• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Tag Archives: obbligatorio

servizio-civile-nazionale-regione-campania

Servizio civile obbligatorio? Impossibile senza i fondi necessari

Redazione No Comments

Il Servizio Civile obbligatorio è una realtà dimenticata da un po’, ma che è stata fatta riemergere in seguito ad un discorso del nuovo Ministro degli Interni, Matteo Salvini. Mettendo da parte, infatti, la libera scelta dei cittadini per il servizio civile e militare, è stato fatto presente che «sarebbe bello reintrodurre il servizio militare e il servizio civile obbligatori per reinsegnare la convivenza civile».

Non mettendo in questione l’aspetto morale di quest’affermazione, è bene però riflettere sulle necessità economiche che starebbero alla base di questa scelta. La leva obbligatoria, militare o civile che sia, è necessariamente retribuita ed essendo il nostro paese una Repubblica basata sul lavoro, non garantire un compenso per una professione obbligatoria si tradurrebbe in vera e propria schiavitù.

È stata fatta una stima dei fondi necessari per riportare sul suolo italiano la leva obbligatoria la quale coinvolgerebbe 100mila giovani. La cifra così calcolata è di circa 400 milioni di euro, più del doppio delle risorse stanziabili al momento per consentire l’attuazione di questa manovra. Sono infatti 150 i milioni di euro attualmente utilizzabili per finanziare un simile progetto, che non è comunque condiviso a quanto pare da Licio Palazzini, presidente della CNESC (Conferenza Nazionale Ente Servizio Civile). Quest’ultimo avrebbe dichiarato: «c’è necessità di politiche pubbliche di rinforzo del senso di appartenenza alla società civile sulla base di una libera scelta…».

Considerando la cifra di 400 milioni di euro, occorre ricordare che essa non sarebbe da investire una tantum, bensì come quota minima e necessaria annua. Vi sono ulteriori stime che, non basandosi su soli 100mila giovani, portano la cifra necessaria alla reintroduzione della leva obbligatoria a svariati miliardi.

Noi dello staff di ARES riteniamo che la sensibilizzazione al Servizio Civile sia fondamentale e che il sentimento di appartenenza alla nostra Nazione dovrebbe guidarci verso un sostegno concreto al patrimonio italiano e ai suoi abitanti. È importante ribadire, però, come tale scelta debba essere completamente autonoma, senza costrizioni di alcun genere. Tralasciamo per un secondo la questione economica, soffermandoci su una considerazione morale. Indubbiamente il Servizio Civile, italiano, europeo o extraeuropeo che sia, è un aiuto concreto che può garantire un miglioramento delle condizioni di vita generali dei cittadini appartenenti a varie fasce di età.

La considerazione di Salvini tenderebbe a sminuire un lavoro che scaturisce dall’altruismo, trasformandolo in un semplice obbligo, da svolgere volente o nolente.

La situazione del Servizio Civile in Italia oggi

È davvero necessario pensare alla leva obbligatoria? A giudicare dai recenti dati non sembrerebbe. Il Servizio Civile ha riscontrato negli ultimi mesi un boom di richieste, in particolare tra i più giovani. La situazione per le organizzazioni regionali che ad esso afferiscono appare florida, con un aumento ingente della domanda per i ragazzi con meno di 29 anni.

Il fondo europeo da stanziare alla dimensione regionale del Servizio Civile sarebbe interessato anche da un aumento del 30% rispetto a quanto investito nel 2015-2017. Molto incoraggianti sono anche i dati riguardanti la situazione lavorativa dei ragazzi che si sono impegnati nel programma: il 46% di essi tra i 22 e i 29 anni avrebbe trovato lavoro entro un anno dal Servizio.

I volontari hanno dimostrato quindi di saper dare il loro valido contributo in situazioni delicate come quelle relative all’ immigrazione, alla sanità, all’assistenza per gli anziani, maturando competenze e ricevendo un compenso per il loro lavoro. La situazione regionale è stata invece abbastanza controversa per il Veneto. Essa prevedeva in un prossimo futuro la possibilità di 8 mesi di leva obbligatoria, civile o militare, per i giovani. Per mancanza di organizzazione, tuttavia, l’iniziativa non è andata in porto in quanto non sarebbe stato possibile gestire una tale iniziativa al momento.

di Andrea Nastro

1

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it