• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Tag Archives: servizio civile universale

il servizio civile a palermo

Servizio Civile Palermo: al via la fase dei colloqui

Redazione No Comments

Servizio Civile Palermo: al via la fase dei colloqui

Servizio Civile Palermo: dopo la pubblicazione di elenchi e calendario, al via la fase dei colloqui per la selezione dei volontari

La procedura per la selezione di 3.589 volontari, da impiegare in progetti di Servizio Civile Universale in Sicilia, entra nella fase finale. A circa 20 giorni di distanza dal 28 settembre, data ultima per la presentazione delle domande da parte dei candidati, è difatti giunta la notizia della pubblicazione degli elenchi. Questi sono consultabili nella sezione dedicata al Servizio Civile presente sul sito istituzionale della Città di Palermo, di cui vi riportiamo l’indirizzo: https://www.comune.palermo.it/scn.php?id=2.

Gli elenchi contengono i nominativi di coloro che sono stati ammessi alla fase di selezione, dei candidati ammessi con riserva e di coloro la cui domanda non è stata accettata. Questi ultimi, come da prassi, hanno potuto richiedere per iscritto istanza di revisione della loro domanda. I candidati ammessi con riserva, sono stati invece contattati direttamente dal personale degli uffici Innovazione e Cittadinanza Attiva. Si tratta di coloro che dovevano perfezionare la documentazione inviata per poter accedere alla fase dei colloqui. In totale, nel capoluogo siciliano, sono stati 521 i candidati ammessi alla selezione e 19 quelli ammessi con riserva.

Ricordiamo che sono ben sei i progetti di Servizio Civile Universale approvati per la città di Palermo.

Servizio Civile Palermo: i colloqui sono iniziati il 29 ottobre

Per gli ammessi alla fase di selezione è stato reso disponibile il calendario dei colloqui, con inizio lunedì 29 ottobre. L’elenco è consultabile sul sito istituzionale della Città di Palermo  all’indirizzo: https://www.comune.palermo.it/noticext.php?cat=4&id=20082. I colloqui sono stati calendarizzati singolarmente per progetto e si svolgono a Palermo, in via Fratelli Orlando n.16, presso la sede di Palazzo Magnisi.

Ai colloqui si accede muniti di documento di identità in corso di validità e di tessera sanitaria, entrambi prodotti anche in fotocopia su foglio A4, possibilmente su una sola facciata. Si raccomanda ai candidati la massima puntualità; coloro che, per cause di forza maggiore, dovessero essere impossibilitati a sostenere il colloquio così come stabilito, potranno richiedere lo spostamento dello stesso ad altra data. 

Si ricorda, tuttavia, che è obbligatorio fornire preavviso scritto della propria impossibilità a presenziare al colloquio nella data e nell’ora indicate, documentando adeguatamente le cause ostative, pena l’esclusione dal bando. 

Per qualsiasi ulteriore informazione, il Comune di Palermo mette a disposizione i seguenti recapiti: U.O. “Innovazione e Cittadinanza Attiva” – Tel. 091 / 7405400 – 7405452 – 7405420 – e-mail: innovazionecittadinanzattiva@comune.palermo.it

Servizio Civile Palermo: quando inizia

Sono ben 339 i progetti di Servizio Civile Universale approvati in Sicilia, presentati da centinaia di enti. Tutti i progetti approvati dovranno iniziare entro aprile 2019 ed avranno una durata di 12 mesi, per un monte ore complessivo non inferiore alle 1400 ore annuali. Le attività richiederanno un impegno settimanale di 30 ore e saranno espletate in 5 o 6 giorni, in accordo con la tipologia del progetto.

I progetti di Servizio Civile Universale contemplano un compenso, detto anche rimborso forfettario, pari a 433,80 Euro mensili. Coloro che svolgeranno il Servizio Civile in un Comune diverso da quello di residenza, avranno diritto anche al rimborso delle spese di viaggio, calcolato considerando la soluzione di spostamento più economica tra il proprio Comune e quello in cui si svolgerà il Servizio Civile.

ARES ed il Servizio Civile

L’ARES,  Associazione Ricerca e Sviluppo , si è proposta  quale ente capofila prefigurandosi l’obiettivo di raccogliere adesioni presso enti pubblici e privati, lavorando sinergicamente con essi. Infatti, con il passaggio dal Servizio Civile Nazionale a quello Universale, è data alle piccole realtà la possibilità di unirsi con un ente capofila responsabile di tutta la fase di progettazione e di coordinamento dei volontari.

Per quest’anno non è più possibile inviare il proprio curriculum per partecipare in quanto volontari, ma vi ricordiamo comunque che il Servizio Civile può essere svolto da giovani maggiorenni, tra  i 18 e 29 anni, rispettando tutte le modalità previste dal bando.

Per maggiori informazioni è possibile contattare i seguenti recapiti: Tel: 0815704220 / 0815705650 – Fax : 08119360595 / 08119360666 – Mobile: 3929164153

Apertura Uffici :  Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 – 80124 Napoli  –  Sede Operativa : Via Medina n.5 – 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it”

 

Articolo scritto da : Giuseppe Esposito

Servizio Civile Universale: pronto il Bando per la Progettazione del 2019

Redazione No Comments

Il 17 ottobre 2018 è stato dato il via alla presentazione di progetti per il Servizio Civile Universale riferito all’anno 2019

Il Servizio Civile è cambiato, da Nazionale è diventato Universale. Il cambiamento lo si è avuto grazie al d.lgs. 6 marzo 2017 n. 40, in cui era stato dichiarato che il Servizio Civile sarebbe diventato Universale puntando alla partecipazione di giovani (in particolar modo i cittadini stranieri), del tutto volontaria, a progetti  volti ad incrementare la loro esperienza, nonché il valore formativo e civile.

Il Servizio Civile non serve solo ad aumentare la partecipazione civile dei giovani, anzi quest’ultimo dà un importante contributo per l’immissione di ragazzi e ragazze nel mondo del lavoro. Da sempre il Servizio Civile offre la possibilità di una crescita personale, oltre allo sviluppo di conoscenze e competenze da mettere a disposizione del prossimo nel proprio Paese. Trasformatosi in Servizio Civile Universale, permette l’ impiego delle abilità  acquisite ad un campo più ampio, come quello del lavoro.

A tal proposito, il decreto legislativo n.40 del 2017 prevede che siano stabiliti dei “crediti formativi” per chi partecipa Servizio Civile Universale.

Tali crediti sono fondamentali poiché possono essere riconosciuti nell’ambito della formazione professionale e dell’istruzione. Il ragazzo o la ragazza che decide di prendere parte all’iniziativa  può richiedere il riconoscimento dei crediti formativi anche presso la propria università, per le attività svolte durante il Servizio Civile Universale e attinenti al curriculum di studio.

A tutti i volontari verrà fornito un rimborso mensile di 433,80, a cui saranno sommati eventuali €450 di indennità per coloro che sono impegnati all’estero.Inoltre, le attività svolte non implicano alcun tipo di contratto lavorativo né tantomeno il soggetto partecipante verrà cancellato o sospeso dalle liste di collocamento o dalle liste di mobilità. Tutti coloro che sceglieranno di partecipare al Servizio Civile Universale avranno diritto ad una formazione sia specifica che generale, basata principalmente sulle conoscenze dei principi attinenti al progetto a cui si sta prendendo parte.

Servizio Civile Universale: via ai progetti 2019

Dallo scorso 17 ottobre è possibile per il Servizio Civile Universale emettere bandi e progetti attinenti all’anno 2019.

il sottosegretario alla presidenza del consiglio vincenzo spadaforaIl Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Vincenzo Spadafora, nonché delegato al Servizio Civile e ai giovani, ha dichiarato che il bando del 2019 si concentrerà maggiormente sulla valorizzazione delle competenze dei volontari. Ancora una volta il Sottosegretario ha sottolineato che l’esperienza del Servizio Civile può offrire nuove possibilità e preparazione ai giovani per affrontare le sfide del mondo lavorativo.

Inoltre, Spadafora ha ritenuto opportuno chiarire che nelle nuove normative presenti nel decreto legislativo n 40 del 2017 vi è una maggiore flessibilità nella durata del Servizio Civile e nella sua articolazione.

Ai giovani è stata offerta anche la possibilità di scegliere di svolgere il proprio Servizio Civile in un Paese appartenente all’Unione Europea per un periodo di circa 3 mesi, oppure seguire un percorso di tutoring per favorire le competenze utili ad integrarsi nel mondo lavorativo. Per la presentazione dei progetti vi sarà tempo fino alle ore 14:00 del 11 gennaio 2019 e a poter concorrere saranno sia gli enti iscritti all’albo del Servizio Civile Universale che Nazionale.

Enrico Maria Borrelli, presidente del Forum Nazionale del Servizio Civile, Ha dichiarato che gli enti partecipanti al Servizio Civile dovranno proporre progetti in grado di rilevare i bisogni della comunità e programmare interventi che possano favorire un migliore sviluppo di vita dei cittadini, offrendo ai partecipanti l’opportunità di crescita personale. Questa è una grande opportunità per il proprio Paese, dal momento che moltissimi enti e organizzazioni di volontari professionisti si concentreranno con il massimo impegno per fornire il miglior servizio, in maniera del tutto gratuita.I progetti saranno poi valutati dalle Regioni, dalle Province e dal Dipartimento entro i 6 mesi successivi dal 11 gennaio 2019.

I progetti di SCU potranno essere selezionati direttamente dai volontari tra quelli presentati da ARES

L’ARES,  Associazione Ricerca e Sviluppo , si è proposta  quale ente capofila prefigurandosi l’obbiettivo di raccogliere quante più realtà di enti pubblici e privati, per lavorare sinergicamente. Infatti con il passaggio dal Servizio Civile Nazionale a quello Universale, è consentito alle piccole realtà di unirsi con un ente capofila responsabile di tutta la fase di progettazione e coordinamento dei volontari.

Per quest’anno non è più possibile inviare il proprio curriculum per partecipare in quanto volontario, comunque vogliamo ricordarvi che al Servizio Civile possono prendere parte giovani maggiorenni, tra  i 18 e 29 anni, e che abbiano presentato la domanda di partecipazione secondo le modalità previste dal bando.

Carla Sarnataro

Servizio civile universale: il Parlamento si interroga sul blocco all'aggiornamento degli albi

Servizio Civile Universale: il Parlamento si interroga sul blocco all’aggiornamento degli albi

Redazione No Comments

Servizio Civile Universale: il Parlamento si interroga sul blocco all’aggiornamento degli albi

18 ottobre: Stefano Ceccanti, politico dell’area DEM chiede chiarimenti in merito agli albi sul SCU, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri: “se non ritenga di assumere iniziative per consentire agli enti iscritti agli albi di effettuare l’adeguamento dell’accreditamento relativamente a nuove sedi e nuove figure professionali, in vista dell’imminente presentazione dei nuovi progetti“.

Siamo in un periodo in cui il Dipartimento della Gioventù e quello riguardante il Servizio Civile Nazionale ha interrotto totalmente l’aggiornamento dell’Albo nazionale e regionale (con le proprie province autonome), con conseguente rallentamento all’iscrizione di nuovi individui nel mondo del Servizio Civile, privando la possibilità di salire di grado alle persone già facenti parte del SCN e lo sblocco dei fondi per attuare progetti e ampliare le sedi.

Così il deputato PD a riguardo: “Sin dalla primavera 2018 l’assemblea della Conferenza Nazionale degli enti del Servizio Civile ha lamentato la lentezza con la quale si stanno svolgendo le operazioni di accreditamento al nuovo albo unico del Servizio Civile Universale, chiedendo con urgenza di permettere ingressi di nuove organizzazioni per il prossimo deposito progetti“, tutto ciò nella giornata del 18 ottobre, pretendendo risposte tempestive.

Prosegue, dunque, l’onorevole affermando che: “nella riunione della Consulta Nazionale del Servizio Civile del 2 ottobre 2018 è emerso che la situazione di accreditamento al nuovo Albo del Servizio Civile Universale è di fatto bloccata, essendo stato finora iscritto un solo ente

Qui l’appello ufficiale alla presenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri: “quale sia il numero di enti, già iscritti agli Albi nazionale o regionali del servizio civile nazionale che, alla data del 15 ottobre 2018, abbiano presentato richiesta di iscrizione all’Albo del Servizio Civile Universale, nonché quanti siano, alla stessa data, gli enti già iscritti al predetto Albo” – chiedendo, inoltre, al governo se – “non ritenga di assumere iniziative per consentire, in via transitoria, agli enti iscritti agli Albi del Servizio Civile Nazionale di effettuare l’adeguamento dell’accreditamento relativamente a nuove sedi e nuove figure professionali, in vista dell’imminente presentazione dei nuovi progetti, come richiesto da molti enti accreditati“.

Noi di ARES invitiamo le associazioni e le aziende interessate a contattarci per partecipare con noi a progetti concernenti il Servizio Civile Universale; acronimo di Associazione Ricerca e Sviluppo, siamo un’associazione senza scopo di lucro che svolge attività coadiuvanti nella formazione professionale in risposta ai bisogni occupazionali e di riqualificazione dei lavoratori.

Uno degli scopi della nostra Associazione è di stringere ed intavolare accordi con nuove realtà, non solo per il forte impatto che l’esperienza del Servizio Civile può avere nei ragazzi che vi partecipano, ma anche per le novità che apporta la riforma istitutrice del Servizio Civile Universale.

Siamo aperti ad ogni realtà, con la speranza che possiate divulgare il nostro invito anche ad altre realtà territoriali di vostra diretta conoscenza o con le quali collaborate, nonché ad eventuali associazioni all’estero (essendo stata introdotta la possibilità di far svolgere ai volontari un periodo di tre mesi presso una sede estera).

Cristiano De Stefano

1

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Legale : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                                  Sede Operativa : Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it