• Telefono : 081 5704220 - 0815705650 | Fax : 08119360595 / 08119360666 Messaggia su WhatsApp Mobile Con Whatsapp: 3929164153
  • ares@infoares.it | Canale Video Youtube

Tag Archives: #serviziocivile

servizio civile di gorgonzola cultura e biblioteca

Il servizio civile di Gongorzola inaugura il progetto “cultura e biblioteca”

Ares No Comments

LA CULTURA, GRAZIE AL SERVIZIO CIVILE DI GORGONZOLA, SI AVVICINA AD OLTRE 1200 RAGAZZI PER UN ANNO

La cultura è un aspetto della vita di una persona molto importante, tuttavia nell’ambito del servizio civile non è presa seriamente in considerazione. Le cose, fortunatamente, sembra stiano cambiando e grazie ad una piccola città della Lombardia, Gorgonzola per la precisione, i ragazzi dai 18 ai 29 anni da metà giugno, a breve quindi, potranno partecipare al bando indetto dal Comune.

Il progetto in questione  si chiama “Cultura e Biblioteca” e sarà ufficialmente attivo dalla fine del 2018. Il servizio civile di Gorgonzola ha deciso di avviare questo bando per dare la possibilità a tantissimi ragazzi, si parla di 1259 giovani residenti nei diversi comuni della Lombardia, di avvicinarsi al mondo della cultura attraverso un progetto di durata annuale.

PROGETTO ANNUALE PER 30 ORE SETTIMANALI

La realizzazione del progetto, attraverso il bando dei prossimi giorni, ha visto l’approvazione di Palazzo Lombardia dopo che l’ANCI Lombardia lo ha presentato; il placet ufficiale è arrivato, poi, con il Decreto Regionale n. 7675 del 25 maggio 2018, che ha ufficialmente tramutato in realtà il servizio civile di Gorgonzola dedicato alla cultura.

Come detto la durata del progetto è annuale, aperta ai ragazzi dai 18 ai 29 anni d’età non compiuti, e vedrà un impegno settimanale pari a 30 ore. L’Amministrazione di Gorgonzola, inoltre, ha deciso di avviare due progetti dedicati all’ambito culturale; il primo coinvolge tutta l’area della biblioteca comunale mentre il secondo la cultura in tutte le sue sfaccettature.

QUALI SONO I RIFERIMENTI PER PARTECIPARE AL SERVIZIO CIVILE DI GORGONZOLA?

Per poter partecipare ad uno dei due progetti del servizio civile di Gorgonzola, il cui bando si ricorda partirà dalla metà del mese, bisogna far riferimento alla dottoressa Monica Catellani, responsabile della Biblioteca Civica “Franco Galato” che si trova in Via Montenero 30, nel comune di Gorgonzola, appunto. Grazie alla dottoressa Catellani i ragazzi selezionati potranno svolgere il progetto in tutta la sua durata.

CONDIZIONI OBBLIGATORIE PER PARTECIPARE AL BANDO

Per poter partecipare al bando, tuttavia, bisogna ricordare che ci sono alcune condizioni obbligatorie senza le quali le candidature andranno a cadere. Detto della forbice anagrafica per l’adesione, i ragazzi che hanno intenzione di prendere parte al progetto devono essere italiani, comunitari o non comunitari, purché con regolare permesso di soggiorno in Italia.

Altro aspetto fondamentale è che tutti i ragazzi intenti a partecipare al servizio civile di Gorgonzola non devono svolgere, o aver mai fatto, alcun progetto di servizio civile nazionale. Tutti i papabili candidati, che sono già interessati al progetto possono iniziare a compilare il modulo di partecipazione presente sulla pagina Facebook “Volontari SC ANCI Lombardia”.

IN ATTESA DI ULTERIORI SVILUPPI IL SERVIZIO CIVILE DI GORGONZOLA SI APRE ALLE ADESIONI

La compilazione del modulo sulla pagina Facebook dell’ANCI Lombardia non rappresenta obbligatorietà di partecipazione; la candidatura, infatti, è semplicemente un sistema adottato dal comune lombardo per iniziare ad avere un quadro generale degli eventuali candidati interessati ad uno dei due progetti dedicati alla cultura ed alla biblioteca.

Una volta inseriti i dati, l’ANCI Lombardia comunicherà direttamente agli eventuali candidati la pubblicazione del bando, valida per sostenere le selezioni per la scelta dei 1259 ragazzi idonei ai progetti. I colloqui si svolgeranno, infine, dalla prossima metà di luglio fino alla fine del mese di settembre e dal mese di ottobre fino alla fine dell’anno potrà finalmente partire il servizio civile di Gorgonzola per il progetto “Cultura e Biblioteca 2018”.

Si informa, infine, che è possibile richiedere informazioni sui vari progetti del servizio civile della Lombardia, Abruzzo ed Umbria dal sito www.scanci.it/manifestazione-interesse/  con la compilazione del modulo d’interesse che, come nel caso del progetto “Cultura e Biblioteca”, non equivale ad un’adesione ma semplicemente ad una richiesta di interesse. Si consiglia, quindi, di restare aggiornati per l’imminente pubblicazione del bando.

di Mattia D’Anna 

servizio civile nazionale lavoro per i giovani

Servizio Civile: una risorsa figlia dell’etica

Ares No Comments

Andiamo ad analizzare quali sono i saldi principi che hanno portato il Servizio Civile ad essere oggi un’affermata realtà

La morale e l’etica su cui si erge il Servizio Civile Nazionale affondano le loro radici nel 1972, quando sotto la crescente pressione delle organizzazioni non violente il governo italiano approva la legge n. 772, riguardante le norme in materia di obiezione di coscienza. La legge concede il diritto all’obiezione per motivi religiosi, filosofici o morali e istituisce il Servizio Civile come alternativa alla leva militare obbligatoria.

Ma è solo con la legge del 6/03/2001 n. 64 che verrà fondato Il Servizio Civile Nazionale, diventando non più una mera alternativa ma un servizio a sé stante. Esso si sostituirà definitivamente al servizio di leva militare con la sospensione di quest’ultimo nel 2005.

Lavoro di squadra

Con il decreto legislativo n. 40 del 6/03/2017 il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e gli enti di Servizio Civile Universale si impegnano a cooperare in base ai principi del confronto, della lealtà e della fattibilità, ognuno nei propri ambiti, per una massima valorizzazione dell’istituto in questione.

L’impegno del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale

  • I suddetti enti si impegnano a svolgere un’attività di promozione del Servizio Civile, divulgando informazioni di ogni genere: finalità dell’istituto, ruolo svolto dagli operatori, obiettivi e risultati degli interventi e impatto di questi ultimi sul territorio. Lo scopo finale è quello di avvicinare i giovani a questa realtà; ricordiamo infatti che il Servizio Civile offre ai ragazzi un percorso di formazione civica, sociale, culturale e professionale attraverso esperienze di cooperazione, solidarietà e responsabilità.
  • L’aiuto reciproco è visibile nell’impegno di sostenere gli enti di Servizio Civile Universale con iniziative volte ad elevare la qualità dei progetti e a valorizzarne il ruolo nell’ambito delle attività di promozione del Servizio Civile Universale e di diffusione dei relativi valori. Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale offrirà in aggiunta corsi di formazione per il personale degli enti coinvolti.

L’impegno degli enti di Servizio Civile Universale

L’onere degli enti del Servizio Civile Universale tocca diversi temi. Andiamo brevemente ad analizzarli:

  • In primis essi si impegnano nell’attuazione di una legge che valorizzi la difesa della patria e che sia intesa non nei termini di un’aggressione militare esterna, ma in forme di impegno sociale non armato e non violento, che mettano in risalto valori quali la pace, la solidarietà e la comunicazione tra i popoli.
  • Gli enti riconoscono il ruolo di integrazione e di inclusione che il Servizio Civile rappresenta per i giovani nella società, cercando di ridurre al minimo il divario tra i bisogni della comunità e le risorse dello Stato. L’istituto viene considerato inoltre come una risorsa per i disabili ed i meno agiati facendo della tutela dei diritti il suo cavallo di battaglia.
  • Essi si impegnano nella formazione culturale e professionale dei giovani, permettendo loro di avvicinarsi al mondo del lavoro attraverso il supporto di professionisti competenti. L’obiettivo è inoltre lo sviluppo di una coscienza civica nel cittadino affinché possa relazionarsi con le istituzioni nel pieno rispetto delle regole democratiche.
  • Gli enti riconoscono il diritto degli operatori a conoscere esattamente gli ambiti in cui essi dovranno operare, allo scopo di metterli perfettamente a proprio agio mediante la scelta consapevole di un’attività che sia pertinente alle proprie attitudini.
  • Essi si impegnano inoltre a non inserire gli operatori in attività non attinenti al Servizio Civile, a favorire l’integrazione degli stessi nella struttura in cui sono destinati e a renderli partecipi in ogni fase del progetto. In questo modo i partecipanti potranno avere un quadro completo e un’esperienza a 360 gradi dell’ambiente lavorativo e del modus operandi.

Davide Gabriele Bianco

1

Tel: 0815704220 / 0815705650 - Fax : 08119360595 / 08119360666 - Mobile: 3929164153

Apertura Uffici : Lunedi al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 | Sede Operativa : Viale Campi Flegrei 41 - 80124 Napoli                 Sede Legale: Via Medina n.5 - 80133 Napoli / Mail : info@infoares.it