• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Tag Archives: ares

Programma della Web Conference gratuita sulle stomie

Alessandro Maria Raffone No Comments

La Web Conference gratuita “Il ruolo dell’OSS nelle stomie: tra cure e confronto” si terrà venerdì 30 ottobre a partire dalle ore 10.00. Il Programma dell’evento

Gli Enti di Formazione Professionale ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) e PSB Srl hanno deciso di collaborare alla realizzazione della web conference gratuita dal titolo “Il ruolo dell’OSS nelle stomie: tra cure e confronto”. 

La Web Conference su Vimeo

La conferenza si svolgerà in diretta venerdì 30 ottobre, a partire dalle ore 10.00, sul sito di rete sociale video Vimeo. Per prendere parte all’evento e ricevere l’attestato di partecipazione è obbligatorio compilare il seguente form

Ricordiamo che la conferenza sarà anche registrata per essere diffusa sui vari canali social dei due enti di formazione professionale.

Programma degli interventi 

Di seguito gli interventi organizzati dagli illustri relatori. Moderatore dell’evento sarà il Web Editor Alessandro Maria Raffone

Giovanna Brancaccio (Presidente ARES): Saluti istituzionali

Ciro De Rosa (Infermiere Stomaterapista AORN “Antonio Cardarelli“ e Vice Presidente Associazione Italiana Stomizzati – AISTOM): La storia della stomaterapia;

Giuseppe Sorvillo (Presidente C. N. C. Campania e Docente Corsi ARES): Il ruolo dell’OSS nelle stomie;

Florencia Gonzalez Leone (Psicologa Argentina MP2313 e Docente ARES): Gli aspetti psicologici della stomia;

Vincenzo Montano (Infermiere Stomaterapista presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”): La stomia: indicazioni e tipologia.

Gli OSS e le stomie

Gli OSS (Operatori Socio Sanitario) e gli OSSS (Operatori Socio Sanitari Specializzati) sono chiamati a svolgere, insieme agli infermieri stomaterapisti, un ruolo fondamentale nell’aiutare il paziente stomizzato ad un corretto e sano rapporto nei confronti della propria stomia. 

Cos’è una stomia?

La parola stomia, derivante dal greco stoma (cioè bocca), è un termine medico utilizzato per indicare un’operazione chirurgica grazie alla quale si ricava un’apertura artificiale nel corpo che crea un altro passaggio, dall’intestino, per espellere i rifiuti organici, sia solidi sia liquidi. 

Esistono tre tipi di stomie, individuate in base alla loro posizione: l’urostomia, l’ileostomia e la colostomia. Ognuna di queste tipologie può essere  applicata o temporaneamente, nel qual caso sarà necessario un intervento di ricanalizzazione al momento della guarigione dell’organo interessato, o in maniera permanente. 

La pulizia è fondamentale!

In entrambi i casi e per tutti i tipi di stomie è di fondamentale importanza prendersi buona cura della cute circostante perché dalla sua integrità o meno dipende la tenuta della sacca per la raccolta del materiale che deve contenere la stomia e, di conseguenza, la qualità della vita del paziente.

Corso ARES di Dattilografia su Computer

Alessandro Maria Raffone No Comments

Grazie al corso ARES di Dattilografia su Computer sarà possibile ottenere un nuovo strumento per accedere più facilmente al mondo del lavoro

Fin dalla seconda metà dell’800, con l’avvento delle prime macchine da scrivere è sorta la necessità di addestrare specifiche persone (all’epoca, prevalentemente donne) all’utilizzo di tali macchinari così da poter scrivere, correttamente, sempre più velocemente. Con il passare del tempo, e l’avvento dei pc, la situazione non è cambiata nel senso che vi è sempre la necessità di assumere, per le aziende e non solo, personale altamente qualificato in Dattilografia su Computer

Il corso di ARES in materia permette di raggiungere un livello di preparazione professionale nella Keyboard Live, la moderna evoluzione della Dattilografia. 

A seconda del livello conseguito, si raggiunge la capacità di scrivere documenti utilizzando tutte le dieci dita delle mani, senza mai guardare la tastiera (la cosiddetta scrittura a tastiera cieca). Si acquisirà, inoltre, un’altissima precisione di digitazione (senza incorrere in errori) ed un’alta velocità di scrittura del testo. 

Al termine del percorso formativo il partecipante sarà in grado di utilizzare  la   tastiera   del   PC   come  previsto   dal programma vigente. 

Chi può partecipare?

Questo corso è rivolto a chiunque sia interessato a partecipare, sia per proprio diletto sia per motivi di lavoro, così da poter apprendere i segreti per migliorare la velocità di scrittura “cieca”. Non sono previsti requisiti di accesso.

Alcuni degli argomenti del corso e durata

La durata è di 200 ore e il corso si svolgerà in modalità FAD (Formazione a Distanza). Gli argomenti trattati saranno numerosi, ad esempio: esercitazione di copiato ; acquisizione della precisione nella scrittura; test   completo   minuscole e maiuscole; gestione da tastiera delle principali funzioni dei software applicativi, 

Lavoro 

Può svolgere qualsiasi mansione dove è necessario l’utilizzo di un computer.

Titolo conseguito

L’attestato che si consegue dietro superamento dell’esame finale è di Addestramento Professionale Dattilografia. 

Contattateci per non perdere questa incredibile occasione alla mail ares@infoares.it.

Corsi Pekit: ARES è stata accreditata

Alessandro Maria Raffone No Comments

L’Ente di Formazione Professionale ARES è stato accreditato per l’erogazione dei corsi P.E.K.I.T. Di seguito una breve descrizione delle certificazioni

Il Progetto PEKIT è un programma di formazione e certificazione riconosciuto dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) nel 2010, attestante competenze in ambito tecnologico e più precisamente nel settore delle competenze digitali.

P. E. K. I. T. è un acronimo di lingua inglese che sta per Permanent Education and Knowledge on Information Technology

Questo titolo è utilizzabile nelle graduatorie afferenti ai concorsi per la docenza e per il Personale scolastico ATA. Ha validità, inoltre, ai fini dell’acquisizione di punteggio nei concorsi pubblici, per i CFU (Credito Formativo Unitario) nei corsi di studi universitari e per certificare le competenze informatiche all’interno di progetti finanziati quali PON, POR, IFTS e FSE.

A chi sono rivolti i corsi?

I corsi Pekit sono utilissimi per professori di ogni ordine e grado, per il Personale ATA e formatori professionali che vogliano documentare e/o aggiornarsi circa le proprie competenze informatiche. Infatti, è fondamentale conoscere le ultime novità informatiche così da riuscire a coinvolgere i propri studenti, sempre più immersi nel mondo di internet

Dove si possono seguire i corsi Pekit?

Le certificazioni Pekit Expert e Pekit DPO 2.0 e i corsi Pekit LIM sono comprensivi di materiale didattico online che andranno ad integrare la modalità FAD (Formazione a Distanza) grazie alla quale i corsi saranno resi completamente fruibili sul web, così come per i simulatori d’esame.

Simulatori d’esame

Questi ultimi sono disponibili anche per le certificazioni Pekit COFO, Pekit CAD, Pekit Security, Pekit Web Creation e Digital Lessons.

I corsi Pekit erogati da ARES

Di seguito i corsi che ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo), Ente di Formazione Professionale riconosciuto dalla Regione Campania, può erogare:

–         Pekit Expert: di fondamentale importanza per dimostrare le competenze acquisite nell’utilizzo del PC e nella navigazione sul Web, si svolge in 4 fasi;

–         Pekit Web Creation: nato allo scopo di formare una figura professionale capace di realizzare un sito aziendale di e-commerce, di ottimizzarne il posizionamento nei motori di ricerca e di analizzare il traffico generato così da massimizzare i profitti;

–         Pekit CAD: serve ad attestare le conoscenze nell’utilizzo di programmi informatici per la progettazione generale in ambienti 2D e 3D.

–         Pekit Computer Forensics: certifica le competenze proprie della figura professionale di Esperto in Investigazioni Digitali, il quale opera  nei seguenti ambiti: amministrativo, civile, giudiziario e penale. Il soggetto che consegue questa certificazione può lavorare come analista aziendale, come investigatore forense e all’interno di un Computer Security Incident Response Team (CSIRT).

–         Pekit Security: certifica le conoscenze, le competenze e le procedure necessarie a garantire la sicurezza dei sistemi informatici. Queste abilità sono proprie della figura professionale dell’Ethical Hacker.

–         Pekit Privacy GDPR DPO 2.0: certifica le conoscenze che il Data Protection Officer, in italiano Responsabile Protezione Dati, deve possedere al fine di espletare gli adempimenti previsti dalla nuova normativa europea sulla sicurezza e la privacy (GDPR) e delle modalità attraverso cui lo Stato italiano ne abbia recepito i contenuti e sancito le sanzioni in sede sia amministrativa sia penale.

Per saperne di più, scriveteci alla mail ares@infoares.it

European Cyber Security Month: ARES vi aderisce

Alessandro Maria Raffone No Comments

Il mese europeo dedicato alla Cyber Security è ottobre. Varie le iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica su questo importante argomento

L’Unione Europea ha deciso di dedicare nuovamente il mese di ottobre alla campagna di sensibilizzazione European Cyber Security Month (ECSM), traducibile in italiano con Mese Europeo sulla Sicurezza Informatica (MESI). 

Informazioni ed eventi sempre più necessari visto che secondo il Rapporto promosso da CLUSIT – Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica gli atti di pirateria informatica sono aumentati del 91,2% negli ultimi 5 anni, mentre nel solo 2019 sono cresciuti gli attacchi ai servizi telematici del 91,5%. Al sistema sanitario del 17%. 

I dati concernenti il 2020 saranno riportati il 10 novembre durante il Security Summit 2020 Streaming Edition, incontro predisposto dalla medesima CLUSIT e da Astrea. L’evento è stato concepito per concludere degnamente il mese europeo della sicurezza informatica. 

L’European Cyber Security Month

Il Mese Europeo della Sicurezza Informatica (MESI) è organizzato, a livello europeo, dall’Agenzia Europea per la Sicurezza delle Reti e dell’Informazione (ENISA), con sede nell’isola greca di Creta, più esattamente a Candia

Obiettivo ultimo di questa iniziativa  è la diffusione tra l’opinione pubblica europea di una maggiore consapevolezza sia dal pericolo reale rappresentato dagli attacchi informatici sia delle misure più idonee per contrastarli efficacemente. 

La partecipazione di ARES

ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) è un Ente di Formazione Professionale da molti anni e tra i suoi corsi vi sono quelli riguardanti le tecnologie abilitanti del Credito d’Imposta Formazione 4.0. Tra questi vi è anche la Cyber Security. Proprio per questi motivi, anche ARES vuole partecipare a questa campagna di sensibilizzazione rendendo edotto il pubblico delle minacce che si possono trovare sul web, e ricordando che la sicurezza informatica non è un optional ma un elemento di efficienza e di progresso per qualsiasi azienda che voglia realmente emergere.

Il MESI in Italia

In MESI nella nostra Penisola è gestito da CLUSIT (che quest’anno festeggia venti anni di attività) insieme a diverse organizzazioni, Università, Centri di Ricerca ed enti. 

Ricordiamo, inoltre, che le diverse iniziative organizzate per questo ottobre si svolgeranno in sinergia con l’ISCOM (Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazione) del Ministero dello Sviluppo Economico.

La campagna di ottobre 2020

Il motto della campagna di quest’anno è Prima di cliccare, pensaci, in inglese Think Before You Click. Nelle prime due settimane di ottobre il focus si concentrerà sulle Competenze Digitali, la protezione delle informazioni personali, di cyberbullismo, di e-privacy e di stalking informatico.

Nelle ultime due settimane si approfondirà il torbido universo che ruota attorno alle Truffe Informatiche, minacce in continua evoluzione e verso le quali bisogna sempre stare molto attenti e vigili.

Tutte le aziende ed organizzazioni interessate a partecipare a questa campagna di sensibilizzazione possono scrivere a info@clusit.it. 

Per notizie maggiormente esaustive sulle singole iniziative potete cliccare su questo link.

Corso per diventare Attore

Alessandro Maria Raffone No Comments

ARES ha organizzato un corso ad hoc per diventare Attore. Un’occasione unica per diventare un professionista del settore

L’Ente campano di Formazione Professionale ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) ha deciso di ampliare la propria offerta formativa organizzando un corso ad hoc per diventare Attore. Al termine del corso, dietro esame finale, sarà rilasciato un attestato valido su tutto il territorio comunitario europeo.

Corso per diventare Attore

Recitare vuol dire riuscire ad interpretare un personaggio immedesimandosi in maniera naturale e credibile. Lo stesso termine può indicare anche le figure di artisti di strada, esperti in arti circensi, ecc. 

Ciò è possibile tramite l’apprendimento delle più celebri tecniche di recitazione (quali ad esempio i metodi realizzati da Konstantin Sergeevič Stanislavskij, Sanford Meisner e Lee Strasberg).  

Per diventare attori, inoltre, è necessario saper improvvisare, studiare il personaggio da portare in scena, analizzando le emozioni da far trasparire (grazie ad appositi esercizi sensoriali). 

Requisiti di accesso    

Diploma di scuola Secondaria di II Grado. 

Chi può partecipare

Tutti possono diventare attori. Possono partecipare studenti, inoccupati, disoccupati, professionisti, che puntano su questa formazione professionale per acquisire le necessarie competenze nel campo della recitazione o di altre rappresentazioni artistiche e letterarie.

Durata e presenza

Il corso avrà una durata di 600 ore, suddivise tra teoria e pratica e la presenza è obbligatoria

Materie studiate

Grazie a professionisti con anni di esperienza, i futuri attori (di Teatro e Cinema) studieranno diverse materie tra le quali troviamo dizione, movimento scenico, Acting on Camera, Psicologia Cognitivo Comportamentale e tecniche teatrali di base

Professione

L’attore può lavorare in qualità di libero professionista, collaboratore a progetto o come dipendente a tempo determinato sui set cinematografici (sia interni sia esterni), sui set di fiction e serie televisive, sui palcoscenici teatrali oppure nelle scuole di recitazione in qualità di docente. 

Il corso prepara l’allievo ad affacciarsi nell’affascinante mondo dello spettacolo avendo competenze adeguate per intraprendere tale tipo di professione in ambito teatrale, televisivo, cinematografico o radiofonico. L’attore può occuparsi di doppiaggio, di narrazione per spot, documentari, ma può anche occuparsi, in forma autonoma, dell’ideazione, pianificazione, organizzazione e gestione di spettacoli.

Titolo Conseguito

Qualifica Professionale di Attore riconosciuto dalla Regione Campania e valido a livello Nazionale ed Europeo

Tante le opportunità per chi vorrà partecipare a questo innovativo corso. Contattaci a ares@infoares.it o al numero di telefono 081/5704220. 

Corsi ARES validi per il Concorso Personale ATA

Alessandro Maria Raffone No Comments

A breve inizierà il Concorso per entrare nel Personale ATA. Per accedervi è importante partire con un buon punteggio di base. Gli appositi Corsi ARES

A breve bisognerà inviare le domande per partecipare alla formazione delle nuove graduatorie per il Personale ATA (terza fascia 2021) in tutte le scuole. Per avere maggiori possibilità di riuscita finale è necessario riuscire a partire con un punteggio molto alto

Come fare? Svolgendo corsi che daranno punti così come stabilito dal Decreto Ministeriale numero 640 del 30/08/2017 dove sono puntualmente indicate tutte le valutazioni di punteggio in base alla figura professionale prescelta.

Il Personale ATA

Prima di proseguire dobbiamo individuare prima quali ambiti professionali sono compresi nel Personale ATA (Amministrativo, Tecnico e Ausiliario). Sono: 

Collaboratori scolastici; 

Collaboratore scolastico addetto all’azienda agraria; 

Assistenti amministrativi; 

Assistenti tecnici;

Cuochi; 

Infermieri; 

Guardarobieri; 

Direttore dei servizi generali e amministrativi (DSGA).

I Corsi validi promossi da ARES

ARES (Associazione di Ricerca e Sviluppo) è un Ente di Formazione Professionale svolge già da tempo corsi utili a chi desideri guadagnare punti per la graduatoria del concorso per il Personale ATA. 

I corsi EIPASS LIM (Lavagna Interattiva Multimediale), 7 moduli USER, Progressive servono a certificare le proprie competenze digitali e informatiche. In questo caso specifico verrà conteggiato un solo titolo, come riportato nel già citato D. M., valido 0,60 punti. 

Il Corso di Dattilografia su Computer consente di scrivere sul pc in maniera innovativa e veloce e vale 1 punto. 

Il corso OSS (Operatore Socio Sanitario) serve esclusivamente per il collaboratore scolastico perché quest’ultimo deve possedere le basilari conoscenze per salvaguardare la salute dello staff e degli studenti all’interno del complesso scolastico. Vale 1 punto. 

Certificazioni di Lingua Inglese di livello dalle basi fino al C1. Vale 1 punto.

Il titolo conseguito come Operatore Amministrativo – Contabile prepara ai concorsi nelle amministrazioni scolastiche per il Personale ATA e   all’iscrizione   nelle   graduatorie di incarichi e supplenze di quest’ultima. Vale 1,5 punti.

Inoltre vogliamo ricordarvi che ARES fornisce anche il corso Tecnico Amministratore del Personale (ATA), il quale svolge il proprio lavoro subordinatamente al Direttore dei Servizi generali e amministrativi. Questa figura professionale cura, nello specifico, le attività di controllo e coordinamento amministrativo. Vale 1,5 punti. 

Cosa aspetti contattaci su Facebook o tramite la mail ares@infoares.it.

CORSO ARES Operatore Amministrativo – Contabile

Alessandro Maria Raffone No Comments

Ancora posti disponibili per il corso per diventare Operatore Amministrativo – Contabile organizzato da ARES

In questo ultimo periodo, nonostante il Covid-19, si stanno aprendo molte opportunità di impiego nel mondo della scuola sia nell’ambito dell’insegnamento sia per quanto concerne il Personale ATA (Amministrativo, Tecnico e Ausiliario). Proprio per questo ultimo settore a breve inizieranno le graduatorie per formare le nuove graduatorie per la terza fascia 2021 in tutte le scuole italiane. 

Per partire con un punteggio alto è necessario partecipare a corsi professionalizzanti come nel caso del corso, targato ARES, per diventare Operatore Amministrativo – Contabile. Il titolo conseguito prepara infatti ai concorsi nelle amministrazioni scolastiche per il Personale ATA e   all’iscrizione   nelle   graduatorie di incarichi e supplenze di quest’ultima.

Operatore Amministrativo – Contabile

Questa figura professionale opera, principalmente, in ambito pubblico e in particolare nelle amministrazioni scolastiche. L’Operatore Amministrativo – Contabile dipende dal DSGA (Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi), ma si occupa del coordinamento e del controllo delle diverse attività amministrative. 

Pertanto, deve conoscere tutta la normativa riguardante l’amministrazione scolastica e il Personale ATA. La richiesta di personale altamente qualificato nella continua trasformazione dei procedimenti amministrativi nel settore scolastico ha portato alla nascita dell’Operatore Amministrativo – Contabile. 

Possibili ambiti lavorativi

Quest’ultimo può lavorare in ambito scolastico ma anche in altri uffici sia pubblici sia privati.

Durata e alcuni elementi del corso

Obiettivo del corso è quello di formare il futuro Operatore Amministrativo – Contabile affinché sia in grado di gestire una segreteria didattica o altre tipologie di uffici amministrativo-contabili.

Il corso ha una durata di 600 ore, suddivise in 420 di teoria e 180 di pratica, comprendenti vari moduli di insegnamento quali diritto amministrativo, diritto costituzionale, informatica, sicurezza, e molto altro ancora. 

Documenti e requisiti per l’iscrizione 

Occorre compilare domanda di iscrizione, redigere l’autocertificazione sia del titolo di studio sia  del domicilio. 

Fornire un documento di identità valido e se extracomunitario bisogna presentare regolare permesso di soggiorno e titolo di studio in fotocopia (richiesto diploma superiore). 

Frequenza 

La frequenza è obbligatoria

Normativa di riferimento 

Legge 2 ottobre 1997, n. 340; CCNL 8 marzo 2002 (accordo successivo per il personale ATA ai sensi dell’art. 18 del Contratto collettivo nazionale di lavoro 15 marzo del 2001 del comparto scuola – G.U. 26 marzo 2002 n. 72).

Attestazione 

Alla   fine  del corso,   si   svolgerà  (presso   la  nostra sede in Viale Campi Flegerei, n. 41 – NA) l’esame   finale.  A superamento di tale esame sarà rilasciato un attestato che ha validità sull’intero territorio nazionale.

Tramite questo attestato potrà lavorare in tutti gli uffici pubblici e privati. Inoltre, consente l’iscrizione con qualifica presso gli uffici di collocamento.

Contattaci per ulteriori informazioni a ares@infoares.it.

Le stomie e il ruolo dell’OSS

Alessandro Maria Raffone No Comments

L’Operatore Socio Sanitario ha un ruolo di grande rilevanza per quanto concerne le stomie e i pazienti stomizzati

Stomia (dal greco stoma ovvero bocca) è un termine medico indicante un’operazione chirurgica tramite la quale si viene a realizzare un’apertura nel corpo che permette la comunicazione tra l’intestino e l’esterno. In questo modo, invece che per via fisiologica, il corpo umano può svuotare il proprio contenuto attraverso questa apertura creata artificialmente. 

Quando è necessario questo tipo di intervento chirurgico?

L’intervento diventa improrogabile quando il sistema urinario o l’intestino non riescono più a svolgere le loro normali funzioni. 

Nello specifico, il posizionamento di una stomia avviene per tutta una serie di patologie e/o traumi, come nel caso, ad esempio, di tumori, malattie croniche e danni all’apparato digerente. In questi casi diventa necessario l’interruzione del passaggio degli scarti corporei attraverso il sistema urinario o quello digerente. 

Tre tipi di stomie

Esistono tre tipi di stomie, diversificate in base alla loro posizione: urostomia, ileostomia e colostomia. Ognuno di questi tipi può essere  o temporaneo, nel qual caso è necessario un intervento di ricanalizzazione alla guarigione dell’organo interessato, o definitivo. 

In entrambi i casi e per tutti i tipi di stomie è di fondamentale importanza prendersi buona cura della cute circostante perché dalla sua integrità o meno dipende la tenuta della sacca per la raccolta del materiale che si applica alla stomia e, di conseguenza, la qualità della vita del paziente.

Informazioni varie sulla stomia

Una stomia è in pratica un’apertura rivestita da una mucosa simile a quella della bocca: lucida, umida e rossa. Inoltre è priva di muscoli e terminazioni nervose, pertanto anche se ha lo svantaggio di non poter essere controllata dal cervello, possiede l’indubbio vantaggio di non provocare al paziente alcun dolore o sensazioni sgradevoli.

Comunemente, tendiamo a identificare come stomie tutto l’insieme applicato al paziente: l’apertura chirurgica (la stomia vera e propria), la placca che si applica alla stomia per tenerla aperta (fungendo da raccordo con il dispositivo di raccolta), il filtro ( che riduce l’emissione di gas e li deodora) e la sacca di raccolta, nella quale si vanno a depositare i prodotti di scarto (urine o feci) espulsi attraverso la stomia. Placca, filtro e sacca costituiscono nel loro insieme il dispositivo di raccolta. Questi ultimi si differenziano tra loro in base al tipo di materiale di cui sono composti, al tipo di filtro, al tipo di placca e alla tipologia di sacca.

Lo stomaterapista

La gestione della stomia è demandata allo stomaterapista, infermiere specializzato che svolge un ruolo fondamentale nell’insegnare l’uso e la corretta applicazione dei dispositivi di raccolta e nell’insegnare al paziente la gestione autonoma della stomia così da garantirgli il recupero della normale vita quotidiana e delle attività di socializzazione.

L’essere obbligati a portare una stomia può comportare risvolti negativi quali difficoltà di adattamento alla nuova condizione e rifiuto della medesima (aspetti psicologici quindi). Senza dimenticare la patologia o il danno fisico che hanno reso improrogabile l’utilizzo di questo dispositivo.

Il ruolo dell’OSS nel far comprendere la nuova realtà al paziente

E’ molto importante per un OSS (Operatore Socio Sanitario) conoscere le diverse procedure utili ad assistere nel miglior modo possibile la persona stomizzata sia da bambino sia da adulto.

Gli Operatori Socio Sanitari, infatti, sono chiamati a rapportarsi con i pazienti stomizzati e dovranno far comprendere a questi ultimi che la vita continua normalmente, anche in questa nuova condizione, aiutandolo a utilizzarlo correttamente (compresa la loro manutenzione). 

Il benessere del paziente non potrà, così, che beneficiarne. 

Il lavoro dell’OSS, è bene sempre ricordarlo, è subordinato a quello dell’infermiere il quale mantiene l’obbligo di supervisionare e la responsabilità dell’operato dall’Operatore Socio Sanitario. 

Su tutto questo e su molto altro discuteremo in una prossima Web Conference targata ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo). 

ARES e il Voucher Donna

Alessandro Maria Raffone No Comments

Voucher Donna al via grazie all’Avviso Pubblico promulgato dalla Regione Campania. ARES partecipa all’iniziativa

Grazie alla misura contenuta nel POR Campania FSE 2014/2020 – Asse I – Obiettivo Specifico 3. Azioni 8.2.2 (visionabile sul Burc e sul sito http://www.fse.regione.campania.it/) al via il cosiddetto Voucher Donna, il voucher nato allo scopo di promuovere la partecipazione a percorsi formativi diretti alle donne in età lavorativa (dai 18 ai 50 anni non ancora compiuti) così da incentivare al contempo l’inclusione sociale di queste ultime.   

Voucher Donna 

L’Avviso Pubblico, emanato recentemente dalla Regione Campania, serve a promuovere l’assegnazione di un contributo pubblico (sotto forma di voucher) al fine di raggiungere il rimborso parziale o totale delle spese necessarie ad iscriversi ad un corso di formazione professionale personalizzato, così da raggiungere le necessarie conoscenze professionali per accedere più facilmente al mondo del lavoro. Un milione di euro è la cifra destinata a questa misura.

Percorsi formativi finanziati

Sono finanziati i seguenti percorsi formativi:

  1. Corsi di formazione erogati da Agenzie formative accreditate dalla Regione Campania, finalizzati al rilascio di qualifica professionale o abilitazione riguardanti profili professionali o figure professionali appartenenti ai Repertori Regionali;
  2. Master di I e II livello, corsi di specializzazione in Italia o in altro paese appartenente all’Unione Europea erogati da:
  • Università e Scuole di alta formazione italiane in possesso del riconoscimento del MIUR che le abilita al rilascio del titolo di master;
  • Università pubblica di altro Stato comunitario o riconosciuta da autorità competente dello Stato comunitario, Scuola/Istituto di alta formazione di Stato comunitario, pubblico o riconosciuto da autorità competente dello Stato comunitario e da questa abilitato per il rilascio del titolo di master. 

I settori di formazione dovranno vertere sulle seguenti macro aree: green economy, blue economy, le professioni sociali, socio sanitarie e le STEM (acronimo per Science, Technology, Engineering e Mathematics). 

ARES e il Voucher Donna

L’Ente di Formazione Professionale ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) propone, in vista del Voucher Donna, l’erogazione dei seguenti corsi: 

OSS (Operatore Socio Sanitario);

OSSS (Operatore Socio Sanitario Specializzato);

OPI (Operatore per l’Infanzia); 

Animatore Sociale.

I corsi si terranno presso la sede di Viale Campi Flegrei 41 (Napoli).

ARES offre, inoltre, un supporto tecnico alle donne, richiedenti il voucher, per la compilazione della modulistica per tutto il percorso istruttorio del bando. 

Soggetti Destinatari

Possono presentare domanda tutte le donne in età lavorativa con o senza strumenti a sostegno del reddito, in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

  1. essere residenti/domiciliati nel territorio della Regione Campania. Le donne non comunitarie devono essere in possesso di regolare permesso di soggiorno alla data di presentazione della domanda;
  2. di aver compiuto 18 anni di età alla data di presentazione della domanda;
  3. di non aver compiuto 50 anni di età alla data di presentazione della domanda;
  4. di essere titolari di reddito da modello ISEE familiare in corso di validità fino a € 50.000,00. 

Modalità e termini per la presentazione delle domande

La Regione Campania è il soggetto responsabile delle procedure di ricezione, valutazione e controllo delle istanze presentate sull’Avviso.

Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente con modalità online accedendo, previa registrazione, al sito http://bonusdonna.regione.campania.it, sottoscritte ed inviate mediante procedura telematica allegando un valido documento di riconoscimento.

Le domande vengono registrate in ordine cronologico in base alla data di presentazione.

La registrazione degli utenti interessati alla presentazione della domanda può avvenire a far data dal giorno 07 settembre 2020 (dalle ore 13:00 fino alla data di chiusura della finestra temporale prevista). 

Le partecipanti devono possedere un indirizzo di posta elettronica certificata.

La domanda per la partecipazione al presente avviso, il cui modulo è reso disponibile sul sito http://bonusdonna.regione.campania.it deve essere compilata, a pena di inammissibilità, direttamente online in ogni sua parte. L’implementazione della domanda online e il caricamento di tutti i documenti allegati di cui al successivo articolo 8 può avvenire (per gli utenti già registrati) a far data dalle ore 12:00 del 17 settembre 2020 e fino alle ore 12:00 del 19 ottobre 2020.

L’Avviso, con la relativa modulistica per la presentazione della Domanda sarà visionabile sul Burc e sul sito http://www.fse.regione.campania.it/.

Documenti per la domanda per la partecipazione all’Avviso Pubblico

L’istanza di partecipazione all’Avviso pubblico, trasmessa secondo le modalità indicate all’articolo 7 deve essere corredata dalla seguente documentazione: 

  • Domanda di partecipazione (Allegato 1);
  • Modello ISEE in corso di validità;  
  • Copia leggibile del documento di identità in corso di validità della richiedente il contributo;
  • Curriculum vitae della proponente in formato europeo; 
  • Permesso di soggiorno per le cittadine non comunitarie;

Attestazione/preventivo dell’ente attuatore che riporti le seguenti informazioni: il costo, la data di inizio del corso, descrizione di quest’ultimo e l’ambito settoriale di riferimento.  

Nota sulla domanda da presentare

La domanda per usufruire del voucher può riguardare percorsi formativi la cui frequenza abbia inizio almeno dal giorno successivo alla data della presentazione della domanda. 

I corsi devono essere avviati entro 120 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie e concludersi entro 18 mesi dalla data di avvio. 

Nota Bene: non sono riconosciuti voucher per i percorsi, la cui frequenza sia iniziata prima della data suddetta.  

 

Bullismo: Web Conference gratuita organizzata da ARES per discuterne

Alessandro Maria Raffone No Comments

La Web Conference gratuita sul bullismo si terrà 18 settembre (venerdì) a partire dalle ore 10.00. Possono parteciparvi tutti 

“Bullismo, cyberbullismo e attività di contrasto: una realtà (semi) conosciuta” questo il titolo della Web Conference organizzata dall’Ente di Formazione Professionale campano ARES (Associazione Ricerca e Sviluppo) in collaborazione con PSB Srl, Agenzia del lavoro ed Ente di Formazione. 

La conferenza si terrà venerdì 18 settembre, dalle ore 10.00, su Google Meet. Per partecipare all’evento è necessario iscriversi tramite questo link. La conferenza sarà poi registrata e diffusa sui diversi social dei due enti di formazione professionale. 

OPI e bullismo

Perché parlare di bullismo? Tra i corsi promossi dai due enti di formazione professionale troviamo anche l’OPI (Operatore per l’Infanzia), un professionista che si occupa dei più piccoli e del loro mondo, imparando a riconoscere i loro segnali, decifrandoli così da poter aiutare il bambino a crescere nelle corrette modalità e nei valori più sani. 

Segnali non solo positivi ma anche negativi: il bullismo in questo senso è un aspetto da non sottovalutare, perché può manifestarsi sin dalla più tenera età. 

Riconoscere i primi segni e conoscere come reagire correttamente è di fondamentale importanza. Ecco perché l’incontro è aperto a tutti coloro che sono interessati a comprendere meglio un argomento molto attuale e importante nelle nostre vite. 

Locandina su Web Conference sul bullismo

Interventi e Relatori

SalutiGiovanna Brancaccio (Presidente ARES); 

Presentazione del libro “Ma io scherzavo…! Bullismo e cyberbullismo”Amedeo Caramanica (Professore e Scrittore); 

Da dove nasce il bullismo e come affrontarlo positivamenteStefania Curto (Psicologa e Docente Corsi ARES); 

Cyberbullismo: fenomenologia e rilevanza giuridicaGiovanni Citarella (Commissario della Polizia di Stato); 

ModeratoreAlessandro Maria Raffone (Web Editor). 

Incontro aperto a tutti

Vogliamo inoltre ricordare che l’incontro è aperto a tutte le persone interessate ed è totalmente gratuito. Per gli OPI che prenderanno parte all’evento, e per chiunque dovesse richiederlo, è previsto un attestato di partecipazione.

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Via Cardito, n.203 - 83031 Ariano Irpino (AV) / Mail : info@infoares.it