriculum per partecipare in quanto volontari, ma vi ricordiamo comunque che il Servizio Civile può essere svolto da giovani maggiorenni, tra  i 18 e 29 anni, rispettando tutte le modalità previste dal bando. Per maggiori informazioni è possibile contattare i seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax : 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 

Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli                 

Sede Operativa : Via Medina n.5 – 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it; servizio.civile@infoares.it”

 

Articolo Scritto da Benedetta Greco

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it