• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Tag Archives: infermieri

Il burnout causato dal Coronavirus e gli Operatori Sanitari: un confronto aperto su come contrastarlo

Alessandro Maria Raffone No Comments

Come affrontare il burnout causato dal Covid-19 da parte di medici, infermieri e operatori socio sanitari in un convegno aperto a tutti e totalmente gratuito

Gli operatori sanitari (medici, infermieri e operatori socio sanitari), i tecnici e tutto il resto del personale ospedaliero si sono ritrovati, si può dire dall’oggi al domani, a dover gestire una emergenza che non ha paragoni rispetto a quanto accaduto in Italia in questi ultimi anni. 

Sindrome da burnout

In pochi, e spesso senza una strumentazione adeguata, hanno dovuto sopperire alle esigenze di un gran numero di pazienti. Il conseguente stress ha comportato tutta una serie di problemi che, se non affrontati subito, possono diventare molto gravi. 

Riuscire ad affrontare queste problematiche nella giusta maniera da subito è di fondamentale importanza per poter proseguire nella propria professione con lo spirito giusto. 

LOCANDINA ARES

Un convegno organizzato da ARES, Associazione Ricerca e Sviluppo, si occuperà dell’importante tematica su come gestire, in maniera intelligente e responsabile, la Sindrome da Burnout (della quale vi parleremo più diffusamente in un prossimo articolo). Si terrà la mattina del 16 luglio 2020 (ore 10.00 – 12.00) tramite Meet ed è necessario iscriversi per poter partecipare. Sarà poi registrata e diffusa sui diversi social dell’Associazione. L’incontro è aperto a tutte le persone interessate ed è totalmente gratuito. 

Interventi del convegno

Saluti – Giovanna Brancaccio (Presidente ARES); 

Stress da Coronavirus – Maria Florencia Gonzalez Leone(Psicologa e Docente Corsi ARES); 

OSS – Giuseppe Sorvillo (Presidente C. N. C. Campaniae Docente Corsi ARES);

OPI Napoli – Gennaro Ascione (Consigliere Ordine delle Professioni Infermieristiche di Napoli); 

Medico –  Francesco Forte (Medico specializzando in Medicina Interna e Attualmente in servizio presso P.O. di Boscotrecase);

Moderatore – Alessandro Maria Raffone (Web Editor).

Per gli OSS (Operatori Socio Sanitari) che prenderanno parte all’evento, e per chiunque dovesse richiederlo, è previsto un attestato di partecipazione. 

Non perdere questa occasione di approfondimento e di conoscenza su un tema così vicino ad ognuno di noi. 

Se interessati, potete iscrivervi tramite questo form.

 

operatore socio sanitario e giornata mondiale del lavaggio delle mani

Gli operatori Socio Sanitari e la giornata mondiale del lavaggio delle mani

Redazione No Comments

Cinque come le dita di una mano, cinque come i momenti fondamentali nel lavaggio delle mani nelle attività assistenziali e sanitarie, il quinto giorno del quinto mese dell’anno: nasce così, per volontà dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la giornata mondiale del lavaggio delle mani nelle attività sanitarie e assistenziali (Hand Hygiene Day).

Appuntamento fisso da ormai 8 anni, da quando, nel 2010, l’OMS ha deciso che era necessario sensibilizzare tutti coloro che sono a contatto con il malato (medici, infermieri, Operatori socio Sanitari e pazienti) sulle norme igieniche necessarie per la tutela del paziente e, in ultima analisi, dell’intera comunità.

L’importanza dell’igiene delle mani è concetto entrato nel bagaglio culturale medico a metà del diciannovesimo secolo grazie agli studi del medico ungherese Ignác Semmelweis che riuscì a dimostrare come, semplicemente lavandosi le mani tra un paziente e l’altro, era possibile ridurre notevolmente i decessi per infezioni e setticemie, all’epoca molto frequenti.

Senza bisogno di risalire al diciannovesimo secolo, è ormai ampiamente noto che nelle strutture sanitarie dove il personale sanitario cura correttamente l’igiene delle mani si riduce il rischio di trasmissione di batteri antibiotico-resistenti, uno sei principali problemi e pericoli per la salute pubblica.

Lo scopo del lavaggio delle mani è quello di ridurre il più possibile la flora batterica e prevenire il passaggio di microorganismi dall’ambiente ospedaliero al paziente e viceversa. È quindi importante che anche l’Operatore Socio Sanitario, a causa del suo stretto e continuo rapporti con il paziente e le strutture ospedaliere, sia ben formato e pronto al corretto lavaggio delle mani nelle sue varie metodologie.

Le diverse metodologie di lavaggio delle mani dipendono da situazioni operative differenti:

  1. Lavaggio sociale, il più frequente e quello maggiormente praticato dall’Operatore Socio Sanitario, da eseguirsi prima di manipolare farmaci o di preparare o servire alimenti. Anche in contesto non sanitario.
  2. il Lavaggio Antisettico, da utilizzarsi prima e dopo il contatto col paziente, differisce dal precedente solo per il materiale utilizzato (sapone o liquido antisettico al posto di quello normale)
  3. il Lavaggio Chirurgico, difficilmente utilizzato dall’OSS, da effettuarsi prima di una procedura chirurgica.

Qualunque sia la metodologia di lavaggio utilizzata, la pulizia delle mani è indicata, secondo le disposizioni dell’OMS, nei seguenti casi:

  1. prima e dopo il contatto diretto con il malato;
  2. dopo la rimozione dei guanti non sterili;
  3. dopo il contatto con liquidi e secrezioni corporee, mucose o cute non integra o in caso di medicazione delle ferite;
  4. quando, assistendo lo stesso malato, si passa da una sede del corpo contaminata a una pulita;
  5. dopo contatto con oggetti nell’immediata vicinanza del malato.

Escludendo i pochi Operatori Socio Sanitari Specializzati impiegati in sala operatoria, tutti gli Operatori Socio Sanitari sono tenuti a  conoscere e saper applicare la procedura di lavaggio delle mani per il lavaggio sociale e per quello antisettico, che, come accennato prima, differisce solo per il materiale utilizzato:

Ricordare sempre che prima del lavaggio delle mani deve essere garantita da parte dell’Operatore la cura e l’igiene delle proprie mani con standard di riferimento che prevedono:

  1. unghie corte e prive di smalto, per prevenire l’accumulo di batteri sotto la superficie delle unghie e in eventuali sfaldature dello smalto;
  2. assenza di monili (anelli, bracciali, orologi), che potrebbero ospitare batteri patogeni;
  3. cute delle mani curata e priva di screpolature, per prevenire il contagio dell’Operatore.

Preparare il materiale occorrente:

  1. Ampio lavandino, possibilmente con comando a pedale
  2. Sapone liquido o antisettico
  3. Asciugamano, meglio se usa e getta.
  4. A) Aprire il rubinetto con il gomito o con il piede, quando possibile, per ridurre il rischio di disseminare organismi nell’ambiente
  5. B) Regolare l’acqua ad una temperatura confortevole e non troppo calda per evitare di danneggiare il fil idrolipidico protettivo delle mani e ridurre il rischio di dermatiti.
  6. C) Bagnare uniformemente mani e polsi
  7. D) Applicare una sufficiente quantità di detergente e strofinare uniformemente mani e polsi per almeno 30 secondi, avendo cura di raggiungere tutte le parti della mano e, in particolar modo, spazi interdigitali e spazi sotto le unghie.
  8. E) Risciacquare con acqua corrente avendo cura di tenere le mani alte rispetto agli avambracci.
  9. F) Asciugare le mani con un asciugamano monouso per eliminare l’umidità residua
  10. G) Chiudere il rubinetto con il gomito o, se manuale, utilizzando un lembo dell’asciugamano per non contaminare le mani appena lavate.

In totale la procedura di lavaggio delle mani non dovrebbe durare meno di 60 secondi.

Paola Lorello

1

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Via Cardito, n.203 - 83031 Ariano Irpino (AV) / Mail : info@infoares.it