• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Tag Archives: ares

ARES aiuta i più bisognosi con Aggiungi un posto a tavola

Alessandro Maria Raffone No Comments

All’iniziativa di solidarietà sociale partenopea Aggiungi un posto a tavola partecipa anche ARES 

In questi due ultimi mesi l’Italia intera sta vivendo una situazione sanitaria, economica e sociale molto difficile. 

A causa del Coronavirus, diverse società e industrie sparse per tutta la Penisola hanno iniziato a mettere in cassa integrazione i propri impiegati o, nei casi più difficili, a licenziarli. Molti senza fissa dimora e anziani sono stati abbandonati a loro stessi.

Lo Stato deve fare fronte a diverse emergenze contemporaneamente e quindi anche doveroso da parte dei privati iniziare ad intervenire per aiutare chi è in difficoltà in questo momento. 

Aggiungi un posto a tavola

Solide realtà economiche e sociali napoletane quali ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), PSB Srl, BCC (Banca di Credito Cooperativo) e l’onlus FUESM (Fraternitas Universa Equitum Sancti Michaelis) hanno deciso di promuovere insieme una raccolta fondi al fine di aiutare la Comunità di Sant’Egidio di Napoli nell’assistenza ai più bisognosi. 

Il progetto di crowdfunding lanciato da queste solide realtà campane è stato denominato Aggiungi un posto a tavola.  

Intervista alla Dottoressa Giovanna Brancaccio

La Dottoressa Giovanna Brancaccio, Presidente di ARES, ha voluto esprimere alcune considerazioni in merito: “L’associazione che mi onoro di rappresentare ha deciso convintamente a prendere parte e a organizzare questa importantissima iniziativa perché ritengo che sia di fondamentale importanza, in questo particolare momento storico, fare fronte comune e assistere chi non ha le nostre stesse possibilità.  Donare anche solo 5 euro può fare realmente la differenza. Invito tutti i nostri amici ad aiutarci ad aiutare”.

Come prendere parte al progetto

Se interessati a contribuire a questo lodevole e importante iniziativa di solidarietà sociale di seguito troverete i dati necessari.

 

IBAN: IT29R0711003400000000009380

 

CAUSALE: aggiungiunpostoatavola

 

BENEFICIARIO: F.U.E.S.M. ONLUS

Pandemia Covid-19: la Regione Campania ha prorogato il divieto ad uscire di casa

Alessandro Maria Raffone No Comments

A causa del Covid-19, ieri la Regione Campania, tramite specifica ordinanza, ha deciso prorogare il divieto di uscire. ARES è operativa grazie allo smart working

Tramite l’ordinanza numero 23 del 25 marzo 2020, la Regione Campania ha deciso di prorogare il divieto di uscita dalla propria abitazione, a meno che non sia strettamente necessario, a causa dell’ormai celebre Covid-19. La proroga è stata estesa fino al 14 aprile del 2020. Pasqua, quest’anno, la passeremo tra le mure domestiche. 

A cosa possono andare incontro i trasgressori

Nel caso in cui l’ordinanza non venga rispetta, la legge è molto chiara in merito. In caso di presenza di reato, infatti, si procederà ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale. Articolo che prevede due sanzioni: o l’arresto fino ad un massimo di tre mesi o una multa che può giungere fino a 206 euro. 

Nonostante Covid-19, proseguire nel lavoro è possibile grazie allo smart working

Pertanto, in ottemperanza alle ultime disposizioni, ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) continuerà la propria attività lavorativa in modalità smart working fino a nuove disposizioni regionali e nazionali. 

Lavorare da casa è possibile grazie allo smart working. 

Di seguito l’ordinanza completa.

ORDINANZA_N_23_DEL_25_MARZO_2020

ARES partecipa al convegno “Non bevetevi la Vita, non fate gli Sbronzi”

Alessandro Maria Raffone No Comments

Al convegno di venerdì 31 gennaio 2020 contro l’alcolismo giovanile parteciperà anche la Dott.ssa Giovanna Brancaccio, Presidente ARES

L’Ente di Formazione campano ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, ha deciso di sostenere il MCC (Movimento Crescita Civile) – Comitato Genitori No Alcol, guidata dal Presidente Gerardo Avallone, nell’organizzazione e nello sviluppo del convegno “Non bevetevi la Vita, non fate gli Sbronzi”, nato allo scopo di contrastare la terribile piaga dell’alcolismo giovanile.

Questo evento, che ha il patrocinio del Consiglio Regionale della Campania e dell’Automobile Club Napoli e il supporto dell’Espresso Napoletano, CG (Comunicazione Globale) e Zero Carta.

Il convegno si terrà venerdì 31 gennaio 2020 alle ore 11.00 nella Sala Auditorium del Consiglio Regionale, Isola C/3 del Centro Direzionale (Napoli), modererà il giornalista de “Il MattinoLeandro Del Gaudio.

Non bevetevi la Vita, non fate gli Sbronzi

A questo evento saranno molte personalità a prendere la parola, per discutere di un problema molto sentito, soprattutto da tanti genitori. A sostenere e a partecipare questa lodevole iniziativa saranno numerose scuole, Associazioni, Enti e membri delle Forze dell’Ordine.

Di seguito, i relatori del convegno:

On. Carmine Mocerino, Presidente Seconda Commissione Speciale Anticamorra e Beni Confiscati;

Gerardo Avallone, Presidente MCC – Ideatore Comitato Genitori No Alcol;

Giovanna Brancaccio, Presidente ARES;

Dott.ssa Ilaria Fontana, Psicologa Psicoterapeuta ad approccio umanistico integrato Referente scuole per l’Ass. Aspic Psicologia;

Dr. Antonio Di Gioia, Specialista in Malattie e chirurgia degli Occhi;

Dr. Raffaele Merenda, Responsabile della Terapia Intensiva Cardiologica. Responsabile della UOSD di Stratificazione Prognostica dell’infarto Miocardico e Referente dell’Azienda Ospedaliera dei Colli presso la Regione Campania per la Rete Infarto;

Dr. Enrico Ragone, Epatologo e Responsabile sezione di ecointerventistica clinica e dei trapianti. Diagnosi e terapia delle malattie del fegato e dei tumori del fegato A. O. Ospedale Monaldi Azienda Ospedaliera dei Colli;

Generale Canio Giuseppe La Gala, nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri;

Ciro Esposito, Comandante del Corpo della Polizia Municipale di Napoli;

Dott.ssa Antonella Matera, Psicologa ASL Napoli 2;

Padre Alex Zanotelli.

Le parole, a riguardo, della Dott.ssa Brancaccio

ARES vuole essere in prima fila nell’affrontare la grave emergenza sociale che sta colpendo l’universo giovanile, ormai sempre più dipendente dall’alcol. Il benessere, anche dei giovani e dei minori, rappresenta uno dei nostri punti cardini, al quale non possiamo e non vogliamo rinunciare”.

In particolare, questa questione mi coinvolge appieno poiché sono madre di due ragazzi. Proprio per questo motivo comprendo la preoccupazione di tanti genitori che temono che i loro figli possano essere preda dell’alcol. Voglio pertanto ringraziare l’Avvocato Gerardo Avallone e Don Salvatore Giuliano per quanto stanno facendo per i nostri figli”.

Proprio perché l’intera associazione che presiedo sente profondamente questo problema, abbiamo stabilito di mettere a disposizione le nostre strutture, incluse le aule multimediali, e ogni utile attrezzatura per futuri incontri, convegni finalizzati a perseguire lo scopo del Comitato Genitori No Alcol.”

OSS: nuove assunzioni dalla Regione Campania

Alessandro Maria Raffone No Comments

Il 2020 inizia in maniera molto positiva per gli Operatori Socio Sanitari (OSS) grazie alle assunzioni volute dalla Regione Campania 

Si è parlato spesso, in questi ultimi tempi, delle difficoltà in campo medico per quanto riguarda la cronica carenza di personale. Una situazione gravissima che ogni Regione, in base alle specifiche competenze, ha cercato di affrontare con le proprie risorse.

Per quanto compete la Regione Campania, quest’ultima ha deciso di risolvere questa grave minaccia al nostro sistema sanitario utilizzando una politica di assunzioni mirate.

Dopo 10 anni di commissariamento, la Regione può di nuovo gestire in piena libertà e autonomia il proprio budget destinato all’ambito sanitario.

Tra le figure assunte, come vedremo, troviamo l’Operatore Socio Sanitario (OSS).

L’Operatore Socio Sanitario: di cosa si occupa?

L’Operatore Socio Sanitario ha il compito di fornire cure ed assistenza a persone afflitte da condizioni di disagio, di non autosufficienza fisica, che presentino problemi psichici, favorendone, al tempo stesso, integrazione e benessere.

L’OSS agisce in combinazione con altre figure sanitarie. Proprio per questo motivo quest’ultimo necessita di una formazione specifica.

Grande opportunità campana per gli OSS

Sono stati assunti stabilmente e a tempo indeterminato ben 357 operatori socio sanitari, smistati in diversi ospedali campani. Un primo importante passo visto che nei prossimi mesi ci saranno altre 7.600 assunzioni che riguarderanno medici, infermieri ed OSS.

Per diventare operatore socio sanitario è necessario seguire uno specifico corso presso un ente di formazione.

Tra questi ultimi, a Napoli, troviamo ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, da venti anni attiva nell’ambito della formazione professionale.

Corsi OSS di Ares

Ares offre, durante tutto l’anno, corsi sia per la figura dell’OSS che dell’OSSS (Operatore Socio Sanitario Specializzato).  

Il percorso formativo ha come obiettivo quello di plasmare un professionista che presenti sia competenze tecniche che fanno riferimento all’assistenza diretta della persona, sia competenze relazionali relative alla sfera dei rapporti con il paziente e con i suoi cari.

Al termine del corso, organizzato e gestito da professionisti del settore, i partecipanti otterranno, previo esame finale, un attestato di qualifica professionale di validità nazionale estremamente richiesto e facilmente spendibile sul mercato del lavoro. 

Per avere maggiori informazioni circa i costi e le modalità di iscrizione potete contattare i seguenti recapiti: telefono: 081/5704220 –  indirizzo mail: ares@infoares.it. 

Voucher per la formazione femminile nella Regione Campania

Alessandro Maria Raffone No Comments

La Regione Campania ha deciso di erogare voucher per facilitare la partecipazione a percorsi formativi indirizzati a donne in età lavorativa. ARES vi partecipa

Grazie all’Asse I dello Sviluppo Campania SPA – Por Campania FSE 2014/2020 è stato deciso di erogare voucher per consentire a donne in età lavorativa di prendere parte a specifici percorsi formativi. La notizia è stata pubblicizzata tramite avviso sul BURC (Bollettino Ufficiale Regione Campania).

Nuovi voucher formativi

La Regione Campania ha deciso, dunque, di mettere in campo dei voucher formativi rivolti alle donne campane di età compresa tra i 18 e i 50 anni non ancora compiuti. Queste ultime avranno così a disposizione fino a 3000 euro al fine di partecipare a corsi di specializzazione, master o corsi di formazione autorizzati. In particolare le materie dei corsi saranno le cosiddette STEM (Science, Technology, Engeenering e Mathematics), ovvero Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica.

Per entrare nello specifico, scopo di questi voucher sarà quello di “aumentare la partecipazione sostenibile e i progressi delle donne nel settore dell’occupazione, di lottare contro la femminilizzazione della povertà, di ridurre la segregazione di genere nel mercato del lavoro e di lottare contro gli stereotipi di genere nel mercato del lavoro e nell’istruzione e nella formazione, di promuovere la riconciliazione tra vita professionale e vita privata per tutti, nonché di implementare una uguale suddivisione delle responsabilità di cura tra donne e uomini”.

Chi può partecipare

I soggetti ammessi a partecipare all’avviso e quindi a presentare domanda sono tutte le donne in età lavorativa con o senza strumenti a sostegno del reddito, in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

  1. essere domiciliati o residenti nel territorio della Regione Campania. Le donne non cittadine dell’Unione Europea devono essere in possesso di regolare permesso di soggiorno alla data di presentazione della domanda;
  2. devono aver compiuto 18 anni di età alla data di presentazione della domanda;
  3. non devono aver compiuto 50 anni di età alla data di presentazione della domanda;
  4. devono essere titolari di reddito da modello ISEE familiare per l’anno 2018 fino a € 50.000,00.

I requisiti sopra indicati costituiscono condizione di ammissibilità e devono essere tutti posseduti alla data di presentazione della domanda.

ARES prende parte al progetto campano

ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, è un Ente di Formazione Professionale e in questa veste ha deciso di partecipare a questo importantissimo progetto stabilito dalla Regione Campania. Incentivare il lavoro femminile e lottare al contempo contro la discriminazione di genere è di vitale importanza.

Come per la Regione Campania, anche per ARES il lavoro è la priorità.

Potete contattarci, per ulteriori informazioni, al Telefono: 081/5704220 o per mail al nostro indirizzo: ares@infoares.it

Compila il Form

Il Corso OPI per la rubrica IN-forma

Alessandro Maria Raffone No Comments

ARES ha tra i suoi vari corsi quello per diventare OPI, Operatore per l’Infanzia. Di seguito tutte le informazioni su questo possibile sbocco lavorativo

ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, è un Ente di Formazione Professionale e tra i vari corsi erogati troviamo l’OPI, Operatore per l’Infanzia.  Una figura professionale di grande importanza sociale perché chi svolge questo lavoro deve rapportarsi con i più piccoli. Per la rubrica In-forma.

A chi si rivolge il corso OPI?

Il corso OPI deve svolgere la propria attività in asili nido, ludoteche, centri di accoglienza, centri gioco, baby parking ed è rivolto a persone che siano diplomate in licei con indirizzo socio-pedagogico o laureati in Psicologia o in Scienza della Formazione.

Di cosa si occupa l’OPI?

Compito dell’OPI è quello di organizzare e realizzare una serie di attività ricreative indirizzate all’educazione e alla socializzazione del bambino, allo sviluppo delle sue attitudini e al potenziamento delle sue capacità. L’operatore dovrà operare in un contesto equilibrato nel quale l’empatia e la sensibilità del singolo individuo si sposano a capacità di tipo tecnico.

Centro dell’attività dell’Operatore per l’Infanzia è il bambino con il suo mondo e le sue esigenze. I suoi gesti, il suo comportamento e la sua personalità saranno analizzati dall’OPI per fornire tutto il supporto necessario per farlo crescere nei giusti valori e nelle corrette modalità di interazione sociale.

Se il bambino presente delle difficoltà comportamentali o di interazione sociale lì deve agire l’OPI per sistemare la situazione. Centrale in questa azione è il gioco e, in generale, le attività ludiche (primo momento nel quale i più piccoli incominciano a relazionarsi con gli altri).

Durata del corso

Il corso dura 600 ore, delle quali 350 ore sono di teoria e 250 ore sono di stage. Queste ultime si svolgeranno in una struttura convenzionata con il nostro Ente di Formazione.

Tramite originali ed innovative lezioni e una didattica ben organizzata saranno trattate tutte le tematiche previste dallo specifico corso. Simulazioni ed attività pratiche garantiranno, inoltre, la corretta applicazione delle conoscenze acquisite ai fini di una formazione a 360 gradi. Essendo la frequentazione a tale corso obbligatoria, le assenze non devono superare un massimo del 30% delle ore di corso.

Il corpo docente

Il nostro corpo docente è costituito da professori laureati in Psicologia, Ingegneria, Medicina/Scienze infermieristiche e Lingue. La particolarità di questo corso consiste nella partecipazione di un Operatore e di alcuni professionisti provenienti dal mondo del lavoro che consentiranno un regolare svolgimento delle lezioni garantendone un’adeguata professionalità e serietà.

Materie e tematiche affrontate

Le materie da analizzare e da affrontare verteranno sulla pedagogia, la psicologia, la sociologia, la normativa di riferimento e l’informatica. Alcune tematiche affrontate riguarderanno: Dinamiche Comportamentali; Tecniche espressive; Tecniche di primo soccorso e gestione emergenze; Sicurezza sui luoghi di lavoro; Creazione e gestione di attività laboratoriali; Tecniche di animazione; Gestione dei conflitti; Analisi ed interpretazione dei bisogni del bambino; Diritti del bambino ecc.

Una grande opportunità per crescere lavorativamente e per trovare un nuovo lavoro a contatto con i più piccoli. Contattateci per maggiori informazioni circa i costi e le modalità di iscrizione potete contattaci ai seguenti recapiti:

Telefono: 081/5704220 – WhatsApp ares formazione Mobile con Whatsapp : 3929164153 –  mail al nostro indirizzo: ares@infoares.it

Alessandro Maria Raffone

BLSD, i nuovi corsi ARES

Alessandro Maria Raffone No Comments

Il 16 e il 30 novembre 2019 si terranno due corsi ARES, a Bagnoli, per BLSD 

ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, è un Ente di Formazione riconosciuto dalla Regione Campania. Tra i corsi erogati troviamo il BLSD (Basic Life Support\Defibrilation) ovvero il Supporto di base per le funzioni vitali con defibrillatore. Ma di cosa si tratta? 

A corsa serve il BLSD?

Ogni anno circa 60.000 persone di ogni età e condizione sociale hanno un arresto cardiaco. Per impedire che un simile attacco possa risultare mortale è necessario saper svolgere alcune particolari manovre e soprattutto essere in possesso e saper utilizzare lo strumento BLSD. 

Proprio per imparare ad utilizzare correttamente questo importante strumento di primo soccorso che nella sede ARES di Bagnoli si terranno due corsi BLSD, il 16 e il 30 novembre 2019. 

Corsi BLSD 

I corsi dureranno una mezza giornata, dalle 8 e 30 alle 14 e 30 e sono a pagamento. Al termine del corso, dopo aver superato un esame, sarà rilasciato un attestato valido a livello italiano ed europeo come rianimatore esecutore BLSD. Questo titolo è utile anche per la partecipazione a graduatorie e concorsi. 

Chi può partecipare? 

Al corso possono partecipare tutti, sia le figure professionali inerenti l’universo sanitario sia coloro che non fanno parte di questo specifico settore: ad esempio studenti, personale sanitario, sportivi e volontari. 

Docenti e argomenti 

I docenti dei corsi fanno parte di personale altamente qualificato. I partecipanti al corso, dunque, saranno in grado di fronteggiare le diverse tipologie di situazioni di pericolo che possono presentarsi, applicando la giusta tecnica di primo soccorso con l’ausilio del defibrillatore semiautomatico. In questo modo, sarà possibile assistere e tutelare le vittime di scompensi cardiaci e/o respiratori in attesa che giunga il 118 a gestire la situazione.

Se interessati a partecipare potete contattarci ai seguenti recapiti: Telefono: 081/5704220 –   Mobile con Whatsapp : 3929164153. Oppure potete inviaci una mail al nostro indirizzo: ares@infoares.it 

Per evitare problemi di iscrizione si prega di contattare i nostri recapiti entro il 12 novembre per chi vuole partecipare al corso del 16 e entro il 26 per chi desidera prendere parte al corso del 30 novembre. 

Siglato accordo di cooperazione tra ARES e Apotema

Alessandro Maria Raffone No Comments

Nella giornata di lunedì è stato siglato uno storico accordo di partnership tra le associazioni ARES e Apotema

Il 30 settembre 2019 è stata una giornata molto importante per ARES (Associazione Ricerca E Sviluppo) e Apotema, enti promuoventi la formazione professionale le quali hanno deciso di unire le loro forze per offrire prodotti ancora più competitivi.

Il documento di intesa è stato firmato dai due legali rappresentanti: la Dott.ssa Giovanna Brancaccio, per ARES e l’Ing. Carmine Gravino, per Apotema.

Accordo Apotema ARES

Cooperazione tra Apotema e ARES

La volontà di cooperare nasce dalla crescente esigenza di collaborazione tra Università, Imprese, Associazioni e centri di interesse, al fine di promuovere quelle sinergie che, con competenze diversificate, ma complementari, possono risultare utili e interessanti all’utenza finale, sia privata che pubblica.

I convergenti interessi che accomunano Apotema e ARES hanno permesso la firma dell’attuale accordo che consentirà lo sviluppo e la definizione, con singole intese operative, della realizzazione di alcuni punti prioritari tra i quali:

  1. Informazione, consulenze ed assistenza scientifico-tecnologica;
  2. Attività di formazione, anche a distanza;
  3. Attività di studio, ricerca ed informazione anche attraverso lo scambio delle conoscenze derivanti dalla realizzazione di banche dati;
  4. Internazionalizzazione di attività didattica e scientifica;
  5. Disponibilità di spazi fisici e logistici nonché di strumenti tecnologici per l’espletamento delle suddette attività.

 Altri punti programmatici

La cooperazione si estenderà anche in altri campi infatti le due strutture si sono impegnate reciprocamente, nei limiti delle loro disponibilità, a:

  • collaborare nelle azioni promozionali inerenti alle aree di interesse congiunto;
  • effettuare le attività di ricerca e di studio propedeutiche ad iniziative promozionali o oggetto di partecipazione a programmi di formazione e/o di ricerca;
  • realizzare l’insieme delle attività oggetto dell’intesa.

Il Comitato tecnico scientifico

Per uniformare l’indirizzo e la supervisione scientifica delle attività oggetto dell’accordo è stato costituito un comitato tecnico-scientifico composto rispettivamente per l’associazione ARES dagli ingegneri Alfonso Santillo e Pasquale Natale, e per l’Associazione Apotema dagli ingegneri Vittorio Piccolo e Carmine Gravino.

 

Siamo sicuri che una simile partnership saprà fare grandi cose

 

Rubrica In-Forma

I corsi di formazione e il mondo del lavoro

Alessandro Maria Raffone No Comments

Per avere maggiori chance di potere entrare nel mondo del lavoro i corsi di formazione possono essere lo strumento del vostro successo

ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, è un Ente di Formazione che organizza periodicamente tutta una serie di corsi di formazione professionale, quali, ad esempio, OSS (Operatore Socio Sanitario), EPI (Educatore per l’Infanzia) e Assistente alla poltrona Studio Odontoiatrico.

Proprio chi ha seguito questa tipologia di corsi di formazione avrà maggiori possibilità di accedere al mondo del lavoro per il semplice motivo che è in possesso dei requisiti e delle competenze per poter svolgere quel determinato lavoro.

I corsi di formazione e il mondo di lavoro

Il mondo del lavoro è un universo molto complesso ed è molto difficile riuscire ad entrare senza le dovute competenze. Essere in possesso di un attestato di qualifica professionale può dare quella marcia in più per essere assunti e costituisce, a tutti gli effetti, una garanzia per le aziende di aver individuato il personale meglio idoneo per quella particolare mansione.

Le qualifiche professionali costituiscono il passaggio finale dei corsi di formazione. Solo grazie ad enti accreditati presso le diverse regioni italiane è possibile conseguire questo importante accreditamento professionale.

Soprattutto è bene precisare nuovamente che per svolgere alcune professioni è necessario aver seguito un corso di formazione, come nel caso dell’Operatore Socio Sanitario ad esempio.

Gli sbocchi lavorativi

Per quanto concerne gli eventuali sbocchi lavorativi questi ultimi risultano essere molto maggiori se si è in possesso dei già citati attestati di qualifica professionali, validi a livello nazionale e\o europeo a seconda dei singoli casi.

Un mondo di infinite possibilità vi aspetta con i corsi di formazione targati ARES. La nostra sede si trova in Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Bagnoli (Napoli).

Per maggiori informazioni potete contattarci ai seguenti recapiti: telefono 081/5704220 – Whatsapp :  3929164153 – mail: ares@infoares.it.

Ares: un 27 giugno da non perdere!

Alessandro Maria Raffone No Comments

Domani grandi novità nella sede di Ares: seminario gratuito sulla  “Gestione delle criticità terrestri e subacquee”

La “Gestione delle criticità terrestri e subacquee” è un argomento di spicco e da non sottovalutare, per questo l’opportunità offerta da ARES è sicuramente imperdibile.

Gestione delle criticità terrestri e subacquee: Seminario gratuito il 27 giugno

Il seminario sulla Gestione delle criticità terresti e subacquee si concentrerà prevalentemente sulla presentazione di corsi specifici BLSD/PBLSD, PHTC, Oxygen First Aid e il Corso di Subacquea con successivo rilascio dell’attestato.

I corsi che saranno presentati presso gli uffici di Bagnoli (Na) in Viale Campi Flegrei 41, dalle ore 10:00 alle ore 13:00 di giovedì 27 giugno 2019. La partecipazione al seminario è completamente gratuita al termine del quale sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

Locandina seminario gratuito 27 giugno

La  Dott.ssa Giovanna Brancaccio, Presidente di ARES, sarà la moderatrice del corso affiancata da relatori quali la Dott.ssa Giovanna Marino, psicologa; la Dott.ssa Nadia Lombardo, psicologa; il Dott. Aldo Miceli, Protezione Civile – Falchi del Sud.

Il corso BLSD/PBLSD riguarda l’apprendimento delle tecniche e delle manovre di disostruzione e anti soffocamento, dalla durata di 5/8 ore e il rilascio del brevetto e dell’attestato.

Il corso PHTC (Prehospital Trauma Care) si concentra sull’insegnamento delle metodologie per la gestione del paziente politraumatizzato in fase pre-ospedaliera. Il corso ha la durata di 8 ore.

L’OXYGEN FIRST AID è un corso di 5 ore in seguito alla quale si potranno acquisire ben due certificati “OXYGEN FIRST AID PROVIDER” e “ADVANCED OXYGEN FIRST AID”, consigliato per Bagnini di Salvataggio, Personal trainer, Istruttori e guide subacquee e molte altre figure professionali.

Infine, saranno presentati anche il corso di “Psicologia dell’emergenza” e diversi corsi di Subacquea.

Ulteriori informazioni

Da anni l’Associazione Ricerca e Sviluppo (ARES) mette a disposizione per gli utenti diversi corsi di formazione, tra cui i diversi corsi che saranno presentati il prossimo 27 giugno.

Un team composto da esperti si occuperà di offrire agli utenti interessati ai Corsi tutte le informazioni necessarie, accertandosi che possano ricevere tutto il supporto di cui avranno bisogno.

Cogliere questa occasione potrebbe rappresentare una grande opportunità di crescita e formazione, quindi vi aspettiamo numerosi presso le sedi di Bagnoli e Via Medina per gli eventi in merito alla “Gestione delle criticità terrestri e subacquee”.

Per maggiori informazioni  al riguardo contattare i numeri: Telefono: 081/5704220 –  Mobile con Whatsapp:3929164153, oppure tramite e-mail all’indirizzo: ares@infoares.it – info@psbsrl.it

Carla Sarnataro

123

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Via Cardito, n.203 - 83031 Ariano Irpino (AV) / Mail : info@infoares.it